Thich Nhat Hanh, influente monaco buddista, muore a 95 | Notizie di necrologi


Poeta e attivista per la pace, Thich Nhat Hanh fu esiliato per quasi 40 anni e divenne una delle persone più influenti del buddismo.

Uno dei monaci buddisti più influenti del mondo, Thich Nhat Hanh, è morto in Vietnam all’età di 95 anni, ha affermato in una nota la sua organizzazione di insegnamento Zen.

Il maestro di meditazione “è morto pacificamente” al tempio di Tu Hieu a Hue – dove è iniziato il suo viaggio spirituale e nel cuore del buddismo del Vietnam – ha affermato la Plum Village Community of Engaged Buddhism.

“Invitiamo la nostra amata famiglia spirituale globale a prendersi qualche momento per stare ferma, per tornare al nostro respiro consapevole, mentre insieme teniamo Thay nei nostri cuori”, ha detto l’organizzazione sull’account Twitter di Nhat Hanh, usando la parola vietnamita per insegnante .

Il poeta e attivista per la pace ha trascorso quasi 40 anni in esilio dopo aver chiesto la fine della guerra del Vietnam, ma è diventato estremamente influente all’interno del buddismo ed è stato visto come secondo solo al Dalai Lama.

Con toni gentili e tuttavia potenti parlerebbe della necessità di “camminare come se stessi baciando la terra con i piedi” ed è accreditato di aver portato la consapevolezza nei paesi occidentali e di organizzare ritiri in tutto il mondo. È stato autore di oltre 100 libri sulla consapevolezza e la meditazione.

Nato Nguyen Xuan Bao nel 1926, Thich Nhat Hanh fu ordinato monaco mentre il rivoluzionario fondatore del Vietnam moderno Ho Chi Minh guidava gli sforzi per liberare il paese del sud-est asiatico dai suoi governanti coloniali francesi.

Thich Nhat Hanh, che parlava sette lingue, tenne conferenze nelle università di Princeton e Columbia negli Stati Uniti all’inizio degli anni ’60. Tornò in Vietnam nel 1963 per unirsi a una crescente opposizione buddista alla guerra tra Stati Uniti e Vietnam, dimostrata dalle proteste di auto-immolazione di diversi monaci.

“Ho visto comunisti e anticomunisti uccidersi e distruggersi a vicenda perché ciascuna parte credeva di avere il monopolio della verità”, scrisse nel 1975.

“La mia voce è stata soffocata dalle bombe, dai mortai e dalle urla”.

Verso il culmine della guerra del Vietnam negli anni ’60, ha incontrato il leader dei diritti civili degli Stati Uniti Martin Luther King, che ha convinto a parlare contro il conflitto.

Mentre era negli Stati Uniti per incontrare King, il governo sudvietnamita ha vietato a Thich Nhat Hanh di tornare a casa.

King definì Thich Nhat Hanh “un apostolo della pace e della non violenza” e lo nominò per il Premio Nobel per la Pace.

“Personalmente non conosco nessuno più degno del Premio Nobel per la pace di questo gentile monaco buddista del Vietnam”, ha scritto King nella sua lettera di nomina.

Il collega monaco Haenim Sunim, che una volta ha agito come traduttore di Thich Nhat Hanh durante un viaggio in Corea del Sud, ha detto che il maestro Zen era calmo, attento e amorevole.

“Era come un grande pino, permettendo a molte persone di riposare sotto i suoi rami con il suo meraviglioso insegnamento di consapevolezza e compassione”, ha detto Haemin Sunim all’agenzia di stampa Reuters.

“Era una delle persone più straordinarie che abbia mai incontrato”.

Thich Nhat Hanh ha avuto un ictus nel 2014 e la sua salute ha iniziato a peggiorare.

Gli è stato permesso di tornare in Vietnam nel 2018 e ha vissuto i suoi ultimi giorni al tempio di Tu Hieu, dove è stato strettamente monitorato dalla polizia in borghese.

In centinaia accorrevano alla pagoda per unirsi al monaco nelle sue gite intorno ai lussureggianti giardini del tempio.

“Ci ha insegnato ad amare le persone, ad amare noi stessi, ad amare la natura”, ha detto Tran Thi My Thanh, che ha compiuto il pellegrinaggio a Hue con gli amici di Ho Chi Minh City.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.