Il presidente tunisino scioglie il massimo organo di vigilanza giudiziaria | Notizia


La decisione di Kais Saied chiude mesi di aspre critiche ai giudici tunisini e solleva timori sull’indipendenza della magistratura.

Il presidente tunisino Kais Saied ha sciolto un consiglio giudiziario che si occupa dell’indipendenza dei giudici.

Saied – che aveva destituito il governo e sospeso il parlamento lo scorso luglio – ha affermato domenica che il Consiglio superiore della magistratura è un ricordo del passato.

Ha detto che non avrebbe permesso ai giudici di agire come se fossero uno stato invece di essere una funzione dello stato.

La decisione del presidente di domenica solleva timori sull’indipendenza della magistratura e chiude mesi di aspre critiche ai giudici tunisini.

Saied ha più volte censurato il ritardo della magistratura nell’emettere sentenze in casi di corruzione e terrorismo.

Il mese scorso ha revocato tutti i privilegi finanziari ai membri del consiglio superiore della magistratura, formatosi nel 2016 e incaricato di garantire l’indipendenza della magistratura, disciplinare i giudici e concedere loro promozioni professionali.

“In questo consiglio, gli incarichi e gli incarichi sono venduti secondo lealtà. Il loro posto non è il posto in cui siedono ora, ma dove stanno gli accusati”, ha detto Saied in un discorso al ministero dell’Interno.

Lo scioglimento del consiglio arriva nel nono anniversario dell’assassinio del politico laico Chokri Belaid, con partiti e organizzazioni, incluso il potente sindacato UGTT, che si preparano a tenere manifestazioni nel corso della giornata per fare pressione sulla magistratura affinché ritengano responsabili le persone coinvolte nel terrorismo.

Si prevede che i sostenitori di Saied protesteranno anche in una seconda manifestazione contro il Consiglio superiore della magistratura.

“Dico ai tunisini di manifestare liberamente. È tuo e nostro diritto sciogliere il Consiglio giudiziario supremo”, ha detto Saied.

L’approvazione da parte di Saied delle manifestazioni di domenica arriva anche se la decisione del governo di vietare tutte le manifestazioni rimane in vigore.

Il mese scorso, la polizia ha sparato con cannoni ad acqua e picchiato i manifestanti con bastoni per interrompere una protesta dell’opposizione contro Saied, la cui presa di ampi poteri e i piani dichiarati per ridisegnare la costituzione hanno messo in dubbio il sistema democratico decennale della Tunisia e ostacolato la sua ricerca di un piano di salvataggio delle finanze pubbliche.

Il presidente ha avviato una consultazione pubblica online prima di redigere una nuova costituzione che, secondo lui, sarà sottoposta a referendum.

Non ha coinvolto nel processo importanti attori politici o della società civile.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.