Palestinesi chiedono indagini sui massacri israeliani a Tantura | Notizie Al-Nakba


Almeno 200 palestinesi furono uccisi da bande sioniste nel villaggio di Tantura, raso al suolo nel 1948.

L’Autorità Palestinese (AP) ha chiesto la formazione di una commissione internazionale per indagare sui massacri commessi da Israele nel villaggio palestinese di Tantura nel 1948.

La telefonata è arrivata dopo che il quotidiano israeliano Haaretz ha riportato giovedì la scoperta di una fossa comune nel villaggio di Tantura di palestinesi uccisi da bande sioniste nel 1948, quando è stato formato il moderno stato di Israele.

I palestinesi affermano che numerosi massacri di palestinesi da parte di bande sioniste hanno avuto luogo nei villaggi palestinesi durante la guerra del 1948 nel tentativo di espellere con la forza almeno 750.000 palestinesi dalle loro case e dalla loro terra, una tragedia che i palestinesi chiamano la Nakba, o catastrofe.

“I crimini dell’occupazione non si sono fermati all’anno 1948, ma continuano ancora in modo razzista e odioso, il che richiede l’apertura di indagini su questi crimini”, ha affermato sabato il ministero degli Esteri dell’Ap in una nota.

La dichiarazione continuava: “Ciò che serve è un’ampia campagna internazionale per rendere giustizia alle vittime palestinesi e per punire i funzionari israeliani e l’istituzione ufficiale israeliana che continua a nascondere e nascondere la bruttezza di questi crimini e massacri”.

Nel suo rapporto, Haaretz ha detto che gli ufficiali israeliani “della battaglia del 1948 al villaggio di Tantura [have] finalmente chiarito l’uccisione di massa di arabi avvenuta dopo la resa del villaggio”.

Ha aggiunto che un documentario intitolato Tantura dovrebbe essere trasmesso online la prossima settimana, rilevando che saranno presentate anche le testimonianze dei soldati israeliani che hanno partecipato al massacro.

Haaretz ha detto che le tombe di almeno 200 palestinesi sepolti dopo la loro esecuzione si trovavano sotto il parcheggio di Dor Beach.

Traduzione: L’attuale mostra al Palestine Museum di Birzeit comprende fotografie e documenti sul massacro di Tantura.

Potenza della narrazione

Il massacro di Tantura ebbe luogo nella notte tra il 22 e il 23 maggio 1948, secondo gli storici palestinesi.

La dichiarazione dell’Autorità Palestinese afferma che i fatti della Nakba vengono costantemente “oscurati dai successivi governi israeliani per seppellire la verità sui crimini e sui massacri di queste bande sioniste, sapendo che ai leader responsabili di averli commessi vengono assegnate alte posizioni nell’esercito di occupazione e in istituzioni ufficiali israeliane”.

Le rivelazioni di Haaretz hanno suscitato l’ira dei palestinesi, che hanno da tempo documentato la loro pulizia etnica attraverso resoconti orali e scritti – come il libro storico di Walid al-Khalidi All That Remains – e affermano che i loro resoconti sono sempre liquidati come inaffidabili a meno che non vengano richiamati dagli israeliani coinvolti in tali atrocità.

Hashem Abu Shama, un ricercatore palestinese, ha affermato su Twitter che la storia di Haaretz è più un riflesso della storiografia israeliana che dei palestinesi massacrati.

“Se non altro, dimostra che i perpetratori coloniali, gli accademici coloniali e gli archivi coloniali sono automaticamente dotati dell’autorità di ‘raccontare'”, ha affermato disse.

E mentre storici israeliani come Benny Morris hanno avuto accesso ai file d’archivio sullo sfollamento forzato dei palestinesi ma hanno smesso di usare il termine “pulizia etnica”, altri come l’accademico israeliano Ilan Pappe hanno dovuto affrontare una dura risposta da parte della società israeliana per aver fatto riferimento alla eventi del 1948 in quanto tali.

Pappe, che ora insegna all’Università di Exeter, è stato ridicolizzato e licenziato dalla sua posizione all’Università di Haifa nel 2008 dopo aver insistito sul massacro di Tantura, che il suo studente Teddy Katz ha denunciato.

Katz ha ritrattato le sue scoperte dopo una campagna pubblica di intense pressioni e intimidazioni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.