La Corea del Nord cresce programma nucleare, profitti da attacchi informatici: Onu | Notizie sulle armi nucleari


La Corea del Nord ha continuato a sviluppare i suoi programmi di missili nucleari e balistici durante lo scorso anno e gli attacchi informatici agli scambi di criptovaluta sono stati un’importante fonte di entrate per Pyongyang, secondo un estratto di un rapporto riservato delle Nazioni Unite visto dall’agenzia di stampa Reuters sabato.

Il rapporto annuale degli osservatori indipendenti delle sanzioni è stato presentato venerdì sera al comitato per le sanzioni della Corea del Nord del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

“Sebbene non siano stati segnalati test nucleari o lanci di ICBM (missili balistici intercontinentali), la RPDC ha continuato a sviluppare la sua capacità di produzione di materiali fissili nucleari”, hanno scritto gli esperti.

La Corea del Nord è formalmente conosciuta come Repubblica Popolare Democratica di Corea (RPDC). È stato a lungo vietato condurre test nucleari e lanci di missili balistici dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

“La manutenzione e lo sviluppo dell’infrastruttura nucleare e dei missili balistici della RPDC sono continuati e la RPDC ha continuato a cercare materiale, tecnologia e know-how per questi programmi all’estero, anche attraverso mezzi informatici e ricerca scientifica congiunta”, afferma il rapporto.

Dal 2006, la Corea del Nord è soggetta alle sanzioni delle Nazioni Unite, che il Consiglio di sicurezza ha rafforzato nel corso degli anni nel tentativo di indirizzare i finanziamenti ai programmi di missili balistici e nucleari di Pyongyang.

Gli osservatori delle sanzioni hanno notato che c’era stata una “marcata accelerazione” dei test missilistici di Pyongyang.

Gli Stati Uniti e altri hanno affermato venerdì che la Corea del Nord ha effettuato nove lanci di missili balistici a gennaio, aggiungendo che era il numero mensile più alto nella storia delle armi di distruzione di massa e dei programmi missilistici del paese.

“La RPDC ha dimostrato maggiori capacità di dispiegamento rapido, ampia mobilità (anche in mare) e una migliore resilienza delle sue forze missilistiche”, affermano i monitori delle sanzioni.

La missione Onu della Corea del Nord a New York non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Attacchi informatici, commercio illecito

I monitor hanno affermato che “gli attacchi informatici, in particolare sugli asset di criptovaluta, rimangono un’importante fonte di entrate” per la Corea del Nord e di aver ricevuto informazioni sul fatto che gli hacker nordcoreani hanno continuato a prendere di mira istituzioni finanziarie, società di criptovaluta e scambi.

“Secondo uno stato membro, i cyberattori della RPDC hanno rubato più di $ 50 milioni tra il 2020 e la metà del 2021 da almeno tre scambi di criptovalute in Nord America, Europa e Asia”, afferma il rapporto.

I monitor hanno anche citato un rapporto del mese scorso della società di sicurezza informatica Chainalysis secondo cui la Corea del Nord ha lanciato almeno sette attacchi a piattaforme di criptovaluta che hanno estratto quasi $ 400 milioni di risorse digitali l’anno scorso.

Nel 2019, gli osservatori delle sanzioni delle Nazioni Unite hanno riferito che la Corea del Nord aveva generato circa 2 miliardi di dollari per i suoi programmi di armi di distruzione di massa utilizzando attacchi informatici diffusi e sempre più sofisticati.

L’ultimo rapporto afferma che il rigoroso blocco della Corea del Nord in risposta alla pandemia di COVID-19 significa che “il commercio illecito, compresi i beni di lusso, è in gran parte cessato”.

Nel corso degli anni, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha vietato le esportazioni nordcoreane tra cui carbone, ferro, piombo, tessuti e frutti di mare e ha limitato le importazioni di petrolio greggio e prodotti petroliferi raffinati.

“Sebbene le esportazioni marittime di carbone dalla RPDC siano aumentate nella seconda metà del 2021, erano ancora a livelli relativamente bassi”, hanno affermato gli osservatori.

“La quantità di importazioni illecite di petrolio raffinato è aumentata notevolmente nello stesso periodo, ma a un livello molto inferiore rispetto agli anni precedenti”, afferma il rapporto. “La consegna diretta da parte di petroliere non della RPDC alla RPDC è cessata, probabilmente in risposta alle misure COVID-19: invece, solo le petroliere della RPDC hanno consegnato petrolio”.

La situazione umanitaria della Corea del Nord “continua a peggiorare”, afferma il rapporto.

Gli osservatori hanno affermato che ciò era probabilmente dovuto al blocco del COVID-19, ma che la mancanza di informazioni dalla Corea del Nord significava che era difficile determinare quanto le sanzioni delle Nazioni Unite stessero danneggiando involontariamente i civili.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.