5 punti chiave della conferenza stampa del presidente degli Stati Uniti Biden | Notizie di politica


I continui sforzi per combattere il COVID-19 negli Stati Uniti hanno dominato la conferenza stampa di Joe Biden alla Casa Bianca mercoledì, poiché il presidente degli Stati Uniti ha esortato gli americani a prendere le loro punture e ha promesso che le cose andranno meglio.

Biden, la cui presidenza raggiungerà il traguardo di un anno giovedì, ha anche propagandato la recente spinta del suo governo per aumentare i test sul coronavirus poiché le infezioni legate alla variante Omicron stanno aumentando in tutto il paese.

Ma l’agenda del presidente degli Stati Uniti continua a incontrare ostacoli al Congresso degli Stati Uniti e un sondaggio pubblicato all’inizio di mercoledì mostrato Il tasso di approvazione di Biden è sceso a un nuovo minimo del 40 percento in mezzo all’impasse a Washington.

Ecco uno sguardo a cinque punti chiave della conferenza stampa di Biden, dal COVID-19 alle tensioni in Russia e al futuro dell’accordo nucleare iraniano:

COVID-19: ‘Andrà meglio’

Biden ha affrontato critiche nelle ultime settimane per le lunghe formazioni al di fuori delle strutture di test del coronavirus negli Stati Uniti, che stanno registrando un numero crescente di casi di COVID-19 e decessi legati a Omicron.

“Avremmo dovuto fare più test prima? Sì. Ma ora stiamo facendo di più”, ha detto mercoledì, lo stesso giorno in cui un nuovo sito Web che consente agli americani di ordinare kit di test gratuiti a casa è diventato completamente online.

Biden, che è entrato in carica quando il lancio del vaccino negli Stati Uniti ha iniziato a prendere piede, lo ha sottolineato quasi 210 milioni di persone negli Stati Uniti ora sono completamente vaccinati.

“Omicron ora ci ha sfidato… Ma mentre è motivo di preoccupazione, non è motivo di panico. Abbiamo fatto tutto il possibile, imparando e adattandoci il più velocemente possibile e preparandoci per un futuro oltre la pandemia”, ha affermato.

Gli Stati Uniti hanno il maggior numero di decessi legati al COVID-19 al mondo, con oltre 845.000 vittime, secondo i dati della Johns Hopkins University. “Andrà meglio”, ha detto Biden. “Ci stiamo muovendo verso un momento in cui il COVID-19 non interromperà la nostra vita quotidiana”.

Russia: “Pronti a imporre costi pesanti”

L’amministrazione di Biden è stata impegnata in settimane di intensi sforzi diplomatici per disinnescare le tensioni sulla formazione militare russa vicino al confine con l’Ucraina, e il presidente degli Stati Uniti ha parlato due volte il mese scorso con il suo omologo russo Vladimir Putin.

Mercoledì, Biden ha ribadito ancora una volta che la Russia avrebbe dovuto affrontare sanzioni senza precedenti se Putin avesse deciso di invadere l’Ucraina.

“Se effettivamente fanno ciò che sono in grado di fare con le forze ammassate al confine, sarà un disastro per la Russia se invadono ulteriormente l’Ucraina”, ha detto. “I nostri alleati e partner sono pronti a imporre costi gravi e danni significativi alla Russia e all’economia russa”.

La conferenza stampa di Biden è arrivata poche ore dopo che il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha incontrato il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy a Kiev come parte di una spinta diplomatica organizzata frettolosamente per affrontare la crescente crisi.

Blinken incontrerà il suo omologo russo, Sergey Lavrov, venerdì a Ginevra.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden parla con il presidente russo Vladimir PutinIl presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha tenuto colloqui diretti con il presidente russo Vladimir Putin due volte il mese scorso [File: The White House/Handout via Reuters]

Putin ha negato che la Russia stia progettando di attaccare l’Ucraina e ha chiesto un elenco di garanzie di sicurezza, inclusa l’esclusione dell’espansione della NATO verso est. Gli Stati Uniti e la NATO hanno affermato che solo i membri dell’alleanza transatlantica possono decidere quando altri paesi possono aderire.

Diritti di voto: ‘Non abbiamo esaurito le opzioni’

La scorsa settimana, Biden ha approvato uno sforzo per modificare le regole del Senato degli Stati Uniti per approvare una legislazione che i Democratici ritengono necessaria per contrastare gli sforzi guidati dai repubblicani per mettere in atto leggi restrittive sul voto a livello statale. La spinta a cambiare l'”ostruzionismo” si è tuttavia arenata, dopo che due democratici chiave nel Senato equamente diviso hanno affermato che non l’avrebbero appoggiata.

I sostenitori hanno esortato il presidente a fare di più per assicurarsi che i diritti di voto siano protetti, specialmente tra i neri e altre comunità di colore che sono state storicamente private dei diritti di voto negli Stati Uniti.

Alla domanda sulla questione mercoledì, Biden ha affermato di ritenere che gli elettori di minoranza sarebbero “disposti a mettersi in fila e sfidare i tentativi di impedire loro di votare” alle elezioni del Congresso di medio termine entro la fine dell’anno.

Ha riconosciuto che l’approvazione della protezione dei diritti di voto sarà “difficile” in mezzo all’opposizione repubblicana al Congresso, ma ha suggerito che la porta rimane aperta. “Non ci siamo ancora. Non abbiamo ancora esaurito le opzioni. Vedremo come andrà”, ha detto Biden.

Iran, colloqui sul nucleare: ‘Non è il momento di arrendersi’

Alla domanda se i negoziati indiretti in corso a Vienna potrebbero rilanciare l’accordo nucleare iraniano, Biden ha detto mercoledì: “Non è il momento di arrendersi”.

Gli Stati Uniti e l’Iran sono impegnati in colloqui indiretti nella capitale austriaca per rilanciare l’accordo multilaterale del 2015, che ha visto Teheran ridimensionare il suo programma nucleare in cambio della revoca delle sanzioni contro la sua economia.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva annullato l’accordo nel 2018 e aveva avviato una campagna di massima pressione contro l’Iran. Biden ha promesso di tornare all’accordo, ma mesi di trattative non sono riusciti a rilanciare l’accordo.

“Si stanno facendo dei progressi. Il P5+1 è sulla stessa pagina. Ma resta da vedere”, ha detto Biden ai giornalisti, riferendosi ai firmatari originali dell’accordo: i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite – Stati Uniti, Regno Unito, Russia, Cina e Francia – più la Germania.

Infrastrutture USA: “Lavori migliori per milioni”

Un punto chiave dell’agenda dell’amministrazione Biden nel suo primo anno è stato un disegno di legge bipartisan per le infrastrutture, formalmente noto come Infrastructure Investment and Jobs Act, un atto legislativo da 1,2 trilioni di dollari che il presidente degli Stati Uniti ha firmato a novembre dopo molte dispute politiche.

Biden ha salutato la legge – che mira ad aiutare a ricostruire ponti, strade e altre infrastrutture chiave negli Stati Uniti – come una rara dimostrazione di bipartitismo in un paese ancora scosso da profonde divisioni politiche all’indomani della presidenza Trump.

Mercoledì, il presidente ha affermato che la legislazione consentirà alla sua amministrazione di “fare un investimento record nella ricostruzione dell’America” ​​e creare “posti di lavoro migliori per milioni di persone”.

In una dichiarazione prima della conferenza stampa, la Casa Bianca ha anche affermato che l’amministrazione ha aggiunto più di 6 milioni di posti di lavoro nel suo primo anno, mentre il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti è passato dal 6,2% quando Biden è entrato in carica al 3,9%.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.