La FAA stima che il 78% degli aerei statunitensi possa ora atterrare negli aeroporti con banda C 5G

La FAA ha annunciato che un “78 percento stimato della flotta commerciale statunitense” è stato autorizzato ad atterrare in aeroporti con banda C 5G, anche in condizioni di scarsa visibilità. La dichiarazione dell’agenzia arriva dopo una settimana di polemiche sul lancio di AT&T e della tecnologia cellulare aggiornata di Verizon, che ha visto le compagnie aeree statunitensi avvertire di “interruzioni catastrofiche” per i viaggi e le spedizioni e alcune compagnie aeree internazionali che hanno annunciato che avrebbero interrotto i voli verso alcuni aeroporti statunitensi.

In discussione sono le preoccupazioni che alcuni radioaltimetri non ignoreranno correttamente i segnali dei nuovi trasmettitori 5G. Sebbene ci siano precauzioni che dovrebbero impedire che ciò accada, inclusa la creazione di zone cuscinetto intorno agli aeroporti, una lettura errata dell’altimetro potrebbe causare problemi reali durante un atterraggio a bassa visibilità.

Data la posta in gioco alta, la FAA ha affermato che solo gli aerei con altimetri che ha testato e autorizzato potranno atterrare in condizioni non ottimali negli aeroporti in cui è stata lanciata la nuova tecnologia 5G. Puoi leggere la nostra spiegazione della situazione, che approfondisce la confusione dell’ultimo minuto, qui.

Il 16 gennaio, l’agenzia ha annunciato di aver liberato due altimetri, che mercoledì ha portato a cinque. Ha detto che gli altimetri cancellati sono stati installati in “alcune” versioni di aerei come il Boeing 737, 747 e 777. La FAA ha cambiato quella lingua giovedì, dicendo che i 13 altimetri cancellati dovrebbero coprire “tutti” i Boeing 717, 737, 747, Modelli 757, 767, 777, 787, MD-10/-11 e Airbus A300, A310, A319, A320, A330, A340, A350 e A380. Rileva inoltre che “alcuni” jet regionali Embraer 170 e 190 sono coperti.

La FAA prevede ancora che alcuni altimetri non supereranno il test e saranno “troppo suscettibili alle interferenze 5G”. Agli aerei equipaggiati con tali modelli non sarà consentito atterrare negli aeroporti con la nuova tecnologia 5G in condizioni di scarsa visibilità, il che potrebbe impedire alle compagnie aeree di programmare qualsiasi volo che utilizzi quegli aerei verso aeroporti preoccupanti, data l’imprevedibilità del tempo e l’interruzione tale causerebbe un diversivo.

I vettori sono stati frustrati dalla FAA e dalle compagnie aeree per la gestione della situazione. I loro lanci sono stati ritardati più volte e martedì AT&T ha rilasciato una dichiarazione in cui criticava “l’incapacità della FAA di fare ciò che hanno fatto quasi 40 paesi, ovvero implementare in sicurezza la tecnologia 5G senza interrompere i servizi di aviazione”. Verizon ha seguito una dichiarazione simile che menzionava anche le implementazioni di altri paesi.

Puoi leggere la dichiarazione completa della FAA sulla sua pagina 5G, alla voce “Dichiarazioni FAA sul 5G”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.