Sai come arrivare al futuro della guida autonoma?

MC: Provo un’ansia di basso grado. Di solito sono in sella alla mia bici, quindi do loro un posto molto ampio, non mi fido ancora esattamente di loro.

LG: Mm-hmm. A volte vedo persone che mandano messaggi di testo o Snapchat mentre guidano, e io sono tipo, sì, portiamo solo i veicoli autonomi. Ma sono anche curioso, tipo quanto presto sarà realtà.

MC: Oh, almeno un decennio. Alla gente piace guidare la propria macchina, ci vorrà del tempo.

LG: Bene, potremmo avere un po’ più di chiarezza su questo dai nostri ospiti sul podcast di oggi.

[Gadget Lab intro theme music plays]

LG: Ciao a tutti. Benvenuto a Laboratorio di gadget. Sono Lauren Goode, sono una scrittrice senior alla WIRED.

MC: E io sono Michael Calore, sono un redattore senior di WIRED.

LG: E oggi siamo raggiunti anche dallo scrittore dello staff di WIRED Aarian Marshall. Ehi, Ariano.

Ariano Marshall: Ciao.

LG: È passato un po’ di tempo ed è fantastico riaverti su.

SONO: È così bello essere qui.

LG: Quindi, oggi parliamo di auto a guida autonoma o veicoli autonomi. Ora, Aarian, copri per noi tutti gli elementi del trasporto qui a WIRED. E di recente durante il CES, il grande festival annuale dell’elettronica di consumo, hai parlato con Jody Kelman, il capo della divisione di guida autonoma di Lyft, e hai anche parlato con Aubrey Donnellan, cofondatore e direttore operativo di Bear Flag Robotics. Molte persone probabilmente hanno sentito parlare di Lyft, forse non tanto Bear Flag, ma quello che dovresti sapere su Bear Flag Robotics è che ora sono di proprietà di John Deere.

Quindi, entrambi hanno dipinto immagini piuttosto rosee di come i veicoli autonomi potrebbero cambiare tutto, dalle città alle operazioni agricole, ma in realtà l’implementazione di questa tecnologia è complicata, come abbiamo riportato su WIRED. Hanno anche parlato un po’ di come inizialmente immaginavano alcuni casi d’uso per la loro tecnologia AV, e alla fine è stato implementato in modi diversi, il che penso sia qualcosa con cui siamo alle prese in modo più ampio nella tecnologia. Aarian, prima di passare all’intervista stessa, raccontaci un po’ come queste due aziende si stanno avvicinando al trasporto autonomo e ai diversi mercati che servono.

SONO: Sì. Quindi le aziende sono piuttosto diverse e servono mercati piuttosto diversi. Lyft è un caso interessante perché in realtà avevano il loro team di ingegneri a Palo Alto che lavorava sulla tecnologia di guida autonoma, e poi l’anno scorso hanno venduto quella parte dell’attività alla Toyota. Quindi ora tutto ciò che fanno in termini di veicoli autonomi è collaborare con altre società che stanno costruendo la tecnologia, per implementarla alla fine nella loro rete di ride-hailing. Quindi, gente come Jody laggiù ha a che fare con un tipo di domande sul prodotto su chi utilizzerà i veicoli autonomi? Come vorranno usarli? Ci saranno alcuni simpatie e antipatie? Una specie di domande di marketing sugli AV.

E poi le persone della Bear Flag Robotics hanno a che fare con persone molto diverse, hanno a che fare con agricoltori, hanno a che fare con lavoratori agricoli. E in quei tipi di contesti e in molti contesti industriali, manifatturieri, cose che hanno a che fare con le fabbriche, gli AV sono in realtà già in giro per svolgere piccoli compiti, compiti che sono di routine, che non richiedono il tipo di pensiero complesso che guidare un’auto lo fa. Quindi, John Deere, in realtà al CES ha presentato un nuovo trattore che ha molte più capacità autonome e può fare molto sui campi in questo momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.