La sicurezza energetica dell’Europa preoccupa la NATO in mezzo alla situazione di stallo con la Russia | Crisi Ucraina-Russia Notizie


Il capo della NATO ha affermato che l’Europa ha bisogno di diversificare le sue forniture energetiche, poiché il Regno Unito ha avvertito che era “molto probabile” che la Russia, il più grande fornitore di gas naturale del continente, stesse cercando di invadere l’Ucraina.

L’Unione Europea dipende dalla Russia per circa un terzo delle sue forniture di gas e qualsiasi interruzione aggraverebbe una crisi energetica esistente causata da una carenza.

“Siamo preoccupati per la situazione energetica in Europa perché dimostra la vulnerabilità di essere troppo dipendenti da un fornitore di gas naturale ed è per questo che gli alleati della NATO concordano sul fatto che dobbiamo lavorare e concentrarci sulla diversificazione degli approvvigionamenti”, ha affermato il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha detto domenica.

Le tensioni sono aumentate quando la Russia ha ammassato circa 120.000 soldati al confine ucraino e ha chiesto all’alleanza di difesa occidentale di ritirare truppe e armi dall’Europa orientale e impedire all’Ucraina, un ex stato sovietico, di entrare nella NATO.

Stoltenberg ha affermato che la NATO non aveva in programma di schierare truppe da combattimento nell’Ucraina non membro della NATO in caso di invasione russa, aggiungendo “ci stiamo concentrando sul fornire supporto”.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha invitato la Russia a ritirare le sue truppe e continuare il dialogo con l’Occidente se è “serio” per l’allentamento delle tensioni.

“La diplomazia è l’unico modo responsabile”, ha twittato Kuleba.

“Non vogliamo la guerra”

Mosca nega qualsiasi piano di invasione, ma domenica ha detto che chiederà alla NATO di chiarire se intende attuare impegni chiave di sicurezza, dopo aver affermato in precedenza che la risposta dell’alleanza alle sue richieste non è andata abbastanza lontano.

“Se non hanno intenzione di farlo, allora dovrebbero spiegare perché”, ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov alla televisione di stato. “Questa sarà una domanda chiave nel determinare le nostre proposte future”.

Anche il capo del Consiglio di sicurezza russo, Nikolai Patrushev, ha respinto gli avvertimenti occidentali su un’invasione.

“In questo momento, stanno dicendo che la Russia minaccia l’Ucraina – è completamente ridicolo”, ha affermato l’agenzia di stampa statale Tass. “Non vogliamo la guerra e non ne abbiamo affatto bisogno”.

Tuttavia, ciò non ha impedito al Canada di annunciare il ritiro temporaneo del personale non essenziale dalla sua ambasciata in Ucraina, ma ha affermato che l’ambasciata sarebbe rimasta aperta.

Stati Uniti e Regno Unito aumentano la minaccia delle sanzioni

Gli Stati Uniti, che hanno minacciato la Russia di nuove gravi sanzioni in caso di invasione dell’Ucraina, hanno detto che aspettano notizie da Mosca. Dice che la NATO non si ritirerà dall’Europa orientale né impedirà all’Ucraina di aderire alla NATO, ma è pronta a discutere argomenti come il controllo degli armamenti e le misure di rafforzamento della fiducia.

Due importanti senatori statunitensi che lavorano su un disegno di legge hanno affermato di essere molto vicini a un accordo sulla legislazione per sanzionare la Russia. Le misure includono il targeting delle importanti banche russe e del debito sovrano, oltre a offrire un’assistenza più letale all’Ucraina.

Alcune delle sanzioni nel disegno di legge potrebbero entrare in vigore prima di qualsiasi invasione a causa di ciò che la Russia ha già fatto, hanno affermato i senatori statunitensi Bob Menendez, il presidente democratico della commissione per le relazioni estere del Senato, e James Risch, il massimo repubblicano della giuria. Menendez ha indicato gli attacchi informatici all’Ucraina, le operazioni false flag e gli sforzi per indebolire internamente il governo ucraino.

Sabato, un funzionario della Casa Bianca ha affermato che l’amministrazione Biden intende risparmiare i russi comuni dal peso dei controlli sulle esportazioni statunitensi se la Russia invaderà l’Ucraina e concentrarsi sul prendere di mira i settori industriali.

Washington ha passato settimane a cercare di costruire un accordo con i partner europei su un forte pacchetto di sanzioni, ma la questione è divisiva, con la Germania che esorta alla “prudenza”.

Nel frattempo, il Regno Unito ha dichiarato che questa settimana introdurrà una nuova legislazione per ampliare la portata delle sanzioni che può applicare questa settimana per dissuadere il presidente russo Vladimir Putin dall’invasione dell’Ucraina. Ha anche offerto un importante dispiegamento della NATO in un piano per rafforzare i confini dell’Europa.

“Pensiamo che sia molto probabile che [Putin] sta cercando di invadere l’Ucraina. Ecco perché stiamo facendo tutto il possibile attraverso la deterrenza e la diplomazia, per spingerlo a desistere”, ha detto il ministro degli Esteri Liz Truss alla televisione della BBC.

Truss, che dovrebbe visitare l’Ucraina e la Russia nelle prossime due settimane, ha detto a Sky News che la legislazione consentirebbe al Regno Unito di raggiungere una varietà molto più ampia di obiettivi “quindi non ci può essere nessuno che pensi che sarà immune da quelle sanzioni”. .

Alla domanda se i nuovi poteri potrebbero includere la possibilità di sequestrare le proprietà dei ricchi russi a Londra, Truss ha detto: “Niente è fuori discussione”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.