Migliaia di utenti TracFone hanno visto i loro numeri trasferiti su altri operatori senza il loro consenso

I clienti di TracFone di proprietà di Verizon hanno visto il loro numero trasferito a diversi vettori senza il loro consenso nelle ultime settimane, come parte di ciò che la società ha definito il lavoro di aggressori esterni, secondo un avviso sul suo sito web (tramite il giornale di Wall Street). Anche i suoi marchi Straight Talk e Total Wireless sono stati interessati.

“Di recente siamo stati informati di malintenzionati che hanno ottenuto l’accesso a un numero limitato di account dei clienti e, in alcuni casi, hanno trasferito o trasferito in modo fraudolento i numeri di telefono cellulare ad altri operatori”, ha affermato TracFone nell’avviso. La società non ha risposto a numerose richieste di commento da parte di Il confine, ma il WSJ ha riferito che circa 6.000 clienti sono stati colpiti. Alcuni hanno visto che le loro linee erano state trasferite a Metro PCS, che è di proprietà di T-Mobile.

Lo ha detto il portavoce di T-Mobile Tara Darrow in una e-mail a Il confine che la società aveva indagato sulla questione, “e non vi è alcuna frode o violazione dei dati di alcun tipo sul lato T-Mobile di questi port-out. Ancora più importante, non possediamo né ospitiamo mai il numero di conto o i dati PIN richiesti da TracFone per convalidare un conto ed è necessario per effettuare un trasferimento da un cliente TracFone, quindi questo non può accadere dal nostro lato dell’esercizio di trasferimento. Ha aggiunto che la società stava lavorando con TracFone sulla questione.

Steven Simms di Atlanta è un cliente Total Wireless da circa tre anni. Ha scelto il piano per risparmiare un po’ di soldi e dice che lui e sua moglie erano clienti felici per la maggior parte del tempo.

Ma il 31 dicembre, dice che il suo numero di telefono è stato trasferito su un altro vettore, Metro PCS, senza il suo permesso. “Questo ha disattivato il mio numero di telefono, quindi non posso ricevere o effettuare chiamate”, ha detto Simms in un’e-mail a Il confine all’inizio di questo mese. Ha detto che, essendo un piccolo imprenditore, stava perdendo soldi perché i clienti non potevano raggiungerlo e la società non sembrava avere alcun rimedio per lui.

Simms era tra le dozzine di persone che lo raccontavano Il confine i loro numeri sono stati trasferiti inaspettatamente su Metro PCS a partire da dicembre. Ha detto che il servizio clienti di Total Wireless non è stato di aiuto e gli ha detto di aver richiesto a MetroPCS di restituire il suo numero, cosa che MetroPCS gli ha detto non era accurato.

Simms ha detto che il suo numero è stato finalmente restituito dopo 12 giorni e ha intenzione di cambiare fornitore ma non lo ha fatto fino a mercoledì.

Lo scorso settembre, la Federal Communications Commission (FCC) ha dichiarato che stava cercando di rafforzare le regole per ridurre le truffe sui telefoni cellulari, tra cui frode di port-out. Questo accade quando un truffatore si atteggia a proprietario di un numero di telefono, apre un account con un operatore di telefonia mobile diverso da quello della vittima e fa trasferire il numero di telefono della vittima – o “trasferirlo” – al nuovo account con l’operatore diverso.

Non è stato immediatamente chiaro mercoledì chi potrebbe essere stato dietro l’attacco a TracFone, ma la società ha affermato nell’avviso del sito Web di aver cercato di avvisare i clienti, “ma data la natura di questa attività, i messaggi ai numeri di cellulare interessati potrebbero non essere più essere accessibile da alcuni clienti. TracFone ha esortato i clienti a cambiare i loro numeri PIN e ha affermato di aver apportato “miglioramenti” per migliorare la sicurezza.

Sean Hollister ha contribuito al reporting

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.