Secondo quanto riferito, Grindr scompare dagli app store in Cina

L’app di incontri LGBTQ Grindr è stata rimossa dall’App Store di Apple in Cina e non è disponibile nemmeno sui più diffusi mercati di app Android, Bloomberg rapporti. Secondo quanto riferito, l’app è scomparsa dall’App Store iOS il 27 gennaio, anche se non è chiaro quando sia stata rimossa dai famosi app store Android del paese, gestiti da società locali come Huawei e Tencent in assenza del Google Play Store.

Le apparenti rimozioni seguono l’annuncio del governo cinese la scorsa settimana che avrebbe represso i contenuti illegali, la pornografia e le attività “scorte” online, Bloomberg precedentemente segnalato. L’inasprimento delle restrizioni arriva prima che la Cina ospiterà le Olimpiadi invernali di Pechino, che dovrebbero iniziare entro la fine della settimana. Sebbene l’omosessualità non sia illegale in Cina, gli osservatori lo hanno notato le politiche del governo sono state sempre più intollerantie la censura di Pechino ha contestato temi gay in media.

Le rimozioni degli app store sono diventate comuni in Cina negli ultimi anni e hanno colpito servizi incentrati su tutto, dalle notizie, ai podcast e alle mappe, apparentemente a causa del timore che potessero essere utilizzati per accedere a contenuti sgradevoli o facilitare attività ritenute illegali nel paese. Anche le app di gioco si sono rivelate un obiettivo frequente, con decine di migliaia che sono state rimosse. L’anno scorso è scomparsa anche una popolare app del Corano.

L’ambiente si è rivelato difficile per le aziende tecnologiche straniere, alcune delle quali hanno ritirato i servizi dal mercato. Microsoft ha annunciato che avrebbe sospeso il suo servizio LinkedIn cinese a ottobre e il mese successivo Epic Games ha chiuso la versione cinese di Fortnite.

Apple non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sulla rimozione di Grindr. Ma l’azienda delinea il suo approccio alla gestione dei diritti umani all’estero in questo documento dove osserva che è “necessario rispettare le leggi locali e, a volte, ci sono questioni complesse su cui potremmo non essere d’accordo con i governi e le altre parti interessate sulla giusta strada da seguire”.

Sebbene Grindr, che è tra le app di appuntamenti LGBTQ più famose al mondo, sia stata rimossa, Bloomberg segnala che alternative locali come Blued sono ancora disponibili nel paese. Fino all’inizio del 2020, Grindr era di proprietà di una società cinese, la Beijing Kunlun Tech, ma quell’anno annunciò che avrebbe venduto il servizio alla società statunitense San Vicente Acquisition dopo che le autorità statunitensi avevano espresso preoccupazioni per la sicurezza nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.