Residenti stanchi della guerra lamentano case perse nei bombardamenti dell’Ucraina orientale | Crisi Ucraina-Russia Notizie


Nevelske, Ucraina Circondato da campi di grano vuoti e sepolto sotto uno spesso strato di neve, il villaggio di Nevelske, nella regione del Donbas, nell’Ucraina orientale, è quasi abbandonato: è stato distrutto nel mezzo di un’escalation della crisi Ucraina-Russia che ha portato l’Europa sull’orlo del conflitto.

Situato a soli 24 km (15 miglia) a nord-ovest della città di Donetsk, controllata dai separatisti, i residenti dell’insediamento agricolo avevano resistito per più di sette anni sulla faccia del carbone di un conflitto tra le forze ucraine e i separatisti sostenuti dalla Russia, fino a quando i pesanti bombardamenti a metà novembre hanno causato la maggior parte dei suoi residenti rimanenti a fuggire.

Prima dell’inizio della guerra nel 2014, circa 300 persone vivevano a Nevelske, secondo l’Ufficio per gli affari umanitari delle Nazioni Unite (OCHA). La popolazione era scesa a 45 al momento degli attacchi di novembre, ora ne rimangono solo una manciata.

Il bombardamento è avvenuto nel mezzo di tensioni ribollenti tra la Russia e l’Occidente sull’Ucraina, con Mosca che ha accumulato decine di migliaia di soldati e una serie di equipaggiamenti militari vicino al confine con l’Ucraina.

Il cortile di Valentina Omelnycka e Andriy DmytryuchenkoIl cortile di Valentina Omelnycka e Andriy Dmytryuchenko a Nevelske [Emre Caylak/Al Jazeera]

‘Tutto è stato distrutto’

Prima degli attacchi, Nevelske era un villaggio relativamente moderno, con bagni e servizi igienici interni: un lusso nella povera regione rurale.

I residenti avevano lavorato duramente per sviluppare il villaggio a mano e potevano piantare abbastanza ortaggi nei campi vicini per essere per lo più autosufficienti, cosa particolarmente importante per i residenti più anziani che non erano in grado di lavorare.

La casa di Valentina Omelnycka era circondata da una staccionata blu e aveva un giardino lussureggiante dove coltivava fiori e uva in estate, e aveva un recinto nel cortile per lei. Una casa abbandonata nel villaggio di Nevelske, in Ucraina, amava i maiali.

La 63enne ha messo “tanto amore” nella sua casa, ha detto.

Dopo il primo attacco avvenuto il 14 novembre, lei e suo marito di 24 anni, Andriy Dmytryuchenko, 45 anni, avevano sperato che fosse una tantum e hanno deciso di rimanere a casa loro.

Ma nelle prime ore del mattino del 18 novembre, Dmytryuchenko ricorda di aver visto una luce nel cielo attraverso la finestra e di aver chiamato Omelnycka e la figliastra Olha Snehovska, 36 anni, al loro rifugio nel seminterrato.

“Tutto tremava e quando siamo usciti tutto era sparito e non abbiamo dormito per niente quella notte”, ha detto Dmytryuchenko.

Andriy Dmytryuchenko, 45 anni, che mostra una scheggia dal giardino della sua vecchia casa.  NevelskeDmytryuchenko, 45 anni, mostra una scheggia dal giardino della sua vecchia casa a Nevelske [Emre Caylak/Al Jazeera]

“Ci siamo guardati intorno nel cortile e abbiamo visto che il fienile era sparito, le anatre giacevano morte e i maiali, uno pieno di schegge, erano morti… Abbiamo cercato così tanto di renderlo bello e tutto è stato distrutto in 40 minuti”.

Il recinto dei maiali era stato raso al suolo, un guscio inesploso si era conficcato nell’armadio e 12 gattini erano stati uccisi.

Come nel caso di altri insediamenti nell’area controllata militarmente, l’operazione della Joint Force ucraina chiama la “zona rossa”, sentire spari ed esplosioni fa parte della vita quotidiana a Nevelske.

Ha resistito ai combattimenti dallo scoppio della guerra dopo che la Russia ha invaso e annesso la penisola di Crimea meridionale dell’Ucraina e ha sostenuto i separatisti che hanno catturato ampie zone dell’est del paese.

Le due parti hanno raggiunto un cessate il fuoco nel 2015, ma le ostilità sono continuate e quasi 14.000 persone sono state uccise, di cui oltre 3.000 civili.

Le tensioni tra Russia e Occidente si sono riaccese in ottobre, quando l’Ucraina ha attaccato un obice operato da separatisti sostenuti dalla Russia con un drone armato e con l’emergere di immagini satellitari che sembravano mostrare che la Russia aveva accumulato decine di migliaia di truppe vicino ai suoi confini con l’Ucraina.

I leader occidentali si sono dati da fare per disinnescare una crisi, che alcuni hanno avvertito potrebbe portare a un’invasione del territorio ucraino, raggiungendo la Russia, mentre tentano di aumentare la pressione promettendo dure sanzioni in caso di invasione.

‘Hanno puntato direttamente su di noi’

Omelnycka e Dmytryuchenko, entrambi con sorrisi dai denti d’oro e dolci occhi azzurri, hanno affermato che nel corso del conflitto mine e altre armi avevano colpito giardini e campi, ma raramente case nel villaggio.

“Dopo i combattimenti più pesanti qui nel 2014, le persone sono tornate dopo un mese, ma questa volta non credo che lo faranno. Poi, il bombardamento è stato casuale, ma questa volta sembrava che stessero mirando a colpire le case delle persone”, ha detto Omelnycka.

“Sanno che i civili vivono qui, non dovremmo essere presi di mira. Ma hanno puntato dritto a noi”.

Dei 50 edifici del villaggio, 16 sono stati colpiti e 11 sono stati distrutti. Un medico militare che è stato inviato al villaggio ha riportato gravi ferite da schegge, ma in seguito è guarito in ospedale. Diversi animali da fattoria sono stati uccisi.

Valentina Omelnycka, 63 anni, e Andriy Dmytryuchenko, 45 anni, nella stalla del loro amico vicino a Pisky, UcrainaValentina Omelnycka, 63 anni, e Andriy Dmytryuchenko, 45 anni, nella stalla del loro amico vicino a Pisky, Ucraina [Emre Caylak/Al Jazeera]

Molte delle case di Nevelske sono ancora abitabili, comprese quelle di Omelnycka e Dmytryuchenko, ma gli attacchi hanno lasciato il villaggio senza gas ed elettricità e senza acqua a causa dell’uso di pompe dell’acqua azionate elettricamente.

Non c’è più un negozio di alimentari, con il più vicino a dieci minuti di auto. I residenti sono cauti nell’investire denaro in costose riparazioni delle loro case quando credono che il villaggio possa essere nuovamente preso di mira.

I residenti affermano di aver ricevuto piccole quantità di aiuti umanitari dal Comitato internazionale della Croce Rossa e dall’organizzazione benefica ceca People in Need.

La crescente preoccupazione per una possibile escalation delle ostilità ha sollevato i timori di un peggioramento della crisi umanitaria nella regione più ampia.

Il gruppo per i diritti umani Amnesty International ha avvertito venerdì che un ulteriore conflitto armato in Ucraina avrebbe conseguenze devastanti per i diritti umani di milioni di persone e potrebbe causare una crisi dei rifugiati. Secondo i dati del governo, circa 1,45 milioni di persone sono state sfollate internamente.

Un calendario che mostra il mese di novembre, quando è avvenuto l'ultimo attentato, all'interno di una casa abbandonataUn calendario che mostra il mese di novembre, quando è avvenuto l’ultimo attacco, all’interno di una casa abbandonata, Nevelske [Emre Caylak/Al Jazeera]

Dmytryuchenko e Omelnycka si trovano ora temporaneamente a casa di sua sorella in un villaggio vicino. Presto dovranno trovare una soluzione più permanente, ma non sono ancora sicuri di come pagheranno l’affitto.

Quando un villaggio viene danneggiato, dicono, i prezzi nelle vicinanze salgono a causa dell’aumento della domanda da parte di coloro che fuggono. Secondo Dmytryuchenko, i prezzi delle case nella zona sono aumentati vertiginosamente negli ultimi anni.

“Stiamo parlando con amici in altre città come Nipro – i loro figli li hanno portati via – e io li chiamo e parlo di trasferirmi dove sono. Piangiamo ogni volta perché vogliono tornare e noi vogliamo restare qui”, ha detto.

“Voglio solo la pace e il resto possiamo farlo da soli. Forse poi anche quelli che se ne sono andati nel 2014 sarebbero tornati”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.