Le grandi aziende di videogiochi non riescono a smettere di acquistare studi

Sony ha appena annunciato la sua intenzione di acquisire Destino produttore Bungie per $ 3,6 miliardi, chiudendo quello che è stato un mese assolutamente enorme per le acquisizioni di giochi. Take-Two ha dato il via alle cose con il suo accordo per acquistare Zynga per $ 12,7 miliardi, che all’epoca potrebbe essere considerato il più grande accordo nel settore dei videogiochi, ma Microsoft ha notevolmente aumentato di uno solo una settimana dopo con il suo accordo da $ 68,7 miliardi per acquista Activision Blizzard. Il valore totale di tutte e tre le acquisizioni, supponendo che tutte vadano a buon fine, è sbalorditivo 85 miliardi di dollari.

Con Bungie, Sony ospiterà il talento dietro il popolarissimo Destino 2, e sembra probabile che la società utilizzerà l’esperienza di Bungie per creare titoli di servizi live altrettanto ampi e di lunga durata. Sony è rinomata per i suoi costosi giochi per giocatore singolo come Dio della guerra, Fantasma di Tsushima, L’ultimo di noi, e Ratchet & Clank: Rift Apart, ma non ha una sua interpretazione Fortnite o Destino che viene aggiornato regolarmente nel corso di molti anni per far tornare i giocatori.

Mentre il boss di PlayStation Jim Ryan ha detto in un intervista con Gamesindustry.biz che l’accordo con Bungie non fosse una risposta alle grandi acquisizioni già annunciate nel 2022, è difficile considerare i recenti acquisti di Sony come tutt’altro che un tentativo di tenere il passo con un’ondata di consolidamento nel settore. Proprio nel 2021, Sony ha acquisito Software Nixxes per sviluppatori di porte per PC, Ritorno sviluppatore Housemarque, La sala giochi produttore Firesprite Studios, esperti di remake / remaster di PlayStation Bluepoint Games e Dio della guerra studio di supporto Valkyrie Entertainment.

Microsoft ha anche è stato in una corsa all’acquisto, acquisendo ZeniMax Media / Bethesda Softworks nel 2021, Psiconauti 2 sviluppatore Double Fine Productions nel 2019 e annunciando l’aggiunta di cinque studi al suo elenco nel 2018. Sarei anche negligente se non menzionassi l’acquisto di grande successo del produttore di Minecraft da parte di Microsoft Mojang nel 2014.

Non sono solo Sony e Microsoft ad aver aperto i loro portafogli. La società madre di Facebook Meta ha sborsato un intero gruppo di studi VR per dare un vantaggio ai suoi visori Quest (sebbene la divisione VR di Meta stia venendo sotto esame da parte del governo, anche per l’acquisto del produttore dell’app di fitness VR Supernatural). EA ha speso miliardi per acquisire Codemasters, Glu Mobile e Playdemic. E il gigante cinese Tencent è dietro molto più del settore di quanto potresti immaginare: è lo sviluppatore dei successi mobili Call of Duty: Mobile, Onore dei re, e Pokémon Unite, possiede League of Legends creatore Riot Games, ha una partecipazione del 40 per cento Fortnite creatore di Epic Games, e acquistato Scontro tra clan studio Supercell di SoftBank nel 2016, solo per citare alcune cose.

L’ondata di acquisizioni, in particolare gli accordi per Activision Blizzard e Bungie, rende anche molto più possibili idee prima insondabili. Sony potrebbe acquistare Square Enix per fare Fantasia finale una serie esclusiva per PlayStation? E se Microsoft avesse acquistato Ubisoft per fare Assassin’s Creed l’ennesima estrazione per Xbox Game Pass? Nintendo acquisterebbe Sega Sammy per rendere Sonic un franchise first party? Se me l’avessi chiesto a dicembre, avrei riso di tutte quelle idee, ma ora non credo che batterei ciglio.

Sony sta anche segnalando che potrebbero esserci più acquisizioni in arrivo. “Dovremmo assolutamente aspettarci di più”, ha detto Ryan Gamesindustry.biz. “Non abbiamo affatto finito. Con PlayStation, abbiamo molta strada da fare”. L’accordo di Sony per Bungie non è ancora completo, ma un’altra importante acquisizione dello studio sembra inevitabile a questo punto, anche i giochi di parole gratuiti non sono sicuri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.