Gli Stati Uniti rifiutano le richieste di sanzionare immediatamente la Russia sull’Ucraina | Notizia


Tra i timori di un’invasione russa, il segretario di Stato americano Antony Blinken afferma che imporre sanzioni ora eliminerebbe il loro effetto deterrente.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha respinto gli appelli a imporre immediatamente sanzioni economiche alla Russia, affermando che ciò comprometterebbe la capacità dell’Occidente di scoraggiare la potenziale aggressione russa contro l’Ucraina.

L’ammassamento di truppe della Russia vicino al confine con l’Ucraina ha alimentato la crescente preoccupazione nei paesi occidentali di pianificare un’invasione. Se la Russia fa un’incursione, l’Occidente ha minacciato sanzioni con profondi effetti economici. Mosca ha detto che non ha intenzione di invadere.

“Quando si tratta di sanzioni, lo scopo di tali sanzioni è scoraggiare l’aggressione russa. E quindi se vengono attivati ​​ora, perdi l’effetto deterrente”, ha detto Blinken alla CNN in un’intervista domenica.

Blinken ha affermato che se “una singola forza russa aggiuntiva entra in Ucraina in modo aggressivo”, ciò innescherà una risposta significativa.

Più tardi domenica, il Dipartimento di Stato ha ordinato la partenza dei membri del personale familiari idonei dalla sua ambasciata in Ucraina e ha affermato che tutti i cittadini dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di andarsene “a causa della continua minaccia di un’azione militare russa”.

Il segretario di Stato americano Antony BlinkenIl segretario di Stato americano Antony Blinken [File: Alex Brandon/Pool/Reuters]

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha dichiarato al Washington Post la scorsa settimana di sostenere l’imposizione di sanzioni ora, un’opinione sostenuta dai legislatori repubblicani domenica.

“Dobbiamo agire ora. Quando si tratta di respingere la Russia, dobbiamo mostrare forza e non essere in una posizione di… pacificazione”, ha detto ad ABC News il senatore repubblicano Joni Ernst, membro della commissione per i servizi armati del Senato.

Il senatore democratico Chris Coons, un alleato del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ha sostenuto l’approvazione della legislazione bipartisan statunitense per “mostrare determinazione e determinazione e applicare alcune sanzioni ora”, ma ha affermato che era meglio mantenere le sanzioni più forti in riserva.

“Le sanzioni più forti, il tipo di sanzioni che usiamo per portare l’Iran sul tavolo, è qualcosa che dovremmo tenere come deterrente”, ha detto a ABC News.

Alla domanda se le mani degli Stati Uniti fossero legate sull’Ucraina a causa della necessità del sostegno russo nei colloqui per frenare il programma nucleare iraniano, Blinken ha detto a CBS News: “Per niente”.

Sabato, l’ambasciata americana ha affermato che è arrivata a Kiev la prima spedizione del pacchetto di supporto alla sicurezza da 200 milioni di dollari degli Stati Uniti per l’Ucraina.

La Russia respinge le accuse del Regno Unito

Il ministero degli Esteri russo domenica ha respinto l’affermazione britannica secondo cui il Cremlino sta cercando di sostituire il governo ucraino con un’amministrazione filo-Mosca sotto l’ex legislatore ucraino Yevheniy Murayev.

Murayevm, che è il leader di un piccolo partito che non ha seggi in parlamento, ha negato l’affermazione.

“Questa mattina ho già letto su tutte le testate giornalistiche questa teoria del complotto: assolutamente non provata, assolutamente infondata”, ha detto Murayev in videochiamata.

Ha negato di avere qualsiasi contatto con ufficiali dell’intelligence russa e ha respinto l’idea di poter essere in combutta con il Cremlino definendola “stupida”, dato che nel 2018 è stato sottoposto a sanzioni russe.

Membri delle forze di difesa territoriale ucraine, unità militari volontarie delle forze armate, si addestrano in un parco cittadino a KievMembri delle forze di difesa territoriale dell’Ucraina, unità militari volontarie delle forze armate, si addestrano in un parco cittadino a Kiev, Ucraina [Efrem Lukatsky/AP Photo]

Sabato il ministero degli Esteri britannico ha anche nominato molti altri politici ucraini che secondo loro avevano legami con i servizi di intelligence russi.

Dorsa Jabbari di Al Jazeera, riportando da Mosca, ha affermato che le affermazioni del Regno Unito erano “mirate a cercare di provocare tensioni e aggravare la situazione con Kiev”.

“Il Cremlino ha affermato che queste accuse sono assolutamente false e che il loro obiettivo principale nel diffondere questa disinformazione, come la chiamano, è mostrare ancora una volta che questi paesi della NATO sono guidati da ‘anglosassoni’, che stanno cercando di incitare ulteriormente tensioni e aumentare le controversie tra questo paese e l’Ucraina”, ha aggiunto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.