Dentro FIFA Legends, Questioni di potere e di processo


Fu alla fine di quell’incontro, disse la donna, mentre lei e Macedo uscivano da una sala conferenze, che Macedo le prese le natiche con una mano e poi si chinò e sussurrò un’osservazione provocatoria sul suo corpo.

“Per me”, ha detto la donna, “quello è stato uno dei giorni peggiori”.

Non c’erano testimoni dell’incidente, ma un ex collega della donna contattato dal Times ha detto di esserne stato informato in quel momento. La FIFA non ha risposto alle domande sull’incidente.

Le molestie verbali, tuttavia, sono continuate per mesi, ha detto la donna, prima di raggiungere il picco ai Mondiali femminili del 2019 in Francia. A quel punto, ha detto, i commenti ei messaggi di Macedo erano diventati sempre più insistenti. In un sms, inviato dopo la mezzanotte, Macedo l’ha chiamata nella sua stanza d’albergo. In un altro, ha suggerito di uscire per una notte “segreta” di bevute e balli a Parigi.

Ma alcuni dei messaggi di Macedo, ha detto la donna, contenevano anche un linguaggio inquietante. In uno visto da The Times, Macedo ha detto che desiderava “addomesticare” il suo subordinato. In un altro, le disse che “mi devi obbedienza”.

Per tutto il tempo, Macedo ha offerto la prospettiva di poterle offrire opportunità di promozione o persino un lavoro a tempo indeterminato alla FIFA.

Quando il torneo finì e dopo aver parlato con sua madre, la donna decise di agire. Alla fine di luglio, meno di un mese dopo che la squadra femminile degli Stati Uniti aveva alzato il trofeo della Coppa del Mondo a Lione tra canti di “Paga retribuzione!”, si è avvicinata al capo del calcio femminile della FIFA, Sarai Bareman, e l’ha informata della situazione. La donna ha chiesto se Bareman l’avrebbe accompagnata per sporgere denuncia a Kimberly Morris, un avvocato canadese che fungeva da capo delle risorse umane della FIFA.

L’incontro è stato una delusione, ha detto la donna. Morris, secondo il suo racconto, sembrava più preoccupata per il comportamento del dipendente e a un certo punto le suggerì di considerare di passare a un altro lavoro. “Ho impiegato così tanto tempo per farmi avanti e spiegare il mio caso, e mi sembrava di essere stata messa da parte”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.