Amazon ha sciolto l’esercito di Twitter che ha pagato per twittare quanto sia eccezionale Amazon

Amazon ha chiuso una controversa campagna di influenza in cui ha pagato i lavoratori per twittare quanto amano lavorare in Amazon, rapporti Il Financial Times. I dipendenti dei magazzini del rivenditore (che chiama centri logistici) sono stati pagati per condividere impressioni positive sull’azienda e per negare carenze sul posto di lavoro ampiamente segnalate, come i dipendenti costretti a urinare in bottiglia per raggiungere gli obiettivi di prestazione.

Secondo documenti interni condivisi da L’intercettazione nel 2021, lo schema è stato lanciato nel 2018 in risposta alle ondate di critiche sugli standard di sicurezza e sulle condizioni di lavoro di Amazon. I lavoratori sono stati selezionati per il loro “grande senso dell’umorismo” e gli è stato detto di rispondere “in modo educato, ma schietto” ai critici dell’azienda, inclusi politici e politici.

In uno tipico tweet, un dipendente risponde a una critica dicendo: “Lavoro in Amazon eseguendo ordini da 2 anni ormai. Credi che se non fossi stato pagato abbastanza sarei ancora qui? Pacchetto completo (e generoso) di vantaggi. OH! E mi piacciono le persone con cui lavoro! Sì – Sto andando bene come partner! [cowboy emoji]”

I dipendenti erano riconoscibili su Twitter grazie al soprannome di “Amazon FC Ambassador” aggiunto alla fine dei loro nomi. Ma l’esatta identità o numero degli “ambasciatori” non è mai stato chiaro. UN Bellingcat indagine ha trovato almeno 53 account attivi su Twitter, ma ha notato che gli utenti tendevano a distribuire un linguaggio simile, twittare le stesse immagini e persino scambiare la proprietà degli account, creando una sfocatura di identità sovrapposte.

Per molti, questa configurazione sembrava troppo artificiale per essere presa sul serio e i resoconti divennero rapidamente oggetto di critiche e scherno. Ciò non è stato aiutato dal fatto che chiunque potesse definirsi un “Ambasciatore dell’Amazon FC” su Twitter e presto sono apparse numerose parodie. Come ha detto l’operatore di un popolare account parodia Il confine: “Era così strano per me che Amazon stesse costringendo i propri dipendenti a stare all’erta e ad essere adulatori per le persone che li assumevano. Inoltre, la loro strategia era così caotica che non era nemmeno efficace”.

Questa reazione sembra essere arrivata ai vertici di Amazon. Come per il FT‘s rapporto, “dirigenti di Amazon senior […] non erano contenti della scarsa portata del programma”, e di conseguenza la società “ha chiuso e rimosso tutte le tracce della campagna di influenza alla fine dello scorso anno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.