Dovresti prendere un Mac con i nuovi chip Apple o restare con Intel?

Alla fine del 2020, Apple ha iniziato a lanciare laptop e desktop costruiti con i processori basati su ARM dell’azienda, simili a quelli che già utilizza nei suoi telefoni e tablet. È un cambiamento sismico in fase di implementazione poiché Apple vende ancora Mac basati su Intel. Se stai cercando di aggiornare il tuo computer, hai una scelta importante da fare: dovresti prendere un Mac con i nuovi processori o restare con Intel per ora?

Aggiornato a gennaio 2022: abbiamo aggiornato questa guida con i dettagli delle nostre recensioni e della nostra esperienza dopo oltre un anno di transizione.

Perché i processori personalizzati di Apple sono importanti

I fan di lunga data di Apple ricorderanno che Apple ha effettuato una transizione simile dai suoi processori PowerPC ai chip Intel nel 2005. Tra i vantaggi dell’epoca, l’utilizzo della stessa architettura del processore utilizzata da PC comparabili significava che era più facile per gli sviluppatori portare le popolari app Windows su il Mac (o almeno emulare quelli che non hanno ricevuto porte dirette), inaugurando una fiorente era di compatibilità e sviluppo per gli utenti Mac.

Oggi i Mac sono molto più diffusi e non è difficile convincere i grandi sviluppatori a creare app per le piattaforme Apple (alcuni si batteranno persino in tribunale per il privilegio). Ma gli altri dispositivi Apple, inclusi iPhone, iPad e Apple Watch, utilizzano i processori personalizzati di Apple. In quanto tali, vivono nel loro mondo separato. Gli sviluppatori che creano app sia per Mac che per iPhone dovrebbero fare del lavoro extra per rendere le loro app disponibili su entrambe le piattaforme. Con il passaggio ai processori Apple, sarà possibile scrivere un’app una volta ed eseguirla sulla maggior parte dei dispositivi Apple con modifiche minime.

E questo per non parlare dei miglioramenti della velocità e della durata della batteria. Prima dell’uscita del processore Apple M1, c’era una certa incertezza sul fatto che Apple potesse offrire velocità migliori rispetto ai processori Intel che si stava lasciando alle spalle, ma in tutte le nostre recensioni da allora, inclusi Macbook Air, iPad Pro e Macbook Pro, noi ‘ sono stati spazzati via dai processori della piattaforma M1, in particolare con i recenti M1 Pro e M1 Max.

Molte delle principali app sono state aggiornate per funzionare sui nuovi processori abbastanza rapidamente e la maggior parte di quelle che non lo erano possono ancora essere utilizzate tramite Rosetta Stone 2, anche se occasionalmente si verifica un calo delle prestazioni. Nel complesso, Apple ha in gran parte (finora) mantenuto la promessa di prestazioni migliori, semplificando al contempo il processo di sviluppo di tutti i prodotti Apple.

L’unico inconveniente che abbiamo visto è il fatto che i MacBook che utilizzano il processore M1 possono trasmettere solo su un singolo display esterno, questo non era il caso dei Mac con processore Intel. Se in questo momento hai una configurazione a doppio monitor, non funzionerà per te. Detto questo, i MacBook più costosi da 14 e 16 pollici con i chip M1 Pro e M1 Max hanno risolto questo problema e possono supportare fino a quattro schermi esterni.

Il mio Mac Intel sarà presto obsoleto?

Se hai bisogno di acquistare un Mac in questo momento e gli unici che soddisfano le tue esigenze sono basati su Intel, potresti ragionevolmente chiederti se presto non sarà aggiornato. Non è probabile che sia così. (Almeno, non più di ogni il computer non è aggiornato nel momento in cui lo acquisti.) Apple afferma che supporterà i Mac Intel per anni e, secondo quanto riferito, ce ne sono ancora alcuni Mac basati su Intel che non sono stati ancora rilasciati.

Se tu acquista AppleCare+ con il tuo Mac, quindi ti vengono promessi almeno tre anni di assistenza dal momento in cui lo acquisti, il che significa che anche se acquisti uno dei Mac basati su Intel attualmente offerti da Apple, non rimarrai bloccato senza supporto per un po’ . Tuttavia, ciò si applica solo ai danni di riparazione accidentale e al supporto tecnico prioritario. Puoi continuare a utilizzare il tuo Mac molto tempo dopo, spesso con problemi minimi. Inoltre, Apple fornisce assistenza e parti per i Mac fino a cinque anni dopo che hanno smesso di essere venduti. In altre parole, anche se acquistassi oggi un nuovo Mac basato su Intel, probabilmente riceverà comunque aggiornamenti del sistema operativo, si qualificherà per il servizio e avrà pezzi di ricambio disponibili nel 2027.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.