Cosa abbiamo imparato dai campionati di conferenza della NFL


L’anno sportivo 2021-22 è deciso a curare le basi dei fan feriti. Lo stato della Georgia ha visto la sua franchigia della Major League Baseball e il suo programma di football universitario di punta vincere titoli, Milwaukee ha vinto il suo primo campionato NBA da quando Kareem Abdul-Jabbar stava lanciando ganci in cielo e i Cincinnati Bengals sono ora diretti al Super Bowl per la prima volta in 33 anni, dopo una vittoria per 24-21 ai supplementari a Kansas City, Mo.

Per tutta la stagione, è sembrato che il mondo del calcio fosse pronto a incoronare un nuovo quarterback come il “volto della lega”, un giocatore pronto a intervenire per la generazione emergente che ha definito la NFL finora in questo secolo. Gli spettacoli di dibattito sportivo diurno, podcast e account di social media con nomi visualizzati come “@[Quarterback]IsTheGOAT2022” ha giocato una partita di cinque mesi per nominare il successore. Una settimana è stato Justin Herbert dei Chargers, poi Kyler Murray dei Cardinals e poi Josh Allen dei Bills, anche se la vecchia guardia di Aaron Rodgers, Tom Brady e Ben Roethlisberger si è fatta strada nella postseason.

Ma come è successo nelle ultime quattro stagioni, Patrick Mahomes è di nuovo entrato nella breccia e ha portato Kansas City alla partita del campionato AFC, sempre ospitata all’Arrowhead Stadium. A metà della partita di domenica contro i Cincinnati Bengals, la terza apparizione consecutiva al Super Bowl di Kansas City sembrava un fatto compiuto: Mahomes aveva già tre touchdown, i Bengals non riuscivano a far aprire Ja’Marr Chase nel downfield e Kansas City era il meglio fare squadra in attacco.

Poi è successo Joe Burrow.

Attivando la stessa magia da quarterback che non è proprio magia che ha usato dalla sua campagna per il campionato nazionale 2019 allo stato della Louisiana, Burrow era l’elite nel muoversi in tasca e riconoscere le coperture e i blitz prima dello snap. In più occasioni – e quello che sembrava ogni terzo in meno – Chris Jones e la corsa al passaggio di Kansas City avevano fatto morire Burrow, solo per lui che si abbassava o scivolava via e spostava le catene con il braccio o le gambe.

Una volta che Burrow ha riconosciuto che Kansas City avrebbe avuto una sicurezza sopra Chase per la maggior parte della giornata, ha deciso di scegliere Tee Higgins in mezzo al campo, operando contro linebacker e safety che hanno lottato per fermare gli attacchi per tutta la stagione .

Burrow ha sopportato un carico importante domenica, soprattutto data l’incapacità di Cincinnati di correre con successo nel regolamento. Non lo ha fatto da solo, però: il coordinatore difensivo dei Bengals Brian Callahan si merita almeno metà del merito della vittoria. Cincinnati ha iniziato la partita giocando le stesse coperture a due profondità che hanno rallentato Patrick Mahomes e il suo corpo di ricezione esplosivo nella stagione regolare, senza alcun risultato. Mahomes ha lavorato pazientemente sotto le finestre di passaggio fino a quando Callahan ha perso la pazienza e ha giocato da uomo a uomo – ed è stato punito da Tyreek Hill sopra le righe.

Anche quando tutti i ricevitori di Kansas City erano perfettamente coperti, Mahomes estendeva le giocate con scrambles fino a quando qualcuno non sfondava o veniva rivelata una corsia di corsa. E, dopo aver battuto il suo piano di gioco per 30 minuti, Callahan ha apportato una modifica fondamentale che non si vede quasi mai a livello professionistico: ha concesso completamente la corsa al passaggio per contenere la velocità di Kansas City.

Facendo cadere otto in copertura, Cincinnati ha resistito in difesa mentre Mahomes scansionava il campo, scommettendo che l’ex MVP sarebbe diventato impaziente e avrebbe forzato i tiri o sarebbe stato suscettibile ai sacchi di copertura. Al primo intercetto di Mahomes, nel terzo quarto, il rusher di bordo Trey Hendrickson è caduto in una finestra di lancio, costringendo un tiro basso che è stato deviato e represso dal guardalinee difensivo BJ Hill.

Sotto di 3 punti nel quarto quarto, Kansas City ha munto il tempo negli ultimi sei minuti del regolamento su quello che sembrava essere il touchdown vincente. Ma la difesa dei Bengals è tornata di nuovo in copertura, ha costretto i sack back-to-back al secondo e terzo e gol e ha costretto Kansas City ad accontentarsi di un canestro e dei tempi supplementari.

Quindi, nell’ultima giocata offensiva della stagione di Kansas City, lo stesso tipo di copertura ha portato a un passaggio forzato a Tyreek Hill che è stato eliminato da Vonn Bell.

Come Mahomes, l’allenatore di Kansas City Andy Reid dovrà affrontare molte ripensamenti su cosa avrebbe potuto fare diversamente. E, come in ogni sconfitta della NFL, ci sono delle opzioni. Per concludere il primo tempo, Kansas City ha tirato un altro tiro in end zone – un passaggio in oscillazione a Hill, che è stato placcato ben al di sotto della linea di porta – invece di prendere un tiro a canestro che avrebbe allungato il suo vantaggio a 14 punti. Una volta che è stato chiaro che il gioco dei passaggi aveva perso il ritmo e che i Bengals stavano giocando in profondità, ci sono state occasioni perse per guadagnare facilmente yard veloci.

Ma la verità è che Cincinnati ha strappato via il gioco proprio come ha fatto contro il Tennessee nel round di divisione, grazie alla durezza di Burrow e agli aggiustamenti apportati da Callahan sulla difensiva. Non si tratta di destino o magia; i Bengals si sono guadagnati il ​​posto nel Super Bowl LVI battendo Kansas City.

Diciamo l’ovvio: è difficile battere una squadra della NFL tre volte nello stesso anno. Nella settimana 10, Los Angeles è stata vittima di bullismo in prima linea e ha lottato per contenere e coprire Deebo Samuel e Brandon Aiyuk. Nella settimana 18, i Rams hanno segnato un vantaggio di 17-3 nel primo tempo contro una squadra disperata di 49ers, consentendo ad Aiyuk e Samuel di dominare il secondo tempo e i tempi supplementari.

In quei due incontri della stagione regolare, Samuel e Aiyuk si sono combinati per 31 tocchi e 416 yard, con Samuel che ha segnato tre touchdown.

Non c’è modo di fermare giocatori talentuosi come le stelle dei 49ers, ma entrando nella partita del campionato NFC di domenica, la difesa dei Rams ha cercato di trovare un modo per impedire all’allenatore dei 49ers Kyle Shanahan di fare grandi giocate per Samuel e Aiyuk per evitare una settima sconfitta consecutiva a San Francisco. Ha fatto quel tanto che basta per impedire a Jimmy Garoppolo di trovare il duo in ritardo per scappare con una vittoria per 20-17 nel match di gomma di questa stagione e garantire un posto in un Super Bowl che si terrà nello stadio di casa dei Rams.

In nessun luogo la dedizione dei Rams alla robustezza era più presente dei suoi sette anteriori, che tenevano San Francisco a sole 2,5 yard per riporto su 20 mete. Samuel e Aiyuk hanno ancora accumulato 167 yard su 15 tocchi, ma Los Angeles si è avvicinato alla palla e ha contrastato … duro. Rompendo dalle norme dei playoff della NFL, i Rams hanno tenuto allenamenti imbottiti a fine settimana per sottolineare la necessità di vincere gli incontri individuali in anticipo.

Shanahan, famoso per la sua capacità di mettere insieme un gioco di corsa produttivo contro chiunque, non aveva risposte nel quarto quarto e ha messo il risultato della partita nelle mani del quarterback Jimmy Garoppolo.

Garoppolo aveva flirtato a buttare via questa serie di playoff ad ogni turno: un terribile intercetto nel quarto quarto contro Dallas; un tiro impreciso, minato da Adrian Amos a Green Bay; infine, un flagello simile a Carson Wentz mentre è nelle mani di Aaron Donald, rimbalza dall’elmo di JaMycal Hasty e tra le braccia di Travin Howard per sigillare il risultato di domenica.

La corsa d’élite di San Francisco ha continuato a sostenere i 49ers durante le lotte di Garoppolo domenica. Nick Bosa e il suo clan di uomini della linea difensiva hanno avuto due licenziamenti e si sono comportati bene quando Stafford è tornato indietro di quasi 50 volte, ma non è stato sufficiente per impedire ai ricevitori di Los Angeles, Cooper Kupp e Odell Beckham Jr., di bruciare la secondaria per oltre 100 metri ciascuno.

Con i 49ers aggrappati a un vantaggio di 17-14 a meno di 10 minuti dalla fine, San Francisco aveva bloccato Los Angeles nel profondo del proprio territorio. Alla ricerca di un gioco esplosivo, Stafford ha preso un tiro a terra, ma ha gravemente fallito il suo passaggio a Van Jefferson. Jaquiski Tartt, nel bel mezzo del campo, ha avuto il tempo di girare sotto la palla ma ha lasciato cadere un facile intercetto, provocando un cambiamento di energia così palpabile che la squadra di trasmissione ha notato effetti persistenti molto tempo dopo che si è verificato. Los Angeles è scappato con un canestro su azione durante l’unità per pareggiare la partita.

Sul successivo possesso dei Rams, Stafford ha punito un blitz del terzo down con una connessione di 12 yard a Cooper Kupp che ha messo i Rams nella gamma del field goal e Matt Gay ha trasformato il suo calcio per dare a Los Angeles il vantaggio e ha creato il disastroso turnover di Garoppolo .

McVay ha finalmente battuto Shanahan perché i 49ers non potevano fare di più per diffondere la pressione del regista in attacco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.