Echelon convince l’USPTO che la tecnologia di streaming di Peloton non è brevettabile

In altre cattive notizie per Peloton, la rivale Echelon Fitness ha persuaso l’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti che due dei brevetti di Peloton relativi alle lezioni in streaming e on-demand non sono effettivamente brevettabili. La decisione è stata presa la scorsa settimana dal Patent Trial and Appeal Board dell’USPTO in quanto si è ritenuto che fossero “invenzioni evidenti,” secondo legge Bloomberg. Anche se potrebbe non essere il colpo più grande che Peloton ha dovuto affrontare negli ultimi mesi, solleva interrogativi sulla tendenza dell’azienda a essere pesante con le cause sui brevetti.

Per sostenere le cose, tutto questo è avvenuto dopo Peloton citato in giudizio Echelon nel 2019 per ottenere un “giro gratuito” dalla sua tecnologia e quindi inondare il mercato con imitatori di imitatori più economici. Se hai mai pensato di acquistare una bici da fitness connessa, probabilmente ti sei imbattuto in Echelon come una popolare alternativa a Peloton, poiché costano una frazione del prezzo. (Inoltre, Echelon ha avuto un diverbio con Amazon nel 2020 per una presunta partnership per creare una Prime Bike da $ 500.) Tuttavia, una volta iniziata la discussione legale, Echelon ha replicato e ha chiesto che due dei brevetti in questione – n. 10.322.315 e 10.022.590 – fossero rivisto. Entrambi si riferiscono a un “sistema e metodo per fornire lezioni di allenamento in streaming e su richiesta”. Nella sua decisione finale, la commissione d’appello ha concordato con Echelon, affermando che le invenzioni non erano abbastanza uniche rispetto ai brevetti precedenti e quindi non avrebbero dovuto essere emesse in primo luogo. Puoi leggere le decisioni complete qui e qui.

Ovviamente, Echelon è soddisfatto dei risultati, con il CEO Lou Lentine che lo ha detto Chattanooga Times Free Press è una “grande vittoria” dopo aver speso “un sacco di soldi per combattere questi ragazzi”. Il confine ha contattato Peloton per un commento ufficiale ma non ha ricevuto immediatamente una risposta. Sembra che Echelon non sia disposto a lasciare che i cani che dormono mentiscano: lo ha anche detto la compagnia Il confine in una e-mail che ha recentemente presentato una domanda riconvenzionale separata contro Peloton che ha aggiunto accuse di aver spinto Affirm a tagliare i legami con i concorrenti, ostacolando gli sforzi di finanziamento dei consumatori, insieme ad altre tattiche di bullismo.

Le aziende si prendono sempre a pugni a vicenda per i brevetti. Questa non è nemmeno l’unica battaglia sui brevetti in corso di Echelon con Peloton. A novembre, Peloton ha ottenuto un altro brevetto per le sue classi on-demand. Ha quindi citato in giudizio sia Echelon che iFit, un altro rivale che possiede il marchio NordicTrack. Ciò che lo rende degno di nota è che forse crea un buco nella strategia di Peloton per gestire i rivali finora: seppellendoli in battaglie legali.

Uno degli esempi più memorabili è stato quando Peloton ha assunto la rivale della boutique più piccola Flywheel. Nel 2018, ha affermato che Flywheel aveva ha copiato la sua tecnologia brevettata, in particolare la classifica che mostra dove si trova un utente rispetto ad altri in una determinata classe. Flywheel ha perso la battaglia, accettando di annullare la sua classifica e alla fine chiudendo completamente le sue classi virtuali. Le bici Flywheel sono state quindi murate e agli utenti è rimasta solo una vera opzione: accettare l’offerta di Peloton di scambiare la bici con una Peloton ricondizionata. Da allora, Flywheel è servito come una sorta di ammonimento, sia per i consumatori che desiderano acquistare una cyclette intelligente che per le aziende nello spazio fitness connesso.

Ma mentre Peloton ha avuto successo contro Flywheel, la posta in gioco è un po’ diversa ora. Nonostante abbia riscontrato un enorme successo durante la pandemia, la fortuna di Peloton non è stata buona negli ultimi tempi. Una delle ragioni per le fortune invertite di Peloton è l’aumento della concorrenza, e sembra che il la tendenza del fitness a casa è qui per restare. Questa tattica pesante per cause legali potrebbe aver funzionato alcuni anni fa, ma è difficile vedere come giocherà a favore di Peloton quando sta attualmente valutando misure di risparmio sui costi dopo essersi esteso eccessivamente nel 2020 e nel 2021, soprattutto perché questo tipo di guerra dei brevetti è non sempre intelligente Secondo a Bloomberg rapporto, il rischio con la strategia di Peloton è che potrebbe ritorcersi contro se i tribunali ritengono che la sua “tecnologia rivoluzionaria” non sia poi così rivoluzionaria. Come in, quello che è appena successo con Echelon. Se ciò dovesse accadere su scala più ampia, Peloton rischia di ritrovarsi milioni di dollari e senza tutele legali per il core del suo business.

Peloton dovrebbe presentare i suoi ultimi guadagni l’8 febbraio, il che dovrebbe rivelare di più sulla sua attuale salute finanziaria. Nonostante le recenti lotte, l’azienda incombe ancora nello spazio fitness connesso. Tuttavia, dovremo vedere come si adatta al nuovo panorama tecnologico del fitness e dove si adattano le guerre dei brevetti in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.