I designer trascorrono mesi a realizzare keycap personalizzati, poi arrivano le contraffazioni

Olivia Briggs è rimasta quasi lusingata la prima volta che ha visto i suoi modelli di copritasti imitati da un altro produttore.

“All’inizio ero davvero molto eccitato”, mi dice Briggs durante una videochiamata. “Avevo quella sensazione di ‘fatto’. Come ‘wow, la mia cosa è abbastanza popolare che altre persone vogliono produrla!'” È stato un bel cambiamento rispetto a quando la designer di New York ha prodotto il suo primo set di copritasti e temeva che “nessuno” si sarebbe interessato a loro .

Ma negli ultimi due anni, questi cloni sono diventati sempre più importanti e ora, se cerchi due dei famosi set di keycap di Briggs, Olivia e Oliva, Google ti mostrerà spesso cloni prima degli originali. Briggs dice che una recente vendita per il suo set di keycap Olive non ha funzionato come sperava, e sospetta che la pronta disponibilità di cloni possa avere qualcosa a che fare con questo.

“C’è frustrazione che la domanda [for Olive] non corrispondeva alla mia comprensione percepita”, dice Briggs, “e quella comprensione percepita è stata, in una certa misura, soddisfatta dalla proliferazione dei cloni”.

Briggs fa parte di un movimento in crescita di artisti e designer che producono alternative ai copritasti di serie venduti con la maggior parte delle tastiere meccaniche. I piccoli blocchi di plastica sono facili da staccare dai loro interruttori utilizzando semplici strumenti di estrazione e la loro sostituzione può conferire a una tastiera un aspetto, una sensazione e un suono radicalmente diversi, per non parlare di trasformare un generico accessorio per computer in qualcosa di molto più personale. Scambiare i copritasti con alternative aftermarket è diventato così comune che non è raro vedere tastiere premium vendute senza copritasti nella confezione.

Ma poiché i keycap di design sono diventati più popolari, anche i knockoff più economici. Questi set di tasti utilizzano le stesse combinazioni di colori e spesso anche gli stessi nomi, in un apparente tentativo di sfruttare la popolarità dei design originali. Per un osservatore casuale è raramente ovvio che sono prodotti da un’azienda non collegata, senza alcun input da parte del designer, e potrebbero registrare vendite che avrebbero potuto supportare il creatore originale.

“Come creatore, è frustrante vedere una copia di un progetto in cui hai investito centinaia di ore, disegnando la tua grafica e le tue cose, che viene derubato”, afferma Biip, un designer di keycap noto per set come i coloratissimi Frappè DSA e astratto Punti GMK. “Non è nemmeno il fatto che potrebbe avere un impatto sulle vendite dell’originale, ma più che qualcuno ha appena alzato il dito medio davanti a me e ha rubato [from] me.”

I copritasti Olivia di Briggs…
Immagine: Olivia Briggs

…rispetto a un set di un’azienda separata venduto anche con il nome “Olivia”.
Immagine: Epomaker

I keycap sono particolarmente vulnerabili ai knockoff a causa del complicato processo che molti di loro attraversano per essere realizzati. La maggior parte dei designer e venditori di keycap non ha i soldi per pagare in anticipo la produzione di un set di keycap. Invece, è emerso un sistema ad hoc noto come “acquisto di gruppo”, in cui i membri interessati della comunità delle tastiere meccaniche possono effettivamente preordinare i copritasti, contribuendo con denaro a pagare una fabbrica per produrre una serie di poche centinaia di set con colori originali schemi e disegni.

Il problema è che questo approccio richiede ai designer di rendere pubblico il proprio lavoro mesi prima di poter effettivamente produrre e spedire il proprio lavoro, lasciando la porta aperta a imitatori diligenti per entrare e produrre imitazioni prima che un progetto originale sia pronto per la spedizione. Biip dice che questo è esattamente ciò che è successo con molti dei suoi progetti, con set come DSA Milkshake e GMK Awaken che sono stati clonati anche prima che iniziassero i rispettivi acquisti di gruppo. E Briggs ha visto chiamare un clone di Olivia Fard PBT appaiono durante il suo processo di acquisto di gruppo.

I cloni hanno la velocità dalla loro parte, se sono preparati a tagliare gli angoli ed evitare alcuni dei passaggi più scrupolosi nella produzione di un set originale di copritasti. Uno di questi passaggi è noto come “corrispondenza dei colori” ed è fondamentale se un designer desidera che il colore unico di un set di copritasti fisici corrisponda ai loro design originali.

“Hai un progetto nel tuo cervello per volere i copritasti rosa, ma ci sono letteralmente milioni di sfumature di rosa”, spiega Kevin Mak, che dirige la gamma di prodotti originali del rivenditore di tastiere Drop. “[Manufacturers] devo capire come creare la giusta “ricetta” di quel colore del keycap. Il processo risultante richiede spesso fino a cinque mesi, con campioni inviati tra un designer e fabbriche in paesi diversi da cinque a 10 volte. “È un processo che richiede molto, molto, molto tempo” per fare bene, dice Mak.

Anche una volta che un progetto è pronto, può volerci un anno o più prima che alcune fabbriche famose siano in grado di gestire un ciclo di produzione. Quindi, anche quando un luogo come Drop sta riordinando i keycap in base a progetti esistenti, potrebbero non essere pronti per ben 18 mesi.

I cloni escono dalla porta in modo rapido ed economico tagliando questi angoli, e si vede. HipoTech, uno YouTuber incentrato sulla tastiera meccanica che sta producendo il suo set di debutto di copritasti, mi dice che quando ha confrontato i cloni fianco a fianco con i copritasti originali, ha scoperto che sono in genere fatti di plastica più sottile e soffrono di problemi di adattamento quando si tenta di installarli sopra gli interruttori. Le loro scritte potrebbero anche apparire più sfocate e i colori possono essere imprecisi. “In generale, ottieni un prodotto peggiore quando acquisti un clone”, mi dice lo YouTuber.

Ma c’è una grande ragione per cui molte persone si rivolgono a queste imitazioni: “Prezzo e disponibilità”, dice Biip.

I copritasti originali sono costosi, anche per gli standard già premium delle tastiere meccaniche. Un set di design può costare da $ 70 a oltre $ 100 a seconda del tipo di plastica di cui è fatto, mentre alcuni cloni costano fino a $ 20.

Forse ancora più importante, tuttavia, i cloni sono spesso prontamente disponibili in un modo che molti progetti originali semplicemente non lo sono a causa delle limitate tirature di produzione inerenti al loro processo di acquisto di gruppo. È difficile trovare oggi un set originale di copritasti Olivia senza immergersi nelle vendite aftermarket, dove i prezzi possono essere gonfiati di 2 volte o più, ma tu potere ricevi un knockoff dall’aspetto simile consegnato in due giorni su Amazon.

Punti GMK di Biip.
Immagine: Biip

È difficile quantificare esattamente l’impatto che i cloni keycap stanno avendo sul mercato. Il direttore operativo di Drop, Jeffrey Holove, mi dice che la salute generale e la crescita del mercato dei keycap rendono difficile capire l’impatto negativo che potrebbero avere gli imitatori. “Quando la tendenza generale è in forte aumento, è difficile dire quanto sia stato influenzato qua e là dai cloni”, afferma.

A rendere il tutto ancora più complicato, non c’è un accordo diffuso su ciò che qualifica un set come clone. Nel caso dei progetti di Briggs e Biip, molti dei cloni sono spudorati, sollevando intere combinazioni di colori insieme ai loro nomi critici per la ricerca. Altri creatori accettano keycap che utilizzano colori simili ai design esistenti, ma pensano di oltrepassare il limite se copiano “novità”, keycap con design unici che si discostano dalle tipiche lettere dei tasti.

HipyoTech concorda con quest’ultima definizione. “In generale, la mia posizione intransigente è che se qualcosa copia le novità, allora questo mi fa arrabbiare”, mi dice. “Questo è fondamentalmente rubare un’opera d’arte tradizionale e poi venderla per il tuo stesso guadagno.”

Ma in altri casi, le linee etiche sono più sfumate. Diverse aziende ora producono versioni di 9009, un design basato su a Tastiera del terminale Reuters di 20 anni. E gran parte di questa comunità di hobbisti è resa possibile grazie a un brevetto scaduto per lo switch MX di Cherry, che consente a numerose aziende di produrre i propri switch cross-compatibili.

Gli imitatori di keycap con cui ho parlato sembrano sostanzialmente indifferenti all’affrontare eventuali ripercussioni legali per aver apparentemente copiato schemi di colori esistenti. Epomaker, una società che produce diversi cloni di keycap popolari che vende con lo stesso nome degli originali, ha definito le somiglianze “una coincidenza”, mentre un’altra società accusata di creare cloni, Akko, ha affermato di ritenersi legalmente in chiaro purché non copi le novità. “Probabilmente non c’è modo di brevettare il colore in nessun settore”, mi dice il business manager dell’azienda.

Frappè DSA di Biip.
Immagine: Biip / NovelKeys

Un set di copritasti prodotti separatamente con una combinazione di colori “Milkshake”.
Immagine: HK Gaming

Questo atteggiamento sfacciato potrebbe essere dovuto al fatto che, nonostante il potenziale calo delle vendite, molti dei designer originali con cui ho parlato non erano interessati a cercare cloni del loro lavoro. In effetti, Briggs mi ha detto che gli imitatori possono effettivamente essere utili per lei come designer, dandole non solo un’indicazione della domanda per i suoi modelli, ma anche il tipo di qualità che è possibile ottenere da fabbriche alternative a prezzi più convenienti.

“Se non altro, è un bene per me, perché mi incoraggia a cercare produttori alternativi con cui eseguire set futuri”, afferma Briggs. La designer ha aggiunto che se mai dovesse gestire nuovamente Olivia o Olive, ora è più motivata a trovare un produttore più conveniente in cui offrire “qualcosa in cui le persone possono ancora ottenere una buona quantità di qualità, ma a un prezzo molto più economico”.

Altri hanno sottolineato che il tipo di persona che acquista un clone più conveniente potrebbe non aver mai acquistato un set originale di copritasti in primo luogo. I copritasti originali possono essere costosi e incredibilmente difficili da ottenere. E sebbene i cloni siano spesso di qualità inferiore e spesso eticamente discutibili, sono convenienti e prontamente disponibili, due qualità che contano molto quando ti stai avvicinando a un hobby di nicchia.

“Mi sono ricordato del momento in cui sono entrato nell’hobby, quando non volevo spendere $ 300 per una tastiera, $ 100 per interruttori o copritasti”, dice Biip. “Va bene che le persone non possano o non vogliano acquistare un costoso set di keycap. Ci devono essere alcune opzioni convenienti attraenti in modo che chiunque possa essere felice.

Mito, un altro famoso designer dietro i set GMK Laser e GMK Pulse, è d’accordo. “Penso che le persone tengano i beni materiali con una considerazione troppo alta e dimentichino che non tutti possono permettersi più di $ 100 per chiavi decorative”, mi dice in una e-mail. “Se per caso le persone possono permetterseli, va bene, ma in caso contrario, prendi quello che puoi.”

Un’eccezione è il designer BroCaps, che produce singoli e intricati “tasti chiave artigianali” anziché set completi. Nel 2015 ha svelato “ID Tru-Bro”, un sistema che prevedeva la stampa di numeri di serie sui cappucci dei tasti che sarebbero stati proibitivi da falsificare per un’azienda.

“Tru-Bro ID è stato piuttosto efficace, in quanto è un processo costoso, dispendioso in termini di tempo e noioso”, mi dice BroCaps. “Le persone che vogliono fare soldi in fretta non investiranno così tanto tempo e risorse quando potranno copiare più facilmente il lavoro di un altro produttore”. Anche se dice che la maggior parte degli appassionati sarebbe in grado di distinguere gli originali dai falsi senza il sistema, “ad alcuni collezionisti piace anche l’elemento artistico delle carte d’identità”.

Oliva GMK.
Immagine: Olivia Briggs

Sembra improbabile che il mercato dei cloni scompaia presto. Ma con la maturazione del settore, ci sono speranze che i keycap premium originali possano diventare più accessibili. Drop, per esempio, sta investendo in modo che più dei suoi keycap siano disponibili al lancio, piuttosto che dover aspettare il completamento di un acquisto di gruppo. Mak afferma che lo scorso anno circa il 25-30% dei prodotti Drop era in stock e pronto per la spedizione al momento del lancio. Piace ad altri giocatori Laboratori cinetici stanno investendo anche in questo approccio.

Nel frattempo, designer come Olivia Briggs affermano che può ancora ferire un po’ vedere persone, in particolare streamer popolari, acquistare cloni del loro lavoro. “Ho parlato con molte persone che, in passato, hanno acquistato dei keyset Olivia falsi… per la maggior parte sono abbastanza comprensivo al riguardo”, mi dice Briggs. “Una piccola parte di me è ferita, ma non in un modo in cui mi risentirei di loro o li biasimerei. Apprezzo molto da dove vengono, il che è un genuino apprezzamento e divertimento per l’aspetto della colorazione e l’estetica di essa”. Con un po’ di fortuna, questi imitatori possono almeno svolgere un ruolo di ingresso in una fiorente comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.