Talebano arresta combattente che ha sparato a una donna Hazara morta al posto di blocco | Notizia


I talebani affermano che il combattente sarà punito per aver ucciso “erroneamente” il 25enne Zainab Abdullahi, che ha causato una protesta pubblica.

Un combattente talebano è stato arrestato per aver ucciso a colpi di arma da fuoco una donna Hazara a un posto di blocco nella capitale afgana mentre tornava da un matrimonio, dice un portavoce del gruppo.

L’uccisione di Zainab Abdullahi, 25 anni, ha inorridito le donne, che devono affrontare crescenti restrizioni da quando i talebani sono tornati al potere ad agosto.

La sparatoria è avvenuta in un quartiere di Kabul abitato principalmente da membri della comunità minoritaria sciita Hazara, bersaglio di attacchi mortali da parte di gruppi armati settari come l’ISIL (ISIS).

Abdullahi è stato “ucciso per errore”, ha detto su Twitter il portavoce talebano Mohammad Naeem, aggiungendo che il combattente arrestato sarà punito.

Alla sua famiglia sono stati offerti 600.000 afgani (circa 5.700 dollari) per la sparatoria del 13 gennaio nel quartiere Dasht-e-Barchi della capitale, ha detto separatamente il ministero dell’Interno.

Alcune attiviste per i diritti delle donne hanno organizzato proteste a Kabul dopo l’uccisione di Abdullahi, chiedendo giustizia.

“Quando abbiamo saputo dell’omicidio di Zainab ci siamo spaventati. Abbiamo paura che se lasciamo le nostre case potremmo non tornare vivi”, ha detto un’attivista per i diritti delle donne che ha chiesto di non essere nominata per la sua stessa sicurezza.

“Di notte non possiamo uscire e anche di giorno non usciamo a meno che non ci sia qualcosa di urgente”, ha detto, aggiungendo che passare attraverso i checkpoint era rischioso per le donne.

Regole dure

I talebani impongono sempre più restrizioni alle donne, che vengono espulse dalla vita pubblica.

La maggior parte delle scuole secondarie femminili sono chiuse, mentre alle donne è vietato qualsiasi lavoro governativo tranne quello essenziale.

È stato inoltre ordinato loro di non percorrere lunghe distanze se non accompagnati da un parente stretto maschio.

All’inizio di questo mese, la polizia religiosa talebana ha affisso manifesti in giro per la capitale ordinando alle donne di coprirsi.

Un portavoce del ministero per la promozione delle virtù e la prevenzione del vizio ha affermato che si tratta di “solo un incoraggiamento per le donne musulmane a seguire la legge della Sharia”.

Martedì, l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha esortato il Consiglio di sicurezza a “tenere conto” dei colpevoli di abusi in Afghanistan.

Ha affermato che negare a donne e ragazze i loro diritti fondamentali è stato “danneggiando enormemente” un paese che già sta affrontando un disastro umanitario di proporzioni senza precedenti.

I talebani hanno promesso alle donne più libertà rispetto al loro precedente governo (1996-2001), in base al quale l’istruzione delle ragazze era vietata e le donne non potevano lavorare se non in alcuni settori.

All’inizio di questa settimana, i talebani hanno detto che tutte le ragazze torneranno a scuola entro il 21 marzo, offrendo la prima scadenza per l’apertura delle scuole superiori per ragazze.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.