In Pictures: Ucraina al limite tra i timori di un’invasione russa | Notizie dalla Galleria


La Russia ha schierato decine di migliaia di truppe vicino al confine con l’Ucraina, innescando la peggiore crisi di sicurezza tra Mosca e l’Occidente dalla Guerra Fredda.

L’Occidente, guidato dagli Stati Uniti, ha appoggiato l’Ucraina, che ha perso il controllo della sua penisola di Crimea quando la Russia l’ha annessa nel 2014.

Il Cremlino ha giustificato la sua forzatura militare come un tentativo di contrastare decenni di espansione della NATO nella regione. La Russia ha chiesto garanzie legalmente vincolanti che l’alleanza NATO non abbracci l’Ucraina e altre nazioni ex sovietiche, né collochi armi lì. Vuole anche che la NATO ritiri le sue forze dai paesi dell’Europa centrale e orientale che hanno aderito all’alleanza dagli anni ’90.

La Russia è stata anche accusata di sostenere i separatisti armati nell’Ucraina orientale. Il conflitto ha provocato la morte di oltre 13.000 persone in quasi otto anni di combattimenti. Un accordo di pace del 2015 mediato da Francia e Germania ha contribuito a porre fine a battaglie su larga scala, ma un accordo politico si è bloccato e frequenti scaramucce sono continuate lungo la tesa linea di contatto.

All’inizio del 2021, un picco di violazioni del cessate il fuoco a est e una concentrazione di truppe russe vicino all’Ucraina hanno acceso i timori di invasione, ma le tensioni sono diminuite quando Mosca ha ritirato la maggior parte delle sue forze dopo le manovre di aprile.

Il rafforzamento militare vicino all’Ucraina è ripreso alla fine del 2021, con funzionari ucraini e occidentali che hanno avvertito che l’aumento della concentrazione di truppe potrebbe annunciare un attacco russo su più fronti.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.