Nadal e Medvedev giocheranno nella finale dell’Australian Open


MELBOURNE, Australia — Ancora una volta, l’ultima difesa contro il numero 21 sarà Daniil Medvedev.

Ha un bel carattere, come ha mostrato in uno straordinario sfogo davanti a un arbitro di sedia venerdì, ed è diventato piuttosto lo spoiler con i suoi arti lunghi ed elastici e l’approccio non convenzionale, spesso fuori dalle righe, per costruire punti e demolire gli avversari piani di gioco e sogni.

Nella finale degli US Open dell’anno scorso, il russo di 6 piedi e 6 ha impedito a Novak Djokovic di completare il Grande Slam, che richiede la vittoria di tutti e quattro i principali tornei nello stesso anno solare, e ha anche impedito a Djokovic di rompere il pareggio con Rafael Nadal e Roger Federer per la maggior parte dei titoli importanti della carriera.

Domenica, con i tre uomini che hanno dominato questa era ancora bloccati a 20 titoli del Grande Slam ciascuno, Medvedev affronterà Nadal nella finale degli Australian Open.

“È una grande rivalità”, ha detto Medvedev dei Tre Grandi del tennis: Federer, Nadal e Djokovic. “Sono felice di avere la possibilità di provare a impedire ancora una volta a qualcuno di fare la storia”.

Ma Medvedev, 25 anni e con un solo titolo importante al suo attivo, ha anche il lusso di rimanere al di sopra della mischia.

“Sto solo cercando di concentrarmi su me stesso, facendo il mio lavoro”, ha detto. “So cosa sta succedendo. So cosa sta cercando Rafa. Sapevo cosa stava cercando Novak. Non ho intenzione di dire: ‘Oh, sì, sto cercando di non ascoltarlo.’ Ma è una cosa loro, non mia”.

La cosa di Medvedev si è affermata come il nuovo giocatore di punta dello sport, almeno sui campi in cemento che si adattano al suo gioco e alla sua zona di comfort molto meglio della terra battuta o dell’erba per ora.

Nadal ha avuto un assaggio esteso dei modi proteiformi di Medvedev e dei talenti new age nella finale degli US Open 2019, quando Medvedev ha cambiato tattica dopo aver perso i primi due set. Ha iniziato ad attaccare la rete per spezzare lunghi scambi e ha spinto Nadal per quasi cinque ore prima di perdere nel quinto set.

Da allora non si sono più affrontati su un cemento all’aperto e, sebbene entrambi abbiano giocato le semifinali al chiuso sotto un tetto chiuso alla Rod Laver Arena a causa della pioggia, domenica dovrebbe essere sereno quando si incontreranno di nuovo a Melbourne.

“Sto affrontando il mio rivale più difficile dell’intero torneo in finale”, ha detto Nadal.

Potrebbe non essere vero se Djokovic fosse stato in grado di giocare. Ha vinto nove volte un record maschile agli Australian Open, di cui le ultime tre, ma in uno dei colpi di scena più sorprendenti nella storia del tennis, è stato espulso dall’Australia alla vigilia del torneo dopo che il suo visto è stato revocato dal governo federale e il suo ultimo ricorso è stato respinto.

Nadal, testa di serie sesta, era inizialmente nella metà del sorteggio della testa di serie Djokovic, ma ha invece finito per giocare in semifinale contro Matteo Berrettini, testa di serie numero 7. Ha banchettato con l’ala più debole di rovescio di Berrettini e ha rotto il servizio del potente italiano quattro volte per prevalere, 6-3, 6-2, 4-6, 6-3.

Medvedev ha vinto anche in quattro set, battendo Stefanos Tsitsipas, 7-6 (5), 4-6, 6-4, 6-1, anche se la vittoria di Medvedev è stata notevolmente più tempestosa. Dopo aver perso il servizio nel nono game del secondo set e aver ricevuto una violazione del codice per un’oscenità che ha detto essere stata interpretata erroneamente, Medvedev ha gridato con rabbia all’arbitro di sedia Jaume Campistol per la maggior parte del cambio. Ha suggerito che il padre di Tsitsipas stesse allenando illegalmente suo figlio dal box del giocatore.

“Sei stupido? Suo padre può parlare di ogni punto?” Medvedev ha detto dalla sua sedia, urlando “Guardami!” all’arbitro spagnolo quando Campistol ha girato lo sguardo verso il campo per cercare di disinnescare la situazione.

È stato uno sfogo straordinario, un flashback sui campioni combustibili del passato come John McEnroe e Ilie Nastase. Ma dopo essersi comportato in modo rozzo, Medvedev sembrava almeno imbarazzato.

“Me ne pento sempre, perché non penso che sia carino”, ha detto riguardo al maltrattamento degli arbitri di sedia. “So che ogni arbitro sta cercando di fare del proprio meglio. Ma sì, quando sei lì, il tennis, sai, non litighiamo con i pugni, ma il tennis è una lotta. È uno contro uno contro un altro giocatore. Quindi sono davvero molto rispettoso nei confronti dei giocatori che non mostrano mai, quasi mai, le loro emozioni perché, voglio dire, è dura, è dura, perché capisco, posso emozionarmi davvero”.

Medvedev ha detto che non poteva essere certo che Apostolos Tsitsipas stesse allenando suo figlio. Ha detto che tutto ciò che poteva sentire era il suo commento durante la partita in greco, che Medvedev non parla. Parte della frustrazione di Medvedev nei confronti di Campistol era che nemmeno lui parlava greco. Ma i funzionari del torneo hanno presto posizionato l’arbitro greco Eva Asderaki-Moore in un tunnel a portata d’orecchio del box del giocatore. Dopo che Tsitsipas ha ricevuto un avvertimento per aver allenato all’inizio del quarto set, non ha vinto un’altra partita e Medvedev ha accelerato fino al traguardo.

Tsitsipas, il cui rapporto con Medvedev è stato a lungo gelido, ha sorriso quando gli è stato chiesto dello sfogo di venerdì.

“È sicuramente divertente”, ha detto. “Non faccio attenzione a queste cose. Ai giocatori piace fare queste cose per buttarti fuori mentalmente. Potrebbe essere forse una tattica. Va tutto bene. Comunque non è la persona più matura”.

Le violazioni del coaching non sono una novità per Tsitsipas. Ne aveva già ricevuti due nel torneo, ma ha insistito sul fatto che non sarebbe stato allenato venerdì anche se credeva che dovesse essere consentito durante le partite.

“È qualcosa che fa dalla natura”, ha detto Tsitsipas. “Ne ho parlato con lui. Ho provato.”

Medvedev ha lavorato su se stesso dopo aver perso la calma così spesso nei suoi primi anni. Ha mostrato la compostezza del maestro Zen nella sua sconfitta al secondo turno dell’australiano Nick Kyrgios la scorsa settimana con Kyrgios che ha incitato il pubblico, ma venerdì è stato un grande passo indietro nell’autocontrollo se non nel controllo della palla. È stata una settimana difficile per i rapporti tra arbitro e giocatore.

Il canadese Denis Shapovalov ha inseguito Carlos Bernardes nei quarti di finale per aver mostrato favoritismo a Nadal non penalizzandolo per i ritardi. Shapovalov, 22 anni, ha abbaiato “Voi ragazzi siete tutti corrotti” a Bernardes e in seguito si è tirato indietro da quella dichiarazione, ma ha comunque ricevuto la multa più grande del torneo: $ 8.000 per condotta antisportiva. Anche Medvedev sarà sicuramente multato.

“Nel caldo del momento, l’ho appena perso”, ha detto.

Tale comportamento è in contrasto con quello di Nadal, che non ha mai rotto un racket con rabbia durante i suoi 20 anni di carriera. Federer, sebbene generalmente educato, non può dire lo stesso. Ma le stelle più giovani del tennis maschile, tra cui Kyrgios, stanno dando un tono più spigoloso con il loro comportamento e talvolta tra loro (vedi Medvedev e Tsitsipas). Il divario generazionale non è passato inosservato.

“Sappiamo come è la mentalità di Rafa nella vita”, ha detto Medvedev. “Non so se dovrei chiamarlo così, ma è come un ragazzo perfetto.”

Nadal, a cui piace vendere sottocosto e vendere troppo, sicuramente non si descriverebbe in questo modo, ma è ottimista dopo aver saltato la maggior parte della seconda metà della stagione 2021 a causa di un problema cronico al piede e recentemente si è ripreso dal coronavirus . Questa è la sua sesta e più sorprendente finale dell’Australian Open, venerdì era in lacrime in campo e ha detto di aver discusso del ritiro con la sua famiglia l’anno scorso.

“Questo è un successo particolarmente emozionante”, ha detto Nadal. “Significa così tanto per me, forse perché è così inaspettato.”

Ha vinto questo titolo solo una volta, battendo Federer nel 2009 con la rottura di Federer nella cerimonia di premiazione. Da allora, Nadal ha vissuto molte delle sue sofferenze qui: ha perso una finale del 2012 contro Djokovic che è durata 5 ore e 53 minuti, lasciando entrambi gli uomini in difficoltà a resistere, e poi ha perso un’altra finale della maratona contro Federer nel 2017 nonostante fosse in vantaggio per 3-1 nel quinto set.

Ora, Nadal ha la possibilità di distinguersi, anche se continua a insistere sul fatto che finire primo nell’inseguimento del Grande Slam non è la sua ossessione e nemmeno la sua priorità.

“A essere molto onesto, per me è molto più importante avere la possibilità di giocare a tennis che vincere il 21, no?” Egli ha detto.

Ha giocato molto a Melbourne e ora, all’età di 35 anni, arriva quella che sembra la parte più difficile: un duello intergenerazionale con un rivale che, come Nadal, torna molto dietro la linea di fondo e copre il campo con velocità sorprendente ma che può anche schiaffeggiare i vincitori e assi in raffica con potenza piatta e possiede la lunga portata per neutralizzare il diritto topspin caratteristico di Nadal.

Nadal sembra sapere cosa deve affrontare: “Se non sarò in grado di giocare al mio massimo livello”, ha detto, “semplicemente non ci saranno possibilità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.