Atleti delle Olimpiadi invernali da tenere d’occhio nel curling, nel pattinaggio artistico e altro ancora


L’oro non è mai una cosa certa alle Olimpiadi invernali: per ogni atleta o squadra di grande nome ai Giochi di Pechino, c’è qualcuno che ostacola la vittoria. Molti eventi saranno decisi da una resa dei conti tra due grandi contendenti, o dalla battaglia di una star contro qualcosa di più temibile. Ecco alcune delle rivalità da tenere d’occhio nelle prossime due settimane.

Diggins ha fornito quello che molti consideravano il momento americano più emozionante alle Olimpiadi di Pyeongchang 2018 quando ha superato gli sciatori svedesi e norvegesi nel tratto finale dello sprint a squadre, guadagnando agli Stati Uniti la sua prima medaglia d’oro nello sci di fondo.

Il suo partner quel giorno, Kikkan Randall, si è ritirato, ma Diggins è tornato all’età di 30 anni e questa volta potrebbe segnare un oro individuale. Ma la sciatrice bollente in questo momento è la russa Nepryaeva, che ha portato via quella di Diggins Titolo Tour de Ski quest’anno e guida la classifica di Coppa del Mondo.

Hanyu, giapponese, sta cercando di diventare il terzo pattinatore in singolo a vincere tre medaglie d’oro consecutive e la prima in quasi un secolo. Ha in programma di tentare un quadruplo axel, il salto più difficile dello sport, e potrebbe essere la prima persona ad atterrarlo in competizione in caso di successo.

Chen, la star americana, ha un vantaggio nella sua esperienza con altri salti quadrupli. Ma dovrà evitare un programma corto disastroso, che ha rovinato le sue possibilità di medaglia nel 2018 e gli è costato la vittoria lo scorso autunno a Skate America.

Nella sua adolescenza, Kim ha dominato l’halfpipe, una corsa che è culminata in una medaglia d’oro alle Olimpiadi di Pyeongchang 2018. La celebrità è arrivata rapidamente. Ma presto ha scoperto che lo sport era troppo chiuso e la celebrità troppo scomoda, quindi si è allontanata, riflettendo sul ritiro. Andò a Princeton e trascorse 22 mesi senza andare in snowboard. E poi è tornata e ha dominato di nuovo.

Tutto tranne un altro oro per Kim sarà un turbamento. Ma se è Mastro a batterla, non sarà un granché. Mastro, un collega californiano di 21 anni, è rimasto all’ombra di Kim. Agli X Games e ai Campionati mondiali del 2021, è arrivata seconda dietro a Kim. Questo potrebbe essere il momento di Mastro per balzare.

Il nome che manca qui? Shaun Bianco. Mentre White, 35 anni, gareggerà alla sua quinta Olimpiade invernale, alla ricerca della sua quarta medaglia d’oro nell’halfpipe, non è più il favorito. Quel mantello appartiene saldamente a Hirano, 23 anni, due volte medaglia d’argento che guida una squadra giapponese dominante (incluso il fratello minore di Hirano, Kaishu) che potrebbe conquistare il podio.

Il jolly più grande è James, dell’Australia, che ha lavorato allo stesso trucco rivoluzionario dei suoi rivali giapponesi: il triple cork. Quelli che lo atterrano molto probabilmente porteranno l’hardware di casa.

Preparati a vedere un sacco di Gu. Nata e cresciuta a San Francisco, ma in competizione per la Cina (la patria di sua madre) in tre eventi, Gu, 18 anni, ha catturato l’immaginazione del paese ospitante. La Cina non ha mai vinto più di cinque medaglie d’oro alle Olimpiadi invernali, ma Gu è favorito per vincerne tre in halfpipe, slopestyle e big air.

Il freeskier che più probabilmente romperà queste ambizioni è Sildaru, dell’Estonia, che compirà 20 anni durante i Giochi. Come Gu, è la rara atleta a competere in tutte e tre le discipline ed è la rara concorrente che ha battuto Gu nell’ultimo anno.

Hockey femminile

Le forze dominanti nell’hockey femminile dovrebbero giocare per la medaglia d’oro il 17 febbraio. Ma il loro incontro del turno preliminare di martedì offrirà a entrambe le squadre le messe a punto finali appena prima dell’inizio del gioco di eliminazione.

Gli americani puntano a ripetersi come campioni olimpici e il loro roster comprende 13 giocatori dei Giochi di Pyeongchang del 2018, tra cui gli attaccanti Hilary Knight e Kendall Coyne Schofield, oltre ai portieri Maddie Rooney e Alex Cavallini. Il Canada ha registrato un record di 4-2 contro gli Stati Uniti durante un tour di esibizioni in vista dei Giochi di Pechino e vedrà Marie-Philip Poulin e Rebecca Johnston alla loro quarta apparizione olimpica.

Hockey maschile

Le squadre che hanno vinto l’argento e il bronzo ai Giochi del 2018 si sfideranno il 10 febbraio, la seconda giornata del torneo maschile. Il Canada ha assemblato un roster che include l’ex giocatore della NHL Eric Staal, mentre Patrick Hager, capocannoniere della Germania a Pyeongchang nel 2018, dovrebbe competere. Ma l’assenza degli attuali giocatori della NHL ha iniettato una certa incertezza nel torneo, in cui la squadra russa è ora favorita per l’oro.

Pattinaggio di velocità su pista corta

Schulting sta estendendo il dominio olandese del pattinaggio di velocità allo short track. Ai campionati del mondo dell’anno scorso ha vinto tutte e tre le gare individuali (500 metri, 1.000 metri e 1.500 metri) e le donne olandesi hanno vinto la staffetta.

Arianna Fontana dell’Italia, Lee Yubin della Corea del Sud e Kristen Santos degli Stati Uniti sono le migliori scommesse per negare a Schulting ripetute viaggi al primo posto sul podio.

Pattinaggio di velocità su pista lunga

Bowe, degli Stati Uniti, è il detentore del record mondiale nei 1.000 metri, ma un paio di pattinatori giapponesi le stanno alle calcagna.

Bowe ha vinto la gara nelle prime due tappe della stagione di Coppa del Mondo, ma le vittorie nelle due successive sono state di Nao Kodaira e Miho Takagi. Takagi è il miglior pattinatore al mondo sui 1.500 metri, mentre Kodaira è al terzo posto nei 500 metri, il che significa che Bowe dovrà respingere le sfide sia di un velocista che di un pattinatore sulla lunga distanza.

Biathlon

La Norvegia tende a vincere molti eventi di biathlon maschile. Johannes Bo ha vinto gli ultimi tre titoli di Coppa del Mondo e suo fratello Tarjei e il resto della squadra minacciano di vincere in un dato giorno.

Ma il biathlon può essere volubile. Un grande sciatore può sbagliare qualche tiro nella porzione di tiro, essere costretto a sciare sui giri di rigore ed essere spinto immediatamente fuori dai giochi.

La Francia avrebbe potuto sembrare in un ciclo di discesa dopo che il cinque volte medaglia d’oro olimpica Martin Fourcade si è ritirato. Ma Quentin Fillon Maillet si è fatto avanti per riempire gli sci, e anche Germania, Svezia e Russia sono pronte a sfruttare uno o due brutti colpi della Norvegia.

La combinata nordica è un mix di salto con gli sci e sci di fondo, e Riiber, norvegese, è particolarmente bravo nel salto. “Ogni squadra e ogni atleta nel nostro sport sta guardando il suo video, cercando di capire come e perché è su un altro livello”, l’americano Jared Shumate ha detto all’Associated Press.

Riiber ha iniziato questa stagione con otto vittorie negli otto eventi a cui ha partecipato e sembrava probabile che sarebbe stato in grado di esorcizzare i demoni di due sconfortanti quarti posti ai Giochi di Pyeongchang. Ma un infortunio alla schiena gli ha fatto saltare diversi eventi e l’emergente Johannes Lamparter dell’Austria ha ottenuto vittorie. Ora, le Olimpiadi di Riiber potrebbero essere fatte deragliare da un test positivo al coronavirus, riportato il giorno prima della cerimonia di apertura; senza due test negativi, non potrà competere.

Salto con gli sci

Con Marita Kramer dell’Austria fuori a causa di un test positivo al coronavirus, la competizione femminile è improvvisamente spalancata. Althaus, la medaglia d’argento in carica dalla Germania, e Takanashi, la medaglia di bronzo in carica dal Giappone, sono le donne di stato più anziane all’età di 25 anni nel gioco di questo giovane. Kriznar, uno sloveno di 21 anni, rappresenta la prossima ondata. Ha superato Takanashi per l’ultimo titolo di Coppa del Mondo.

Dopo l’evento femminile, ci sarà un’altra opportunità per la medaglia d’oro nel nuovo evento a squadre miste.

I fratelli lettoni sono allenati dal padre, Dainis Dukurs, un ex bob. Ognuno di loro cerca le medaglie che gli sono sfuggite durante le loro altrimenti illustri carriere.

Martins Dukurs, 37 anni, è un sei volte campione del mondo che ha vinto la medaglia d’argento alle Olimpiadi del 2010 e del 2014, ma sta ancora inseguendo il suo primo oro. Tomass Dukurs, 40 anni, ha vinto una medaglia d’oro ai Mondiali a dicembre tenendo a bada Martins sulla pista di casa a Sigulda, e sta ancora cercando di vincere la sua prima medaglia alle Olimpiadi dopo due quarti posti.

Bob

Per la prima volta alle Olimpiadi, questi amici e rivali di lunga data gareggeranno sotto la stessa bandiera. Humphries, due volte medaglia d’oro per il Canada nel bob a due donne, ha lasciato il paese, citando molestie all’interno dell’organo di governo nazionale dello sport dopo le Olimpiadi invernali del 2018. Ha ottenuto la cittadinanza americana questo inverno.

La Meyers Taylor è alla ricerca della sua prima medaglia d’oro olimpica, avendo vinto due argenti e un bronzo. Lei e Humphries sono alla pari per il maggior numero di medaglie olimpiche tra le bob femminili con tre, e avranno un’opportunità in più per aumentare i loro totali con la gara di monobob al debutto, a condizione che Meyers Taylor sia autorizzata a competere in tempo. La scorsa settimana è risultata positiva al coronavirus.

Geisenberger, della Germania, deliberato saltare queste Olimpiadi sul trattamento degli atleti in scivolata da parte dei funzionari cinesi durante le sessioni di allenamento dell’anno scorso. Invece, sta difendendo le sue medaglie d’oro consecutive nel singolare femminile. Geisenberger è ampiamente considerata come la migliore slittino femminile nella storia di questo sport e un’atleta tedesca ha vinto l’oro nell’evento a tutte le Olimpiadi dal 1994.

La competizione più seria di Geisenberger verrà probabilmente dai suoi compagni di squadra. Il 25enne Taubitz è il campione del mondo in carica.

Arricciatura

Il Canada ha vinto la medaglia d’oro olimpica maschile nel 2006, 2010 e 2014 e stava iniziando a considerarla un diritto di nascita. Poi l’eroe di culto John Shuster e gli americani si sono ripresi da un inizio traballante per ruggire verso l’oro nel 2018, lasciando il Canada dietro al quarto posto.

La Svezia o la Gran Bretagna potrebbero vincere la medaglia d’oro questa volta. Ma nessuna rivalità è più feroce del Canada contro i 48 inferiori. (E sì, Shuster e la sua squadra sono tornati a rappresentare gli Stati Uniti.)

Jonathan Abrams, Alan Blinder, Giovanni Ramo, Kevin Draper, Matt Futterman, Jere Longman e Victor Mather reportage contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.