Nuovi amici e custodi segreti: fanno sentire le famiglie NBA le benvenute


Il telefono di Desireé LeSassier non smetteva di suonare. Era atterrata a Minneapolis circa un’ora prima, sull’aereo dei Los Angeles Lakers, e la gente aveva bisogno di cose.

Si è scusata quando ha restituito messaggi di testo ed e-mail. Un giocatore ha chiamato per chiedergli se poteva riservargli un po’ di tempo in campo in modo che potesse tirare la notte prima della partita.

“Questo è letteralmente…” disse LeSassier, prima di interrompersi per rispondere a un altro messaggio. “È decisamente senza sosta.”

LeSassier, il gestore dei servizi per i giocatori dei Lakers, aiuta i giocatori con tutto ciò di cui hanno bisogno, fuori campo e non. Tranne quando riserva loro il tempo del tribunale. E quando ricorda loro gli orari degli appuntamenti per il test del coronavirus.

Organizza i biglietti per gli ospiti dei giocatori a casa e in viaggio. Li aiuta ad acclimatarsi a Los Angeles. Inoltre, lei –

Il suo telefono squillò di nuovo e lei rispose senza aspettare un saluto.

“Ehi, sei confermato”, disse LeSassier. “L’ho detto loro alle 7:30, ma sono pronti per te. Vedrò a che ora avrò finito qui”.

Si fermò.

“Perché, vuoi che rimbalzi per te o qualcosa del genere?” lei rise. “Va bene, ci penserò.”

Credito…Los Angeles Lakers

LeSassier e i suoi colleghi in giro per l’NBA non hanno titoli o background uniformi, ma hanno un talento per far sentire i giocatori e i loro cari amati e speciali. Mentre i giocatori e le loro famiglie rimbalzano in diverse città dove potrebbero non conoscere nessuno, persone come LeSassier diventano cruciali per il loro benessere e la loro salute mentale. Aiutano i giocatori a concentrarsi sul basket senza preoccuparsi troppo di gestire tutto il resto. Possono diventare parte del vantaggio competitivo di una squadra.

“Se parli con ragazzi di squadre diverse, possono sempre dirti quella persona”, ha affermato Ayana Lawson, vicepresidente dei servizi per la comunità e lo stile di vita di Oklahoma City Thunder. “C’è un senso genuino di: ‘Amico, questa persona si è presa cura di me. Questa persona si è presa cura di me.’ “Ehi, posso chiamarli quando sono nei guai?” E i guai possono semplicemente significare: ‘Ehi, sto passando una brutta giornata. Posso parlare con te?’ Oppure, ‘Ehi, sto celebrando il Ringraziamento da solo.'”

Prima che i team iniziassero ad assumere persone per fare questo lavoro, c’erano quelli che soddisfacevano il bisogno inespresso.

Una era Kathy Jordan, che ha lavorato per gli Indiana Pacers per 25 anni a partire dal 1983. Jordan, che Lawson chiamava la “madrina dello sviluppo dei giocatori”, aveva sposato un uomo che alla fine ha giocato nella NBA. Sapeva quanto potesse essere difficile per le famiglie adattarsi alla vita in campionato. Quando un giocatore e sua moglie si sono trasferiti a Indianapolis da New York, lei le ha offerto aiuto per spostarsi nella nuova città, anche se non faceva parte del suo lavoro come assistente alle promozioni. Non ha detto ai suoi capi cosa stava facendo.

“Il personale del front office, non dovevamo mescolarci con la squadra, specialmente le donne”, ha detto Jordan.

Ha aiutato i giocatori e le loro famiglie a trovare case, scuole per i loro figli, medici e parrucchieri.

“Essendo afroamericani a Indianapolis, non eravamo la città più diversificata in quel momento”, ha detto Jordan. “C’erano solo pochi posti che facevano i capelli afroamericani.”

I Pacers alla fine hanno reso più ufficiale il suo lavoro con i giocatori. Poi, alla fine degli anni ’80, l’allora commissario della NBA David Stern la chiamò per ulteriori informazioni sui suoi sforzi. Ora la maggior parte delle squadre ha qualcuno come Jordan e molte hanno dipartimenti con più dipendenti dedicati ad aiutare i giocatori e le loro famiglie ad acclimatarsi.

A Filadelfia c’è Allen Lumpkin, il direttore senior della logistica e delle relazioni di squadra dei 76ers. Ha iniziato a lavorare per i 76ers nel 1977 come raccattapalle adolescente, una posizione ora chiamata assistente di squadra.

Un giorno, mentre Lumpkin stava lavorando sulla panchina avversaria, un giocatore dei Washington Bullets di nome Rick Mahorn si è seduto accanto a lui e ha detto che aveva intenzione di fare fallo su Julius Erving il più forte possibile. Anni dopo, quando Mahorn fu ceduto ai 76ers, chiese a Lumpkin, un volto familiare, dove vivere.

Ai vecchi tempi, Lumpkin usciva in città con Mahorn, Charles Barkley e Manute Bol. “Abbiamo fatto tutto insieme”, ha detto. È ancora vicino agli attuali ed ex Sixers e alle loro famiglie. Markelle Fultz l’ha cronometrato di recente. Allen Iverson lo chiama regolarmente. Mahorn e sua moglie sono padrini di uno dei figli di Lumpkin.

“Stai affidando i tuoi cari a una squadra”, ha detto Lumpkin, 60 anni. “Vogliono assicurarsi, come farebbe qualsiasi genitore, che il loro bambino sia preso. Se i giocatori hanno famiglie con bambini, vogliono assicurarsi che si prenda cura di loro”.

Lumpkin ha iniziato ufficialmente a guidare lo sviluppo dei giocatori per i 76ers nel 2000, più o meno nel periodo in cui la NBA ha iniziato a dargli la priorità.

Ora l’ufficio della lega ha uno staff di 13 persone dedicate ad aiutare i giocatori con interessi fuori dal campo. Leah Wilcox, il collegamento familiare dei giocatori della lega, è ben nota per il suo lavoro con le famiglie. Quel gruppo fornisce risorse per iniziative di alfabetizzazione finanziaria, istruzione e giustizia sociale dei giocatori.

Insieme ai dipendenti del team, formano una rete che condivide le informazioni quando i giocatori cambiano squadra. Quando Kentavious Caldwell-Pope firmò con i Lakers, sua moglie, Mackenzie Caldwell-Pope, e LeSassier si avvicinarono.

“Aveva un’amica che conosceva Los Angeles e lavorava per la squadra”, ha detto Kentavious Caldwell-Pope. “È stato utile.”

A Dallas, Kristy Laue è diventata una tale parte del tessuto dei Mavericks nel suo ruolo di sviluppo che quando è rimasta incinta di due gemelli, Rick Carlisle, allora l’allenatore, lo ha annunciato durante gli allenamenti.

Quella stagione i Mavericks vinsero il campionato NBA. Durante i playoff, quando i giocatori correvano in campo prima della partita, alcuni si fermavano a mimare il cinque verso la sua pancia.

“Sento che molti di loro sono una famiglia”, ha detto Laue.

Sashia Jones, vicepresidente per lo sviluppo dei giocatori e l’impegno sociale presso il Monumental Sports Group, proprietario dei Washington Wizards, ha appena iniziato ufficialmente a lavorare con le famiglie quest’anno. Offre questo supporto ai giocatori da 18 anni.

“È semplicemente una persona straordinaria, un essere umano straordinario”, ha detto Otto Porter Jr., che ha trascorso cinque stagioni e mezzo con i Wizards.

Jones ha aiutato Porter a organizzare una colazione del Ringraziamento per le persone senza casa. Quando suo zio ha voluto portare una squadra di basket del liceo dall’Australia a una partita, Jones ha organizzato la loro visita.

Il suo rapporto con i giocatori non significa dire sempre di sì. Può significare dire ai giocatori cose che non vogliono sentire, ad esempio che non può essere coinvolta in determinate questioni personali.

“A volte devi solo starne fuori”, ha detto.

Lawson, con i Thunder, è diventato più a suo agio nel fornire notizie sgradite nel corso degli anni e i giocatori, come Serge Ibaka, la rispettano per questo.

Ibaka aveva 19 anni quando si unì ai Thunder e non aveva mai vissuto negli Stati Uniti.

“Mi stava prendendo come se fossi il suo fratellino”, ha detto Ibaka, che viene dalla Repubblica del Congo e cittadino spagnolo naturalizzato. “Si stava assicurando che avessi ragione, anche imparando il mio inglese. Ricordo che litigavamo perché lei mi costringeva a fare lezioni di inglese all’inizio del giorno della partita. Ero tipo, ‘Abbiamo gioco!’ Ha detto: ‘No, devi farlo.'”

Tredici anni dopo, la chiama ancora la sua sorella maggiore.

I giocatori confidano nel fatto che non svelerà i loro segreti e il direttore generale di Thunder, Sam Presti, confida nel fatto che stia aiutando anche quando non sa dire esattamente cosa.

“È difficile andare dal tuo GM e dire, ‘Ehi, ho bisogno di questo budget illimitato per questo progetto di cui non posso davvero parlarti'”, ha detto Lawson.

Uno dei suoi momenti più orgogliosi è stato quando ha aiutato Deonte Burton a comprare una casa. Un giocatore a doppio senso per i Thunder che non aveva molti soldi crescendo, è stato il primo dei suoi fratelli a poter possedere una casa, ha detto.

La pandemia di coronavirus ha cambiato il modo in cui le squadre si avvicinano ai servizi dei giocatori. Significa meno interazione di persona. I Toronto Raptors hanno dovuto affrontare l’ulteriore sfida delle restrizioni ai viaggi internazionali, quindi hanno trascorso la stagione 2020-21 a Tampa, in Florida.

“Sostanzialmente siamo partiti da zero e abbiamo costruito una rete a Tampa”, ha affermato Teresa Resch, vicepresidente delle operazioni di basket dei Raptors, che sovrintende allo staff dei servizi dei giocatori dei Raptors.

I Raptors avevano anche trascorso la fine della stagione 2019-20 in Florida, quando la NBA ha terminato la sua stagione in un sito ad accesso limitato al Walt Disney World vicino a Orlando a causa della pandemia.

Per la numerosa famiglia dei Lakers in Florida quell’anno, LeSassier organizzò una serata al cinema all’aperto, una serata karaoke e una pizzata. Gli adulti hanno fatto degustazioni di vino. Hanno fatto le camicie tie-dye con i bambini. Blair Bashen Green, allora fidanzata della guardia Danny Green, faceva parte del gruppo.

“Ovviamente, eravamo bloccati lì e non potevamo andare da nessuna parte”, ha detto Bashen Green, che ha sposato Green nel 2021 e ha invitato LeSassier al matrimonio. “Ha appena fatto l’intera esperienza della bolla: per noi è stata quasi come una vacanza”.

Anche le lezioni di yoga a bordo piscina hanno dato a LeSassier una pausa mentale.

“Come puoi vedere, il mio telefono si spegne costantemente”, ha detto LeSassier. “Quindi quel momento di yoga – ero lì con le famiglie, ma era anche il momento per me di avere solo un’ora per me stesso”.

Bashen Green ha ricordato di aver assistito alla sua prima partita dei Laker dopo che Green ha firmato con la squadra nel 2019. Si sentiva come una studentessa in una nuova scuola, incerta se qualcuno nella stanza per le famiglie dei giocatori le avrebbe parlato.

“Hai sempre un po’ di ansia”, ha detto Bashen Green. “Le persone saranno gentili? Si presentano? Ti presenti?”

LeSassier, come al solito, era lì per aiutare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.