Diversi morti nell’esplosione di un autobus nell’Afghanistan occidentale | Notizia


Almeno sette persone sono state uccise e altre nove ferite in un attentato dinamitardo a un minibus nella città di Herat, affermano i funzionari.

Almeno sette persone sono state uccise in un’esplosione di una bomba su un minibus nella città afgana occidentale di Herat, hanno detto i funzionari.

“Quattro donne sono state tra le sette uccise”, ha detto sabato all’agenzia di stampa AFP il capo dell’ospedale provinciale di Herat, Arif Jalali.

Il comandante talebano di Herat, Mawlawi Ansari, ha detto all’agenzia di stampa Reuters che nove persone sono rimaste ferite.

L’esplosione è stata confermata dall’ufficio dei servizi segreti di Herat.

“I rapporti iniziali indicano che si trattava di una bomba adesiva attaccata al serbatoio del carburante dell’autovettura”, ha affermato Sabit Harwi, portavoce dell’ufficio.

A confermare l’esplosione anche la polizia provinciale di Herat e l’assessorato alla cultura. Non c’è stata alcuna rivendicazione immediata di responsabilità per l’attacco.

La sicurezza in Afghanistan è notevolmente migliorata da quando una battaglia armata durata 20 anni da parte dei talebani si è conclusa con la cattura della capitale, Kabul, ad agosto da parte del gruppo.

Tuttavia, ogni settimana sono stati segnalati diversi attacchi in tutto il paese, inclusi alcuni rivendicati dal capitolo regionale dell’ISIL (ISIS), Stato islamico nella provincia di Khorasan, ISKP (ISIS-K).

L’ISKP è stato accusato di aver preso regolarmente di mira la comunità sciita Hazara del paese con attacchi mortali e anche l’area in cui è avvenuta l’esplosione di sabato vicino a una stazione degli autobus è abitata dalla comunità.

Herat è la terza città più grande del Paese, vicino al confine con l’Iran, ma negli ultimi mesi è rimasta relativamente pacifica.

Oltre alle preoccupazioni relative alla sicurezza, l’economia afgana rimane terribile poiché il sostegno al paese si è esaurito a causa dell’acquisizione del potere dei talebani. La comunità internazionale rimane diffidente nei confronti del gruppo con gli Stati Uniti che impongono sanzioni ad alcuni dei suoi leader.

Le Nazioni Unite stimano che quasi 23 milioni di afgani – circa il 55% della popolazione – stiano affrontando livelli estremi di fame, con quasi nove milioni a rischio di carestia con l’arrivo dell’inverno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.