L’hockey femminile statunitense batte la ROC nella partita preliminare


Non erano sulle travi o sulle panchine o sulle maglie, ma sabato sera sono emerse reliquie olimpiche durante una partita di hockey femminile: le bandiere russe.

Gli stendardi tricolori, ancora una volta divorziati dalle squadre russe a causa di precedenti infrazioni per doping, si sono allungati sui sedili quando il Comitato olimpico russo ha incontrato gli Stati Uniti nell’hockey femminile.

La partita si è conclusa come quasi tutti immaginavano: con una vittoria per 5-0 degli americani, che puntano a ripetersi come campioni olimpici. Ma i russi erano i favoriti cospicui della folla curata, che era tra le più udibili e impegnate di tutto il pubblico fino a quel momento a queste Olimpiadi, una rara spruzzata di partigianeria in un Giochi quasi completamente privi di spettatori stranieri. (I funzionari cinesi hanno controllato strettamente i biglietti, citando la pandemia di coronavirus)

Gli uomini e le donne hanno applaudito mentre la squadra russa è tornata sul ghiaccio e ha salutato gli americani in silenzio. Alcuni tentativi di punteggio russi hanno suscitato una rara infarinatura di applausi che si è rapidamente trasformata in gemiti attutiti. Una donna ha sventolato una bandiera – bandita dall’uso della squadra, insieme all’inno nazionale russo e al nome del paese – all’inizio del terzo periodo.

C’è, ovviamente, solo così tanto fervore che una folla può radunare. Quello che ha fatto, però, è stato tutt’altro che sorprendente. Il leader cinese, Xi Jinping, ha incontrato il suo omologo russo, il presidente Vladimir V. Putin, prima della cerimonia di apertura dei Giochi e ha dichiarato che il loro legame “non aveva limiti”.

Sebbene gli spettatori abbiano assistito a un inizio lento dell’attacco americano, gli Stati Uniti alla fine hanno trasformato il loro terzo incontro olimpico contro i russi in una clinica offensiva. Savannah Harmon ha segnato un gol in power-play nel primo periodo e Hilary Knight ha aggiunto un suo gol nel secondo. Grace Zumwinkle e Jesse Compher hanno aperto i loro conti olimpici nel terzo periodo e Alex Carpenter, che ha fatto parte del roster olimpico di quest’anno dopo aver gareggiato per gli Stati Uniti nel 2014 e aver saltato il taglio nel 2018, ha segnato il gol finale del gioco.

Occasionalmente sono emerse tensioni, con alcune spinte, spinte e controlli incrociati.

“Ovviamente, ci sono momenti in cui il gioco va in cui le emozioni sono alte, ma ho pensato che entrambe le squadre hanno fatto un buon lavoro nell’arrivare fino a quella linea e non oltrepassarla”, ha detto Joel Johnson, l’allenatore degli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.