Heather MacLean è tornata in pista ai Millrose Games


In una calda mattina di inizio agosto, Heather MacLean si è allacciata le scarpe da ginnastica e ha fatto quello che fa di solito: è andata a correre. Il suo tempo alle Olimpiadi di Tokyo stava finendo dopo che non era riuscita a qualificarsi per la finale dei 1.500 metri femminili, e quando ha iniziato a correre, si è trovata ad affrontare quella dura realtà, fino alla punta dei piedi.

“Le mie gambe non si erano mai sentite più pesanti in vita mia”, ha detto.

Per molti atleti gareggiare alle Olimpiadi è roba da sogni, il prodotto di anni di lavoro meticoloso. Ma non c’è molto di una tabella di marcia per ciò che verrà dopo, nei giorni e nelle settimane successivi ai Giochi. MacLean aveva sentito altri descrivere una sorta di crash post-olimpico.

“Ma non credo che ci fosse modo per me di prepararmi a viverlo davvero”, ha detto in un’intervista questa settimana.

Sabato, MacLean gareggerà nel Miglio Wanamaker ai Millrose Games, il prestigioso incontro al coperto che si tiene ogni anno all’Armory di Washington Heights. Sul campo del miglio femminile figurano anche Elle Purrier St. Pierre, che ha stabilito un record nazionale per l’evento nel 2020, e Athing Mu, campionessa olimpica in carica negli 800 metri.

Sarà il primo incontro su pista di MacLean dalle Olimpiadi. Mark Coogan, l’allenatore di MacLean con il Team New Balance Boston, le aveva consigliato di essere metodico con il suo approccio alla competizione.

“Solo perché l’ho vissuto un po’ da solo”, ha detto Coogan, un ex maratoneta olimpico. “So che ci può essere un’enorme delusione dopo le Olimpiadi e penso che fosse importante solo essere di supporto: ‘Che anno incredibile. Nessuno tranne noi pensava che saresti diventato la squadra olimpica e ora sei un olimpionico. E una volta ricaricato, ci riprenderemo.’”

MacLean, 26 anni, ha avuto una sorta di ascesa fulminea. Non ha iniziato a correre fino al suo primo anno di liceo a Peabody, Massachusetts, fuori Boston. A quel tempo, lavorava in un negozio di alimentari con una delle sue migliori amiche.

“Era la mia macchina per andare al lavoro”, ha detto MacLean. “Quindi, quando è entrata a far parte del team di atletica, ho pensato che avrei anche potuto unirmi a me, così abbiamo potuto fare il car pooling per lavorare e fare pratica insieme”.

MacLean si è subito rivelato essere un talento naturale che ha abbracciato il duro lavoro. Dopo aver battuto una serie di record alla Peabody Veterans Memorial High School, ha combattuto contro infortuni e avversità all’Università del Massachusetts per diventare una americana. Ma è stato solo al quinto anno di età che ha considerato la possibilità di correre professionalmente.

Armata di un master e liberata dalle esigenze accademiche, è entrata a far parte del Team New Balance Boston e ha fatto progressi costanti. Alle prove olimpiche di atletica leggera degli Stati Uniti lo scorso giugno, ha fatto la sua prima squadra nazionale piazzandosi terza nei 1.500 metri dietro Purrier St. Pierre e Cory McGee.

MacLean stava ancora cavalcando il culmine di quell’esperienza quando, su un volo di ritorno da un incontro pre-olimpico a Monaco, ha guardato “The Weight of Gold”, un documentario di HBO Sports che descrive in dettaglio le sfide di salute mentale che alcuni atleti olimpici devono affrontare: il loro sacrifici, le grandi aspettative che interiorizzano e le inevitabili incertezze che devono affrontare dopo le Olimpiadi: e adesso?

Ha ricordato di aver affrontato “una pressione immensa” anche prima del suo arrivo a Tokyo.

“Stavo cercando di mantenere la mia routine per tutta la vita,” ha detto, “perché sono ovviamente incredibilmente eccitata e così elettrizzata da tutto ciò che sta succedendo, e voglio parlare con tutti. Ma allo stesso tempo, voglio proteggere la mia stessa energia e lascio che molte persone siano nel mio spazio. Quindi è stato difficile navigare”.

Alle Olimpiadi, ha superato la sua manche di apertura in 4 minuti e 2,4 secondi, appena fuori dal suo record personale, prima di svanire al 12 ° posto nella sua semifinale.

Aveva in programma di competere in qualche altra gara dopo essere tornata a casa, ha detto, ma si sentiva esausta. Doveva ricordare a se stessa che non aveva nulla da dimostrare.

“Ho preso la decisione migliore per me stessa”, ha detto.

Prima di staccare ufficialmente la spina dalla sua stagione, però, ha fatto un viaggio a Cape Cod per correre nella Falmouth Road Race con Molly Seidel, che aveva vinto la medaglia di bronzo nella maratona femminile alle Olimpiadi, e Dana Giordano, una amico intimo e compagno di corsa professionista. Seidel era entrata nella corsa per beneficenza: sarebbe partita in fondo al campo e raccogliere $ 1 per ogni corridore che ha superato.

Seidel aveva assicurato a MacLean che avrebbe fatto jogging per il percorso di sette miglia, quindi MacLean si è preso la libertà di incontrarsi con gli amici la notte prima della gara. Non si sentiva particolarmente vivace sulla linea di partenza.

“Sto correndo con tre ore di sonno o altro, e poi hanno appena iniziato a correre”, ha detto MacLean. “E io sono tipo, ‘Perché andiamo così veloci?’ Ma è stato così divertente”.

Seidel e il suo equipaggio hanno finito per superare quasi 5.000 corridori. Per MacLean, Falmouth è stato un modo appropriato per chiudere un anno straordinario. Non riusciva a immaginare di salire a bordo di un altro aereo. Aveva anche alcune ferite fastidiose che doveva affrontare.

“Non mi sentivo fluida da un po’”, ha detto. “Quindi volevo solo essere in grado di uscire a correre e farmi sentire bene il corpo e mentalmente, e ci è voluto un po’ di tempo perché ciò accadesse”.

Durante la sua pausa autoimposta, MacLean si trasferì in un nuovo appartamento nell’area di Boston. Ha festeggiato il suo compleanno. Faceva lunghe passeggiate e ascoltava podcast. È andata a pattinare a rotelle. Si è unita alla mania di Peloton. È diventata una regolare a Il Club della colazione, il suo ristorante preferito. (Adora la colazione.) Ha preparato il caffè per suo fratello Shawn. Ed è stata l’ospite d’onore di “Heather MacLean Day”, quando il sindaco di Peabody le ha presentato una chiave della città.

All’inizio di dicembre, stava tornando indietro con alcune corse lente. Ha trascorso le ultime settimane ad allenarsi con i suoi compagni di squadra in quota in Arizona.

“Sta davvero bene”, ha detto Coogan.

MacLean ha imparato a dare la priorità alla sua salute mentale, ha detto, il che l’ha solo aiutata come atleta. Legge libri sulla consapevolezza. Lei pratica yoga. Fa una meditazione guidata prima di andare a letto. Ha lavorato per staccarsi dal telefono e limitare il suo tempo social media. I suoi amici sono consapevoli delle sue varie routine.

“Penso che la gente pensi che io sia seduta a letto con tutti questi cristalli intorno a me”, ha detto. “Il che, ok, ho dei cristalli. Ma non è così!”

Ora, prima del suo primo incontro in pista dopo mesi, si sente di nuovo se stessa, ha detto. È pronta per correre.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.