Democratici svelano il disegno di legge per vietare la “pubblicità di sorveglianza” online

Martedì, i Democratici hanno introdotto un nuovo disegno di legge che vieterebbe quasi tutto l’uso del targeting pubblicitario digitale sui mercati pubblicitari ospitati da piattaforme come Facebook, Google e altri broker di dati.

La legge sul divieto di pubblicità sulla sorveglianza – sponsorizzato da Reps. Anna Eshoo (D-CA), Jan Schakowsky (D-IL) e Sen. Cory Booker (D-NJ) – vieta agli inserzionisti digitali di indirizzare annunci agli utenti. Fa alcune piccole eccezioni, come consentire un targeting “ampio” basato sulla posizione. Sarebbe consentita la pubblicità contestuale, come annunci specificamente abbinati a contenuti online.

“Il modello di business della ‘pubblicità di sorveglianza’ si basa sulla raccolta sconveniente e sull’accumulo di dati personali per consentire il targeting degli annunci”, ha dichiarato martedì Eshoo, lo sponsor principale del disegno di legge. “Questa pratica perniciosa consente alle piattaforme online di inseguire il coinvolgimento degli utenti a caro prezzo per la nostra società e alimenta disinformazione, discriminazione, repressione degli elettori, abusi della privacy e tanti altri danni. Il modello di business della pubblicità di sorveglianza è rotto”.

Se approvato, il disegno di legge cambierebbe radicalmente i modelli di business di Facebook e Google. Per anni, i legislatori hanno discusso i modi per regolamentare l’industria tecnologica su questioni come la privacy, la disinformazione e la moderazione dei contenuti. Eshoo e i suoi co-sponsor sostengono che gli attuali modelli pubblicitari dell’industria tecnologica incentivano la diffusione di contenuti dannosi e li incoraggiano ad amplificare i post dannosi per mantenere gli utenti sulle loro piattaforme.

Il disegno di legge autorizza la Federal Trade Commission e i procuratori generali statali con l’autorità di far rispettare le nuove regole per il targeting degli annunci. Consente inoltre ai singoli utenti di citare in giudizio piattaforme come Facebook e Google se infrangono la legge, concedendo fino a $ 5.000 di risarcimento per violazione.

“La pubblicità di sorveglianza è una pratica predatoria e invasiva”, ha affermato il senatore Booker in una dichiarazione martedì. “L’accaparramento dei dati personali delle persone non solo abusa della privacy, ma guida anche la diffusione di disinformazione, estremismo domestico, divisione razziale e violenza”.

Da quando l’informatrice di Facebook Frances Haugen ha testimoniato davanti al Congresso l’anno scorso, i legislatori hanno emesso una serie di nuovi progetti di legge per regolamentare gli algoritmi dei social media per affrontare la diffusione di contenuti dannosi. Lo scorso ottobre, i Democratici alla Camera hanno presentato una misura che abolirebbe le protezioni di responsabilità della Sezione 230 di una piattaforma se i loro algoritmi venissero trovati per aver raccomandato contenuti dannosi agli utenti.

Alla prima udienza al Senato di Haugen, il senatore Richard Blumenthal (D-CT) ha affermato che le fughe di notizie confermano “che Facebook antepone regolarmente i profitti alla sicurezza online dei bambini”. Ha proseguito, “sappiamo che preferisce la crescita dei suoi prodotti al benessere dei nostri figli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.