Yahoo Japan sta diventando buio in Europa

Yahoo Japan ha annunciato che la maggior parte dei suoi servizi online cesserà di essere accessibile nello Spazio economico europeo e nel Regno Unito a partire dal 6 aprile. I servizi di posta elettronica, carta di credito ed ebook dell’azienda continueranno a essere disponibili, ma tutto il resto si sta oscurando.

Il motivo addotto è il costo del rispetto delle normative europee, che includerebbe il GDPR. In un dichiarazione, Yahoo Japan afferma che sarebbe difficile fornire un servizio continuo per i clienti nel SEE e nel Regno Unito, ed è andato oltre raccontando la pubblicazione giapponese mezzi informatici che sarebbe “impossibile” sostenere il costo della compliance e rispondere alle relative leggi.

Yahoo Japan è un’entità completamente separata dall’ex gigante del web americano ora di proprietà della società di private equity Apollo. Costituita come una joint venture tra la statunitense Yahoo e SoftBank nel 1996, Yahoo Japan rimane estremamente popolare in Giappone come portale web e motore di ricerca, con innumerevoli altri servizi in lingua giapponese tra cui aste online, e-commerce e meteo ben considerato e mappe app.

La decisione di ritirarsi completamente dall’Europa arriva mentre Yahoo Japan sta intensificando i suoi sforzi per espandersi oltre il suo mercato interno. Z Holdings, società madre di Yahoo Japan, di proprietà di SoftBank, si è fusa con l’app di chat giapponese Line, dominante l’anno scorso, per creare un nuovo gigante tecnologico con ambizioni mondiali. Takeshi Idezawa, CEO di Line e ora co-CEO di Z Holdings insieme al CEO di Yahoo Japan Kentaro Kawabe, detto in quel momento che la nuova società “vorrebbe lanciare un’app per smartphone globale”.

Yahoo Japan ha evidentemente deciso che la sua base di utenti in Europa non è abbastanza grande da valere il costo del rispetto delle normative UE. I suoi servizi sono per lo più forniti solo in giapponese, quindi la sua portata sarà stata limitata, ma è degno di nota il fatto che una società web con una presenza così vasta nel proprio mercato principale si senta incapace di operare in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.