Max Parrot del Canada vince l’oro nello Snowboard Slopestyle maschile


ZHANGJIAKOU, Cina — Il corso di slopestyle al Genting Snow Park ha ricevuto per lo più recensioni entusiastiche per la sua difficoltà e il design a tema Great Wall. Lunedì, la sua secolare rievocazione, fatta di neve, ha fatto da palcoscenico ad alcune acrobazie della prossima epoca.

Dodici finalisti dello snowboard slopestyle maschile si sono dati tre turni ciascuno, percorrendo una serie di rail complicati (e un finto tetto innevato destinato a sembrare un corpo di guardia) e tre salti giganti, una mostra can-you-top-this. Contava solo il loro miglior punteggio.

Alla fine, è stato Max Parrot a rivendicare l’oro, seguito dal cinese Su Yiming e dal canadese Mark McMorris. È stata la terza gara di slopestyle olimpica consecutiva in cui McMorris ha vinto il bronzo.

“Come direbbe mio fratello, ‘oro rosa’”, ha detto McMorris.

La vittoria di Parrott corona una rimonta dal cancro dalle ultime Olimpiadi. Al 27enne del Quebec è stato diagnosticato un linfoma di Hodgkin nel dicembre 2018, 10 mesi dopo aver vinto una medaglia d’argento nello slopestyle ai Giochi di Pyeonchang. Nel 2019 è stato dichiarato libero dal cancro.

“Esattamente tre anni fa, in questa data particolare, ero sdraiato nel letto d’ospedale, sottoponendomi a 12 trattamenti di chemioterapia. Non avevo più muscoli, niente più energia, niente più cardio. A volte volevo smettere perché era così difficile arrivare al mattino successivo. Stare qui tre anni dopo e vincere l’oro, è completamente pazzesco”.

Su, 17 anni, è arrivato a queste Olimpiadi come il più grande jolly, un possibile ladro di spettacoli. La maggior parte degli snowboarder cinesi non ha gareggiato a livello internazionale negli ultimi due anni a causa della pandemia. La squadra è riemersa sul circuito mondiale questo inverno con un elenco completo e una litania di trucchi impressionanti.

McMorris ha ricordato Su dalle precedenti competizioni e apparizioni in Cina dal 2010.

“Sto vedendo questo ragazzino, è sempre in giro e ama lo snowboard più di ogni altra cosa e mi ha idolatrato”, ha detto McMorris. “E poi, boom, questo autunno è così dannatamente bravo. È diventato un uomo».

Su ha vinto la prima competizione big air della stagione, in Colorado, e poi ha ottenuto il miglior punteggio di qualificazione nelle manche preliminari olimpiche di domenica.

Ciò lo ha reso una celebrità immediata in Cina: secondo i media statali cinesi, era già conosciuto da alcuni come attore bambino.

Ha avuto una solida prima run in finale, poi una spettacolare seconda. Con un salto in avanti dal corpo di guardia vicino alla parte superiore del percorso, ha ottenuto tre grandi salti. L’ultimo, un 1800 (cinque rotazioni), si è concluso con Su che alzava le braccia in aria, alzando in piedi i tifosi in tribuna, sventolando le bandiere.

È stato uno spettacolo da capogiro per tutto il tempo. Alcuni dei tentativi tentati avevano così tanti giri che era difficile contare senza la riproduzione al rallentatore. Dopo ogni run, i giudici hanno studiato le mosse, contato le rotazioni, valutato lo stile e sputato numeri che hanno rimescolato le classifiche.

Il campione olimpico in carica Red Gerard degli Stati Uniti ha preso un vantaggio iniziale atterrando un paio di 1620 (quattro rotazioni e mezzo) racchiuse attorno a un doppio tappo di sughero 1080, con la sua rotazione a cavatappi fuori asse. I giudici lo hanno segnato a 83,25 punti.

Questo era il punteggio che altri inseguivano. Parrot lo ha superato per primo, con un 90.96 nella sua seconda manche, con tre triple sughero consecutive.

La vera caccia era iniziata.

McMorris, 28 anni, stava cercando la sua prima medaglia d’oro olimpica. Ha guadagnato una medaglia di bronzo sia alla gara inaugurale dello slopestyle olimpico ai Giochi di Sochi 2014 che ai Giochi di Pyeongchang 2018, ogni esibizione è stata ostacolata da un infortunio.

Ha vinto gli X Games alla fine di gennaio e ha pensato che avrebbe potuto vincere le Olimpiadi, alla fine, dopo aver ottenuto un’ultima corsa, ha pensato che fosse ancora meglio. Ha buttato Gerard al quarto posto.

“Pensavo all’oro o all’argento, ad essere onesti”, ha detto McMorris. “Ma non lascerò che mi abbatta.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.