Il tennis sta entrando in una nuova età dell’oro? Possiamo solo sperare.


C’era qualcosa per tutti. La grazia del lino di Roger Federer. Il potere punitivo di Rafael Nadal. Novak Djokovic e la sua determinazione. Il modo in cui Serena Williams ha smantellato la tradizione stanca.

Per due decenni, il tennis professionistico è stato immerso nel bagliore dorato fornito da un’inalterabile gerarchia di giocatori con stili e personalità distintivi che si sono combinati per definire il gioco nel 21° secolo.

Ma il tempo, e il coronavirus, cambiano tutto.

Per il secondo grande campionato consecutivo, mentre gli Australian Open si giocano nel caldo torrido di Melbourne, Federer e Williams si ritrovano a casa, a guarire dagli infortuni all’età di 40 anni. Potremmo non vederli mai più giocare a tennis nella massima serie.

Se n’è andato anche Djokovic, ovviamente.

Non è chiaro quando il numero 1 del mondo tornerà a giocare in campionato e come il disprezzo dei fan influenzerà un giocatore che ha trascorso la sua carriera desiderando adorazione. A seconda di come si evolverà la pandemia, il Refitnik del vaccino più famoso del tennis potrebbe finire per impedirgli di viaggiare nei paesi che ospitano i più grandi tornei dell’anno, mettendo in pericolo la sua ricerca per superare i 20 disordine del Grande Slam in cui si trova con Federer e Nadal.

Del quartetto d’oro, solo Nadal si è recato a Melbourne. Un consumato 35enne, sta uscendo da un infortunio al piede che lo ha tenuto fuori dal mix per la maggior parte dello scorso anno.

Sembrava acuto durante la prima strofa dell’australiano, forse abbastanza bravo da evocare di nuovo la grandezza e alzare il trofeo del campionato per la seconda volta. Anche se lo fa, per quanto tempo il Nadal che abbiamo conosciuto può essere il Nadal che veneriamo?

Su cosa si può più contare nel tennis?

Niente.

I giorni in cui il gioco poteva fare affidamento sul potere strepitoso del suo quartetto di rockstar per attirare i fan e aggiungere eccitazione – i giorni in cui li usava come serrature per fare almeno le semifinali di ogni titolo importante – quei giorni sono finiti.

Ricordi quando Naomi Osaka avrebbe dovuto essere la prossima grande cosa? In questo momento, la sua ultima vittoria importante per il titolo, l’Australian Open lo scorso inverno, sembra in questo periodo distorto come se fosse accaduto un decennio anziché un anno fa.

Ha lasciato l’Open di Francia dell’anno scorso, sfruttando l’occasione per parlare dell’ansia e della depressione che le gravano pesantemente sulle spalle. Ha saltato Wimbledon, avendo bisogno di tempo lontano dalla routine e dall’abbagliamento. Ha perso presto agli US Open e alle Olimpiadi di Tokyo. La scorsa settimana, il tentativo di Osaka di ripetere a Melbourne si è concluso per mano del 60esimo giocatore al mondo.

Ricordi Emma Raducanu e Leylah Fernandez, le adolescenti emergenti che hanno elettrizzato gli US Open della scorsa estate arrivando alle finali femminili? Nessuno dei due ha fatto molto da allora. Fernandez ha perso al primo turno la scorsa settimana. Raducanu è stato espulso nel secondo.

Forse c’è un lato positivo nella ritrovata incertezza del gioco. Senza l’ombra proiettata dalle stelle più grandi, è più facile ottenere entusiasmo per un cast più ampio.

Durante la settimana iniziale al Melbourne Park, ciò significava meravigliarsi di Amanda Anisimova, 20 anni, mentre strappava i vincitori di rovescio alle spalle di Osaka con una vittoria sconvolta. O guardare Carlos Alcaraz, 18 anni, correre, scivolare e allungarsi per mantenere vivo un punto prima di staccare improvvisamente e colpire un vincitore a tutto gas.

L’incertezza ha dato più lucentezza al giovane italiano Jannik Sinner, per quanto straordinariamente dotato come un nuovo arrivato, mentre si faceva strada attraverso il sorteggio.

Si è concentrato maggiormente su Ashleigh Barty, il campione di Wimbledon dell’anno scorso, detentore del gioco più fluido da questa parte di Federer.

Daniil Medvedev, che ha infranto i sogni del Grande Slam di Djokovic battendo il serbo per vincere gli US Open 2021, riuscirà a strappare la classifica numero 1 al mondo? Cosa succede se diventa uno dei portabandiera coerenti del gioco?

A Melbourne la scorsa settimana, Medvedev ha mostrato il suo gioco bizzarro e quasi insondabile. Molti dei suoi colpi sembrano autodidatti e affinati in un parco pubblico scosceso giocando con i duffer: il tiro al volo riflesso con una mano sulla gola della racchetta, il dritto goffo che a volte finisce con le gambe divaricate e un seguito strangolante .

Come Medvedev ha spesso fatto a Flushing Meadows, ha dimostrato di poter essere un campione coinvolgente: spiritoso, aperto e più che disposto a interpretare il cattivo con una strizzatina d’occhio.

Quest’anno, il tipico pubblico turbolento degli Australian Open ha utilizzato il famoso “Siuuu!” di Cristiano Ronaldo grido di celebrazione durante le partite. Ciò ha fatto arrabbiare diversi giocatori, incluso Medvedev, che pensava che i canti fossero fischi durante la sua vittoria su Nick Kyrgios. Come ci si potrebbe aspettare, basandosi sui suoi passati imbrogli agli US Open, Medvedev ha sollevato hackles dalla folla quando li ha rimproverati per il canto in un colloquio in tribunale.

In seguito ha spiegato con la sua consueta disponibilità a suscitare ira: “Non sono tutti a farlo. Ma quelli che lo stanno facendo probabilmente hanno un QI basso”

Immagina che Federer dica una cosa del genere sui fan. Impossibile. Ma forse è un cambiamento positivo ed energizzante.

È difficile lasciare andare una generazione.

È arrivata una nuova era. Tutto quello che possiamo fare è abbracciarlo, aspettare pazientemente e sperare per il meglio.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.