Brian Flores fa causa alla NFL, rivendicando pregiudizi nella ricerca di coaching dei Giants


Brian Flores, che è stato licenziato come allenatore dei Miami Dolphins il mese scorso ed è stato rifiutato per nuovi lavori con altri club, ha citato in giudizio la NFL e le sue 32 squadre sostenendo di aver discriminato lui e altri allenatori neri nelle loro pratiche di assunzione.

Il suo deposito in tribunale federale arriva pochi giorni dopo i Giants, una delle squadre con cui ha intervistato per una posizione, di nome Brian Daboll, che è bianco, come loro capo allenatore.

Flores ha citato i messaggi di testo che ha detto sono stati inviati dal suo ex capo, l’allenatore dei New England Patriots Bill Belichick. Nei messaggi, Belichick sembra congratularsi con Flores per aver vinto il lavoro dei Giants, per il quale doveva ancora intervistare a quel punto. Flores ha risposto chiedendo se Belichick avesse inteso il messaggio per Daboll, che ha intervistato prima dell’incontro programmato di Flores.

L’intervistato ha risposto: “Penso che stiano chiamando Daboll. Mi dispiace per quello. BB”

Un portavoce dei Giants, Pat Hanlon, ha dichiarato in una dichiarazione che la squadra era “fiduciosa del processo che ha portato all’assunzione di Brian Daboll” e che “Flores era nella conversazione per essere il nostro capo allenatore fino all’undicesima ora”. Un portavoce dei Patriots ha detto che non prevedeva che la squadra avrebbe rilasciato una risposta.

La NFL ha affermato di essere “profondamente impegnata a garantire pratiche di lavoro eque” e “ci difenderemo da queste affermazioni, che sono prive di merito”.

Gli screenshot di una conversazione presumibilmente avviata da Belichick, il noto allenatore dalle labbra serrate, e altri aneddoti che dipingono un ritratto poco lusinghiero di Stephen Ross, il proprietario dei Dolphins, forniscono una rara visione degli affari della lega in un’azione collettiva causa che sostiene che esiste una discriminazione diffusa nella NFL

Flores è il figlio di immigrati honduregni nel quartiere Brownsville di Brooklyn. Ha guidato i Dolphins per tre anni, comprese due stagioni vincenti, e nella causa ha detto di essere stato “umiliato nel processo quando i New York Giants lo hanno sottoposto a un finto colloquio nel tentativo di dare a un candidato nero una possibilità legittima. ad ottenere il lavoro”.

In una dichiarazione, Flores ha affermato di aver capito che “potrei rischiare di allenare il gioco che amo e che ha fatto tanto per me e la mia famiglia. La mia sincera speranza è che, opponendosi al razzismo sistemico nella NFL, altri si uniranno a me per garantire un cambiamento positivo per le generazioni a venire”.

Nella sua causa, Flores ha dichiarato che c’erano più di 40 altri allenatori che potevano partecipare all’azione collettiva, anche se non ne ha nominato nessuno. Tuttavia, il caso deve affrontare ostacoli legali elevati, soprattutto perché Flores ha bisogno di dimostrare che la razza è stata specificamente un fattore nel suo essere rifiutato per un lavoro, anche se continua a fare colloqui per posizioni aperte di allenatore.

“Considero questa causa quasi impossibile da ottenere e sono estremamente sorpreso che abbia messo a repentaglio la sua carriera”, ha detto Brad Sohn, un avvocato che ha rappresentato numerosi giocatori della NFL.

La NFL ha riconosciuto ripetutamente che non ci sono abbastanza allenatori e dirigenti di squadre di colore anche se circa il 70% dei giocatori sono neri. Quasi 20 anni fa, la lega ha introdotto la Rooney Rule, che richiede alle squadre di intervistare un elenco diversificato di candidati per posizioni di coaching e general manager.

La lega ha ampliato e rafforzato quelle linee guida dall’introduzione della regola poiché il numero di allenatori neri non è cresciuto in modo apprezzabile e in alcuni anni è diminuito. Eppure la lega ha ancora solo una manciata di uomini non bianchi in lavori di capo allenatore. Con la cacciata di Flores, Mike Tomlin dei Pittsburgh Steelers è l’unico allenatore nero della lega, mentre Ron Rivera della Washington Football Team è l’unico allenatore ispanico della NFL. Si ritiene che Robert Saleh dei Jets sia il primo allenatore arabo-americano musulmano della lega.

Gli allenatori neri si sono lamentati a lungo del fatto di essere spesso chiamati per colloqui semplicemente per consentire alle squadre di rispettare la regola di Rooney e di non essere considerati candidati seri. Flores ha nominato altri allenatori neri che secondo lui sono stati discriminati, incluso l’ex capo allenatore di Colts e Lions Jim Caldwell; l’ex capo allenatore dei Cardinals Steve Wilks; e l’ex allenatore texano David Culley, licenziato il mese scorso dopo una stagione.

Nella sua dichiarazione, Flores afferma che le sue esperienze nell’intervistare i dirigenti della lega mostrano il loro approccio insensibile al rispetto della regola Rooney.

Nei messaggi scambiati il ​​24 gennaio, tre giorni prima che Flores incontrasse i dirigenti dei Giants, Belichick ha scritto: “Ho sentito da Buffalo e NYG che sei il loro ragazzo”.

Apparentemente consapevole del fatto che anche Daboll, che ha allenato con i Bills in questa stagione, stesse intervistando per l’apertura dei Giants, Flores ha chiesto a Belichick se si riferisse a Daboll oa lui.

Belichick si è poi scusato. “Ho ricontrollato e letto male il testo.”

Uno degli avvocati di Flores, Douglas Wigdor, ha detto che Flores ha contattato il loro studio lo stesso giorno in cui ha ricevuto i messaggi da Belichick. La società di contenzioso sul lavoro di Wigdor ha rappresentato numerose donne che hanno accusato il produttore cinematografico Harvey Weinstein di cattiva condotta sessuale, nonché ex dipendenti di Fox News in casi di molestie e discriminazione. La denuncia è stata presentata come una presunta azione collettiva, che richiedeva la certificazione del tribunale per procedere. Wigdor ha detto che la sua azienda sta attualmente indagando su altre affermazioni di altri allenatori che potrebbero far parte della potenziale classe.

Flores è ancora un candidato nelle ricerche aperte di head coach degli Houston Texans e dei New Orleans Saints. Wigdor ha detto che volevano andare avanti indipendentemente dall’esito di quelle interviste. “Non avremmo dovuto aspettare e essere timidi per vedere se avesse trovato un lavoro”, ha detto.

Flores ha trascorso 15 anni come assistente sotto Belichick prima di ottenere il suo primo lavoro di capo allenatore, ma è stato intervistato come candidato per altre aperture prima di essere assunto nel 2019 dai Dolphins, dove aveva un record di 24-25 in tre stagioni.

Prima di essere assunto dai Dolphins, Flores ha detto di essersi seduto per quella che ha definito un’intervista “finta” con i dirigenti dei Denver Broncos. In quell’incontro, Flores ha detto che John Elway, allora il direttore generale della squadra, e Joe Ellis, il presidente della squadra, e altri si sono presentati con un’ora di ritardo.

“Era chiaro dalla sostanza dell’intervista che il signor Flores è stato intervistato solo a causa della Rooney Rule e che i Broncos non hanno mai avuto intenzione di considerarlo un candidato legittimo per il lavoro”, afferma la causa.

Non molto tempo dopo, i Broncos hanno assunto Vic Fangio, che è bianco, come nuovo allenatore.

È stato licenziato il 9 gennaio dopo tre stagioni a Denver.

I Broncos hanno affermato in una dichiarazione che le affermazioni di Flores erano “palesemente false” e hanno descritto il loro processo di assunzione come “accurato ed equo”. Hanno aggiunto che la squadra ha pianificato di “difendersi vigorosamente” contro la sua causa, citando note dettagliate e registrazioni della sua intervista.

Nella dichiarazione, Flores ha anche individuato Ross, il proprietario dei Dolphins che lo ha assunto nel 2019, sostenendo che Ross gli ha fatto pressioni per “serbare” la stagione, o perdere tutte le sue partite in modo che la squadra sarebbe in una posizione migliore per ottenere la prima scelta nella prossima bozza.

Flores ha affermato che Ross ha detto che gli avrebbe pagato $ 100.000 per ogni partita che la squadra ha perso nel 2019, il suo primo anno con i Dolphins. Flores ha rifiutato e quando i Dolphins hanno iniziato a vincere le partite, Flores ha detto che gli era stato detto dal direttore generale della squadra, Chris Grier, che Ross era “pazzo” perché le vittorie della squadra stavano danneggiando la posizione della squadra nella posizione di draft.

I Dolphins hanno concluso la stagione 5-11 e hanno avuto la quinta scelta assoluta al draft, che hanno usato per prendere il quarterback Tua Tagovailoa. I Dolphins hanno avuto due stagioni vincenti dopo aver scelto Tagovailoa.

In una dichiarazione, i Dolphins hanno affermato di “negare con veemenza qualsiasi accusa di discriminazione razziale” e che “l’implicazione che abbiamo agito in modo incoerente con l’integrità del gioco non è corretta”.

La causa prosegue affermando che alla fine della stagione 2019, Ross ha fatto pressioni su Flores per reclutare un noto quarterback in violazione delle regole di manomissione della NFL e che Flores si è ripetutamente rifiutato di conformarsi. Ma nell’inverno del 2020, Ross ha invitato Flores a pranzo su uno yacht, poi ha detto a Flores che anche l’importante quarterback stava arrivando al porto turistico.

Flores ha detto di aver lasciato immediatamente lo yacht e in seguito è stato “trattato con disprezzo e considerato qualcuno che non era conforme e con cui era difficile lavorare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.