Il ragazzo siriano senza arti in una foto iconica inizia una nuova vita in Italia | Notizie di guerra in Siria


Mustafa El Nezzel, sei anni, riceverà cure dopo che una foto premiata ha stimolato una campagna di raccolta fondi.

La pluripremiata foto di Munzir El Nezzel che solleva giocosamente Mustafa, suo figlio nato senza arti, ha dato alla famiglia una possibilità per una nuova vita dopo essere diventata un toccante simbolo della difficile situazione della Siria dilaniata dalla guerra.

La foto scioccante ma tenera scattata dal fotografo turco Mehmet Aslan, intitolata Hardship of Life, ha catturato un intimo momento di affetto tra un padre e un figlio i cui corpi sono stati mutilati dal brutale conflitto.

Mustafa, sei anni, è nato con un disturbo congenito causato da farmaci che sua madre aveva assunto durante la gravidanza dopo essere stata ammalata dal gas nervino. A suo padre di 35 anni è stata amputata una gamba a seguito di un attentato dinamitardo in Siria.

Dopo essere stata dichiarata foto dell’anno ai Siena International Photo Awards (SIPA) l’anno scorso e aver fatto notizia in Italia, ha dato il via agli sforzi di crowdfunding che hanno raccolto circa 100.000 euro ($ 114.000) per fornire a padre e figlio degli arti protesici.

Gli organizzatori del festival fotografico hanno poi chiesto alla diocesi cattolica di assumere l’incarico di disbrigo delle pratiche burocratiche, di fornire sostegno finanziario e di richiedere un visto per motivi umanitari nel rispetto dei requisiti di sponsorizzazione dell’Italia.

Mustafa è atterrato venerdì all’aeroporto di Fiumicino di Roma, accompagnato dal padre, dalla madre e dalle due sorelle, di uno e quattro anni. La famiglia si trasferirà a Siena, una città nella regione Toscana dell’Italia centrale, caratterizzata dai suoi edifici medievali in mattoni e sede del festival di fotografia.

Munzir al-Nazzal, che ha perso una gamba nel conflitto siriano, tiene in braccio il figlio Mustafa di 5 anni, al loro arrivo all'aeroporto Leonardo Da Vinci di FiumicinoMunzir El Nezzel tiene il figlio Mustafa al loro arrivo a Roma [Alessandra Tarantino/AP]

In un videomessaggio registrato prima del decollo da Ankara per volare in Italia, Mustafa ha espresso la sua gratitudine. “Stiamo arrivando, grazie”, ha detto. “Noi amiamo l’Italia”.

In un’intervista al quotidiano italiano La Repubblica prima della partenza della famiglia da Reyhanli, lungo il confine turco con la Siria, El Nezzel si è detto grato per la possibilità di mandare i suoi figli a scuola.

Ma ha detto che il suo più grande desiderio era quello di poter un giorno vedere suo figlio in piedi su gambe artificiali.

“Spero di ricevere il suo abbraccio, anche se è un abbraccio con protesi”, ha detto El Nezzel. “Questo è ciò che conta di più per me.”

Gli esperti di protesi del Centro Protesi Inail di Vigorso di Budrio, nel nord Italia, progetteranno arti artificiali per aiutare Mustafa a guadagnare mobilità, secondo Il New York Times.

Mustafa attualmente non è in grado di camminare in modo indipendente e avrà bisogno di cure a lungo termine per essere autosufficiente. Gli specialisti citati dal quotidiano americano hanno affermato che, sebbene curare il bambino sarebbe stato impegnativo, il padre potrebbe recuperare gran parte della sua mobilità in poche settimane.

La diocesi di Siena si occuperà dell’accoglienza della famiglia. “Stiamo aspettando Mustafa e la sua famiglia”, ha detto il cardinale Paolo Lojudice ai media locali.

Luca Venturi, il fondatore del premio per la fotografia che ha lanciato la campagna di crowdfunding, attendeva la famiglia all’aeroporto di Roma.

“Quando abbiamo avuto la conferma del loro arrivo abbiamo urlato di gioia”, ha raccontato a La Repubblica. “Non avremmo mai pensato di poter vedere questo giorno.”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.