Nepal: i casi di COVID possono raddoppiare mentre le infezioni raggiungono il record | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Martedì il Nepal ha riportato la maggior parte dei casi in un solo giorno, poiché il governo prevede che il conteggio potrebbe raddoppiare entro la fine del mese.

Il Nepal ha registrato 10.258 nuove infezioni da coronavirus, secondo i dati del governo, il numero più alto registrato in un solo giorno poiché il governo prevede che il conteggio potrebbe raddoppiare entro la fine del mese.

Martedì le infezioni totali hanno superato 972.198 e i decessi correlati al COVID-19 sono stati 11.624. Il precedente record giornaliero era di 9.483 casi nel maggio dello scorso anno.

Le autorità hanno esteso il divieto di grandi raduni pubblici nella valle di Kathmandu, circondata dalle colline, dove vivono oltre quattro milioni di persone, fino al 12 febbraio dal 29 gennaio per cercare di controllare la diffusione del virus.

Un uomo nepalese reagisce mentre l'operatore sanitario raccoglie il campione di tamponeUn uomo nepalese reagisce mentre un operatore sanitario raccoglie un campione di tampone durante un test dell’antigene COVID-19 a Dakshinkali, alla periferia di Kathmandu [Narendra Shrestha/EPA]

È probabile che il numero giornaliero di infezioni in Nepal raddoppi entro la fine di gennaio e i casi di ospedalizzazione potrebbero aumentare notevolmente, mettendo a dura prova le scarse infrastrutture sanitarie del paese, hanno affermato i funzionari.

“Questa è solo una proiezione che dobbiamo preparare”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters Krishna Prasad Poudel, capo della divisione di epidemiologia e controllo delle malattie.

“I numeri effettivi potrebbero essere superiori o inferiori ai probabili 20.000 casi giornalieri prima che inizino a diminuire”.

Gli ospedali erano a corto di posti letto e molti pazienti sono morti per mancanza di ossigeno quando l’epidemia della variante Delta ha raggiunto il picco nel maggio dello scorso anno.

“Il governo ha preso accordi adeguati per garantire che questa volta non ci sia carenza di ossigeno”, ha detto Poudel.

Il Nepal, che dall’anno scorso ha vaccinato due volte il 40,6% dei suoi 30 milioni di persone, ha iniziato lunedì a somministrare vaccinazioni di richiamo per il COVID-19 ai lavoratori in prima linea.

Il vicino Bhutan ha riportato un conteggio giornaliero di 141 casi lunedì, anche il numero più alto dall’inizio della pandemia.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.