Spotify è più confuso che mai su Joe Rogan

La situazione di Joe Rogan su Spotify continua a diventare sempre più confusa.

Con l’evolversi della situazione, anche il trattamento riservato dall’azienda al suo podcaster di punta. Un giorno, dice che è una piattaforma pratica che tratta tutti i creatori allo stesso modo. Il prossimo, ammette di avere discussioni backdoor con Rogan e di aver tirato fuori episodi a causa dell’indignazione per il linguaggio usato nello show. Il colpo di frusta mina la narrativa di Spotify su come interagisce con Rogan e altri podcaster e offre una finestra sul delicato rapporto tra Rogan e l’azienda che dipende da lui per rimanere differenziato. Immergiamoci dove le cose non sono in linea.

Spotify ha ribadito più volte che si considera semplicemente una piattaforma per podcast, nonostante abbia pagato a Rogan 100 milioni di dollari per distribuire il suo spettacolo. Il fatto che Spotify voglia credere che Rogan sia un creatore di audio come tutti gli altri è stato un ritornello costante da quando Neil Young e altri musicisti hanno ritirato la loro musica dalla piattaforma quasi due settimane fa perché credevano che Rogan e i suoi ospiti diffondessero disinformazione sul COVID-19.

Spotify ha risposto a quella controversia dicendo che avrebbe intrapreso solo azioni di moderazione contro i contenuti che violavano le sue regole, regole che non erano pubbliche fino a quando Il confine prima segnalato su di loro, e poi quale Spotify stesso pubblicato giorni dopo.

Che Spotify stava pagando $ 100 milioni per la distribuzione esclusiva L’esperienza di Joe Rogan non dovrebbe cambiare nulla, secondo il CEO Daniel Ek, che la scorsa settimana ha affrontato direttamente quella relazione in un municipio interno:

“Nonostante JRE è un’esclusiva, è un contenuto concesso in licenza”, ha affermato Ek nelle osservazioni ottenute da Il confine. “È importante notare che non abbiamo il controllo creativo sui contenuti di Joe Rogan. Non approviamo i suoi ospiti in anticipo e, proprio come qualsiasi altro creatore, riceviamo i suoi contenuti quando li pubblica, quindi li esaminiamo e, se viola le nostre norme, adottiamo le misure di contrasto appropriate”.

Ek ha anche chiarito che Rogan era fondamentale per il successo dell’azienda, dicendo ai dipendenti che il catalogo di Spotify non era differenziato dai rivali e che la firma di esclusive come Rogan ha dato all’azienda una leva nei negoziati con Amazon, Google e Tesla. La firma di Rogan ha contribuito a trasformare Spotify nell’app di podcasting numero uno negli Stati Uniti, ha osservato.

A questo punto, la posizione di Spotify sembrava essere chiara: Rogan era di fondamentale importanza per il successo di Spotify e gli sarebbe stato permesso di dire quello che voleva, purché rientrasse nei limiti delle regole di moderazione di Spotify. Dustee Jenkins, responsabile delle comunicazioni globali e delle pubbliche relazioni di Spotify, ha affermato ai dipendenti di Spotify che Rogan sarebbe stato trattato come qualsiasi altro creatore in base a tali regole: “Applichiamo le nostre politiche in modo coerente e obiettivo”, ha scritto in una nota al personale visto da Il confine.

Durante la telefonata sugli utili della società del 3 febbraio, Ek era chiaro che le regole erano le regole e Spotify non avrebbe “cambiato le nostre politiche basate su un creatore né le cambiavamo in base a qualsiasi ciclo dei media o chiamate di qualcun altro”.

Poi è arrivato il successivo ciclo mediatico di Joe Rogan.

musicista India Arie ha tirato la sua musica dalla piattaforma la scorsa settimana per l’uso ripetuto della parola-n da parte di Rogan e ha condiviso un montaggio video virale di Rogan usando l’insulto razziale sul suo podcast, un montaggio che era stato originariamente realizzato nel gennaio del 2020. In netto contrasto con il modo in cui ha gestito Young e Joni Mitchell per protestare contro la disinformazione COVID, Spotify è intervenuto rapidamente.

di Spotify regole sui contenuti pubblici non sembrano vietare l’uso della n-word. Ecco la sezione più rilevante su ciò che è vietato:

“I contenuti che incitano alla violenza o all’odio verso una persona o un gruppo di persone sulla base di razza, religione, identità o espressione di genere, sesso, etnia, nazionalità, orientamento sessuale, stato di veterano, età, disabilità o altre caratteristiche associate a discriminazione o emarginazione sistemica includono , ma non può essere limitato a:

lodare, sostenere o invocare la violenza contro una persona o un gruppo di persone sulla base delle caratteristiche sopra elencate

affermazioni disumanizzanti su una persona o un gruppo basate sulle caratteristiche protette sopra elencate

promuovere o glorificare gruppi di odio e le loro immagini e/o simboli associati”

L’uso della n-parola da parte di Rogan non sembra rientrare in nessuna di queste categorie. Sulla base delle dichiarazioni di Spotify su come applica le sue regole, gli episodi che usano quella lingua dovrebbero rimanere in diretta, come lo sono stati per oltre un anno. E di certo non dovrebbero scendere a causa di un “ciclo dei media”.

Ma venerdì, episodi di JRE iniziò a scomparire, unendosi a precedenti episodi rimossi. Spotify ha ora rimosso più di 100 episodi, secondo JREMissing.com.

Ciò è accaduto dopo che Ek e il team hanno discusso della rimozione degli episodi con Rogan, secondo un promemoria interno visualizzato da Il confine. In esso, Ek afferma ancora una volta che crede che Spotify sia una piattaforma neutra, anche se si impegna in comportamenti di modellazione dei contenuti.

Ek afferma che lo staff di Spotify ha parlato con Rogan di “alcuni dei contenuti del suo show, inclusa la sua storia di utilizzo di un linguaggio insensibile alla razza” e seguendo queste chat “e le sue stesse riflessioni”, Ek afferma che Rogan “ha scelto di rimuovere un certo numero di episodi da Spotify.”

Quindi: dopo una crisi di pubbliche relazioni, Spotify ha contattato Rogan e gli ha fatto accettare di rimuovere gli episodi del suo programma dalla piattaforma. Il promemoria di Ek afferma anche che la società ora dedicherà $ 100 milioni alla licenza e ai contenuti di marketing realizzati da creatori di comunità storicamente emarginate, una mossa che la società non ha effettivamente annunciato ufficialmente ma per cui vuole chiaramente credito.

Allo stesso tempo, gli ex ospiti dello spettacolo di Rogan sono sconvolti, indicando Spotify come un esempio di teorie cospirative più ampie sulla censura del governo, sull’annullamento della cultura e altro ancora. Michele Malizia e Kyle Kulinski da allora hanno twittato, come ha fatto Tim Dillon, Whitney Cummings, Lex Fridman, e altri.

Spotify lo vuole in tutti i modi: essere considerato una semplice piattaforma quando si tratta di disinformazione COVID, ma ottenere il merito di essere un partecipante impegnato e responsabile quando si tratta di linguaggio razzista. Il risultato sono azioni confuse, messaggi confusi e creatori confusi.

Dipendenti di Spotify, se avete chiarezza su cosa sta succedendo dietro le quinte o pensieri da condividere, sono a ashley.carman@theverge.com e su Twitter, dove puoi DM per il mio segnale.

La società non ha risposto a una richiesta di commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.