Naomi Osaka perde agli Australian Open contro Amanda Anisimova


MELBOURNE, Australia — Naomi Osaka, quattro volte campionessa del Grande Slam in singolo che ha quasi abbandonato il tennis l’anno scorso, è stata eliminata venerdì dagli Australian Open dalla non testa di serie americana Amanda Anisimova.

Anisimova ha prevalso in tre set tesi, 4-6, 6-3, 7-6 (10-5), dopo aver salvato due match point nel terzo set.

“Sicuramente penso di aver lottato per ogni punto e non posso essere triste per questo”, ha detto Osaka. “Non sono Dio. Non posso vincere tutte le partite. Quindi devo solo tenerne conto e sapere che sarebbe bello vincere il torneo, ma è davvero speciale”.

L’Osaka, che non giocava una partita competitiva dagli US Open, sembrava riconoscere che il suo gioco non era ancora completamente tornato dove pensa di poter andare.

“Penso che il ritmo della sua palla mi abbia sorpreso, ma a parte questo è stato divertente da giocare”, ha detto, le mani incrociate sulla guancia sinistra. Apparendo a suo agio e sorridendo spesso in una situazione di conferenza stampa che ha ammesso la mette a disagio, Osaka ha detto ai giornalisti di aver meditato di recente. Ha fornito le sue risposte in una serie di risposte calme e misurate.

“So che ci sono giorni in cui avrò brutti giorni e giorni in cui avrò giorni fantastici”, ha aggiunto. “È sempre casuale e non lo so mai. Ma qualunque cosa accada per me, so che voglio lasciare il campo sapendo di aver lottato per ogni punto. Oggi c’erano cose in cui pensavo di poter migliorare, ma anche con quello avevo due match point e anche con quello è qualcosa di cui posso essere orgoglioso di me stesso”.

Osaka, 24 anni, stava tornando in azione nei tornei principali a Melbourne dopo essersi presa una lunga pausa dal gioco per riaccendere il suo amore per questo sport. Il suo ritorno è arrivato dopo un anno insolitamente emozionante in cui la sua apertura sui suoi problemi di salute mentale aveva alterato la discussione sia sui suoi successi che sulle sue più recenti – e dolorosamente pubbliche – delusioni.

Osaka era solo 13° testa di serie qui, ma ha mostrato molto fuoco e desiderio nella sua partita del terzo turno contro l’Anisimova: generando tuoni caratteristici con i suoi pesanti colpi dal fondo, pompando il pugno e gridando “Dai!” per commemorare i suoi successi. Ma Anisimova, a lungo considerata una delle giovani giocatrici più promettenti del gioco, ha tenuto straordinariamente ferme, tornando da un set iniziale incoerente e trovando il suo raggio d’azione nella sua prima partita contro l’Osaka.

“Entrando in questa partita sapevo che dovevo giocare forte se volevo darmi una possibilità”, ha detto Anisimova. “Naomi giocherà sempre bene ed è una campionessa assoluta, quindi sapevo che dovevo davvero intensificare il mio gioco e cercare di essere aggressivo. Penso che sia quello che ho iniziato a fare nel secondo set. Onestamente, sono così grato di essere stato in grado di giocare così bene oggi”.

Semifinalista agli Open di Francia all’età di 17 anni nel 2019, Anisimova sembrava pronta a svolgere un ruolo da protagonista nel gioco in modo coerente nella sua adolescenza, ma questo era prima della tragedia familiare: la morte di suo padre e allenatore di lunga data, Konstantin, per un attacco di cuore nell’agosto 2019 poco prima degli Stati Uniti Open.

Osaka è entrata nel loro incontro portando i propri fardelli. L’anno scorso è stato un anno da dimenticare per Osaka, 24 anni, che è entrata come la figura dominante nel suo sport e l’atleta femminile più pagata al mondo, e l’ha finita come qualcos’altro.

Il suo gioco ha iniziato a disfarsi all’inizio della primavera e uno scontro con i funzionari dell’Open di Francia per il suo rifiuto di apparire alle conferenze stampa obbligatorie post-partita ha portato al suo ritiro dal torneo. In seguito, ha reso pubblica la sua battaglia di anni contro la depressione, si è presa due mesi di pausa, quindi è tornata alle Olimpiadi di Tokyo, dove ha acceso la torcia ma ha perso al terzo round tra la pressione incessante per eccellere.

Venerdì ha detto che ora sta facendo del suo meglio per guardare avanti.

“Voglio solo entrare in quest’anno sapendo che suonerò tutto l’anno e avrò il miglior atteggiamento di sempre”, ha detto. “Lotterò per ogni punto e anche se vincessi o perdessi andrò fuori dal campo facendo del mio meglio. E non c’è modo che qualcuno possa aspettarsi qualcosa di più da me perché hanno visto quanto ho combattuto duramente”.

La vittoria di Anisimova ha interrotto la partita più attesa del torneo, un potenziale duello al quarto turno tra Osaka e il numero 1 del mondo Ashleigh Barty d’Australia. Ora Anisimova affronterà invece Barty.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.