Gli alleati della NATO mettono le forze in attesa mentre aumentano le tensioni sulla crisi in Ucraina



“La NATO continuerà ad adottare tutte le misure necessarie per proteggere e difendere tutti gli alleati, anche rafforzando la parte orientale dell’Alleanza”, ha dichiarato il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg detto in una dichiarazione Lunedì, accogliendo con favore i contributi extra degli alleati all’alleanza militare.

“Risponderemo sempre a qualsiasi deterioramento del nostro ambiente di sicurezza, anche rafforzando la nostra difesa collettiva”, ha aggiunto.

Il ministro degli Esteri lettone Edgars Rinkēvič ha invitato la NATO ad affrontare il “continuo” potenziamento militare russo e bielorusso ai confini dell’Ucraina, con contromisure “appropriate”.

Rinkēvičs ha twittato Lunedì: “Stiamo raggiungendo il punto in cui il continuo potenziamento militare russo e bielorusso in Europa deve essere affrontato con adeguate contromisure NATO”.

“E’ tempo di aumentare la presenza delle forze alleate sul fianco orientale dell’Alleanza sia come misure di difesa che come deterrenza”, ha aggiunto il ministro.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden discusse le opzioni per rafforzare i livelli delle truppe statunitensi nei Paesi baltici e nell’Europa orientale con i suoi alti ufficiali militari durante un briefing a Camp David sabato, secondo un alto funzionario.
Domenica, il Dipartimento di Stato americano ha annunciato che lo avrebbe fatto ridurre i livelli del personale presso l’ambasciata degli Stati Uniti a Kiev, Ucraina, per “abbondanza di cautela”, a cominciare dalla partenza del personale non essenziale e dei familiari.

Parlando ai giornalisti mentre si recava al Consiglio Affari esteri dell’UE a Bruxelles lunedì, il capo della diplomazia del blocco Josep Borrell ha affermato che non è stata presa alcuna decisione sull’ordinare al personale diplomatico dell’Unione europea e alle loro famiglie di lasciare l’Ucraina.

“Non faremo la stessa cosa, perché non conosciamo ragioni specifiche”, ha detto Borrell.

Il Ministero degli Esteri del Regno Unito ha anche annunciato lunedì che alcuni membri del personale e dei dipendenti dell’ambasciata britannica verranno ritirati da Kiev in risposta alle crescenti minacce provenienti dalla Russia.

I rappresentanti dei quattro paesi coinvolti nei colloqui sul “Formato Normandia” – Francia, Germania, Russia e Ucraina – si incontreranno mercoledì per discutere della situazione in Ucraina, ha confermato un portavoce dell’Eliseo alla CNN.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.