WarnerMedia è stata citata in giudizio per aver rilasciato The Matrix Resurrections su HBO Max

Un altro importante studio sta affrontando una causa per le uscite giornaliere di un titolo tanto atteso. Village Roadshow Films, che ha co-prodotto Matrix Resurrections con la Warner Bros., ha citato in giudizio WarnerMedia per aver distribuito il film su HBO Max lo stesso giorno in cui ha debuttato nelle sale.

La causa, depositato oggi nella Corte Superiore di Los Angeles, sostiene che WarnerMedia abbia “affrettato” il rilascio di Matrix Resurrections dal 2022 al 2021 in modo che il film possa debuttare nell’ambito di un’iniziativa codificata internamente nota come “Progetto Popcorn”. Questo modello di rilascio scambierebbe le entrate al botteghino con gli abbonamenti in streaming, privando i partner delle entrate legate alla performance del film.

Per tutto il 2021, WarnerMedia ha deciso di distribuire la sua intera lista di film contemporaneamente su HBO Max lo stesso giorno in cui sono stati presentati in anteprima nelle sale come parte della sua strategia pandemica. (Da allora la Warner Bros. è tornata a impegni teatrali esclusivi nel 2022.) La causa caratterizza Project Popcorn come il “piano clandestino di WarnerMedia per ridurre materialmente il botteghino e le entrate accessorie correlate generate dai film con pali della tenda che Villiage Roadshow e altri avrebbero diritto a ricevere in scambio per aumentare le entrate dell’abbonamento per il nuovo servizio HBO Max. ”

In una dichiarazione condivisa con Il confine, La Warner Bros. ha definito la causa “un tentativo frivolo da parte di Village Roadshow di evitare il loro impegno contrattuale a partecipare all’arbitrato che abbiamo avviato contro di loro la scorsa settimana. Non abbiamo dubbi che questo caso si risolverà a nostro favore”.

Come nel caso della causa di Scarlett Johansson contro la Disney per il rilascio simultaneo di Vedova Nera durante la pandemia, Village Roadshow afferma che il rilascio Matrix Resurrections in questo modello ha fornito “zero benefici” a se stesso, al suo talento o ai suoi partner. Un film che “avrebbe dovuto essere un sequel incredibilmente prezioso La matrice trilogia” ha contribuito ad aumentare il valore di HBO Max e ad aumentare i suoi abbonati, afferma la causa, ma ha danneggiato le entrate cinematografiche del film e “ha inflitto gravi danni all’intero franchise di Matrix”.

“Il colpo a Matrix Resurrections“Il ritorno al botteghino non è stato solo il risultato della cannibalizzazione dello streaming, ma della pirateria dilagante che sapeva sarebbe arrivata distribuendo questa immagine principale su una piattaforma di streaming lo stesso giorno della sua uscita nelle sale”, afferma la causa. “Il risultato cumulativo è stato devastante”.

Village Roadshow collabora da decenni con la Warner Bros. e ha cofinanziato 91 titoli, tra cui Burlone, il dell’Oceano franchising, e La matrice film. La società sostiene che la Warner Bros. ora li sta respingendo, tentando di eliminarli quando si tratta di lavorare e trarre profitto dai lavori in franchising.

Questi disaccordi sui diritti si estendono a progetti come Wonka e una serie basata su Bordo di domani, che è un film Village Roadshow. In caso di Bordo di domani, la Warner Bros. “ha insistito affinché Village Roadshow rinunciasse volontariamente ai suoi diritti di cofinanziamento e comproprietà”.

“Quando Village Roadshow ha rifiutato, WB ha detto ad alta voce la parte tranquilla: non consentirà a Village Roadshow di beneficiare di nessuno dei suoi diritti derivati ​​in futuro, nonostante gli oltre 4,5 miliardi di dollari che ha pagato WB per realizzare e distribuire 91 film”, la causa stati. “In altre parole, se Village Roadshow non rinuncerà ai suoi diritti, WB farà in modo che non valgano nulla”.

In una dichiarazione, Mark Holscher, un partner contenzioso Kirkland & Ellis che rappresenta Village Roadshow, ha affermato che la Warner Bros. “ha il dovere fiduciario di rendere conto a Village Roadshow di tutti i guadagni derivanti dallo sfruttamento dei diritti d’autore dei film, non solo quelli che può”. t nasconderti attraverso accordi d’amore a beneficio di HBO Max. ”

Tra le sue accuse, Village Roadshow afferma che la Warner Bros. era a conoscenza di potenziali danni ai problemi di profitto e pirateria e ha portato avanti una versione ibrida di Matrix Resurrections comunque, danneggiando così non solo i guadagni del franchise, ma anche la sua eredità.

La causa afferma che non ci sono dubbi sul fatto che “l’abissale vendite al botteghino teatrale da Matrix Resurrections diluire il valore di questo franchise di tende da tenda in quanto la mancanza di redditività di un film generalmente impedisce agli studi di investire in sequel aggiuntivi e film derivati ​​a breve termine”.


Imparentato:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.