Internet ha dato origine a “Annulla il DOC culturale”

Comunque è confezionato, la purezza – della mente, del corpo, del pianeta – non esiste. “Non esiste uno stato primordiale a cui potremmo desiderare di tornare, nessun Eden che abbiamo profanato, nessun corpo pretossico che potremmo scoprire attraverso abbastanza semi di chia e kombucha”, scrive la filosofa canadese Alexis Shotwell nel suo trattato del 2016 Contro la purezza. Il purismo, in ogni sua forma, “è una politica di disperazione de-collettivante, smobilitante e paradossale”, in contrasto con gli impegni della sinistra, che mirano a cambiare il mondo in meglio.

Accettare che siamo già compromessi e lo siamo sempre stati può essere difficile, ma Shotwell sostiene che può liberarci mentre ci organizziamo per il futuro. Mantenere la mente pura e rifiutarsi di buttarsi nella sporcizia con gli altri è un “se stesso-politica giusta”, scrive Shotwell. Non essere in grado di andare avanti nella propria vita per paura della cancellazione è già abbastanza grave; lasciare che ostacoli l’auto-miglioramento o l’azione collettiva è ancora peggio.

O, in altre parole: “autonominati guardiani della purezza politica” che credono di “avere una maggiore integrità o analisi più sofisticate” non fanno altro che rendere più difficile il duro lavoro, scrive la femminista nera Loretta Ross. Mentre è possibile preoccuparsi di più di una cosa alla volta, di tutti la larghezza di banda è limitata. Infinitamente perfezionamento del messaggio—e, in particolare, correggere il discorso della maggior parte dei cis, bianchi con grandi piattaforme — può andare a scapito dell’attivismo e dell’azione diretta che migliora la vita di tutti.

In questo, Internet continuerà a svolgere un ruolo difficile. È un ottimo strumento per pubblicizzare problemi e raccogliere fondi, ma finora le piattaforme social hanno contribuito soprattutto a una politicizzazione della vita quotidiana così completa che, paradossalmente, in realtà non accade nulla di politico. Interrogare la nostra visione del mondo, informarci con una comprensione più completa di come siamo arrivati ​​a questo punto della storia umana e ricalibrare i nostri valori di conseguenza è un lavoro importante, ma ci sono dei limiti (poiché molti dei nostri pensieri non sono sotto il nostro controllo), ed è è prezioso solo nella misura in cui genera cambiamento nel mondo reale.

In psichiatria, si dice che molte persone con disturbo ossessivo compulsivo siano “ego-distoniche” o che vivano con la sensazione che i loro pensieri invadenti – e il tempo che trascorrono su di loro – vadano contro i loro valori. La stessa cosa sembra accadere collettivamente: gli esseri umani apprezzano chiaramente il pianeta e gli altri, anche se vediamo il danno continuo che noi, sia individualmente che collettivamente, abbiamo causato. Anche se vogliamo disperatamente risolverlo, non ci riteniamo necessariamente capaci; i problemi sono grandi e l’attuale standard di purezza è semplicemente troppo alto. Invece di vivere secondo i nostri principi, qualunque cosa accada, cancelliamo noi stessi, ripulendo la linea temporale dei nostri misfatti passati e avvolgendoci in tessuti antimicrobici così strettamente che non possiamo crearne di nuovi.

Ma, come ti diranno le persone in terapia per il DOC, “ciò a cui resisti persiste”. Il caos della vita moderna non sta scomparendo. I valori che coltiviamo, anche quando non siamo all’altezza di essi, contano. Fare qualcosa è quasi sempre più significativo che dire qualcosa, e la cultura della purezza online impedisce alle persone di fare gran parte di entrambe. Sebbene non raggiungeremo mai uno stato di purezza, abbracciando la nostra “complicità e compromesso”, come dice Shotwell, e accettando l’incertezza, potremmo trovare proprio il “punto di partenza per l’azione”.


Altre fantastiche storie WIRED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.