Le prove e le tribolazioni di trasformare una vera fotocamera in una webcam

Il mio collega Dieter Bohn è una delle persone più simpatiche che abbia mai incontrato, ma ogni volta saltavo su Zoom per registrare Il Vergecast ci sarebbe stato solo il più piccolo, minuscolo scatto di dispiacere sul suo viso. Dieter è stato troppo gentile per affrontare il grande elefante che oscurava la telecamera nella stanza: come per diversi minuti, invece della mia faccia, avrebbe visto un gigantesco logo della webcam Sony Imaging Edge rovesciato: un’enorme W bianca su un quadrato arancione contrapposto uno sfondo non proprio nero.

Alla fine, dopo almeno quattro mesi di big W, chiese educatamente: “Alex, qual è il tuo indirizzo?”

“Come mai?”

“Quindi posso inviarti un adattatore HDMI.” Lo ha detto con quella clip unica del Midwest che dice: “Sono molto educato e gentile, ma dovresti sapere che potrei anche commettere un omicidio nel prossimo futuro”.

Dieter, e in effetti tutti i miei colleghi di Il confine, ero stato costretto a fissare quella brutta W perché volevo convertire la mia costosissima fotocamera mirrorless Sony A7 III in una webcam. Mi sentivo frugale e avevo già raccolto più schede di acquisizione e cavi “da HDMI a X” di quanto penso che Monoprice sappia che esiste; Ero sicuro di poter trovare un modo per dare alla mia esperienza Zoom una straordinaria spinta con un costo minimo. Chi non vorrebbe controllare gli ISO e l’apertura e chiedere a tutti i suoi colleghi perché sei in alta definizione quando sono saldamente in standard? Mentre alcuni dei miei colleghi potrebbero piuttosto armeggiare con le impostazioni del telefono o con i voltaggi della CPU, potrei passare felicemente settimane – mesi – a perfezionare il mio look Zoom.

Dovrebbe essere facile. Compri un supporto per la tua fotocamera. (Il vicedirettore Dan Seifert ha consigliato questo braccio da $ 60 e un morsetto da $ 20, che hanno funzionato benissimo.) Scarichi del software sul tuo computer. Collega la tua grande e costosa fotocamera digitale al tuo computer e il gioco è fatto Magia.

La Sony A7 III aveva altri progetti per me.

Nei primi giorni della pandemia, la carenza di webcam ha portato molte persone a richiedere software che consentisse loro di utilizzare le loro costose fotocamere come webcam. I produttori di fotocamere sono felicemente obbligati. Sony è stata una delle ultime, ma quel tempo aggiuntivo sembra… speso male. La versione per Mac, lanciata nell’ottobre 2020, è più driver che app. Il software di Sony fa poco più che dire al mio computer che la mia fotocamera è una fotocamera e genera la W ogni volta che il feed video non è pronto. Non è possibile controllare le impostazioni o nessuna delle altre cose che, ad esempio, l’app di tethering di Sony può fare (come ISO e apertura). C’è semplicemente installazione e preghiere. Lo installi, riavvii il computer e preghi che Sony Imaging appaia nelle scelte della fotocamera per le app che usi.

È importante sottolineare che devi quindi aprire un’app che utilizza la tua fotocamera, quindi accendere la fotocamera e poi attendi che Sony Imaging Edge Webcam inizi a funzionare prima che il tuo video appaia effettivamente sullo schermo. Se accendi la fotocamera prima di se apri, ad esempio, Zoom, potresti trovarti di fronte a un messaggio di errore che dice che la fotocamera è già in uso. Solo il riavvio della stessa fotocamera fisica Sony risolverà il problema e mentre sei impegnato a sistemare le cose, altre persone sulla chiamata Zoom (probabilmente Dieter) sono bloccate a guardare quel grande brutto W.

Padroneggiare l’ordine delle operazioni è fondamentale. Così è ricordarsi di riavviarlo periodicamente durante il giorno. Quando me ne sono andato dopo una chiamata e sono tornato per farne un’altra, mi sono ritrovato a fissare la W perché la fotocamera ha deciso di spegnersi di nuovo.

Alla fine, l’ho fatto compra quell’adattatore Dieter mi aveva pregato di comprare per mesi, e ha risolto immediatamente il mio grande problema con la W arancione. Ma ha rivelato che mentre avevo dato molta colpa ai piedi di Sony Imaging Edge Webcam, il software non se lo meritava tutto.

Non nella foto: una valida fonte di alimentazione per la webcam.

Quegli arresti automatici? Con quella grande W arancione che mi fissava, naturalmente avevo pensato che fosse un problema software. Ma i miei colleghi (e io) abbiamo presto appreso che si trattava di un il riscaldamento problema. Il Batteria fittizia alimentata tramite USB ($ 45,95) Ho usato per surriscaldare l’intera fotocamera, costringendola a spegnersi ancora e ancora.

Ora sono alla ricerca di un adattatore che lo farà non surriscalda tutta la mia fotocamera. Ma finora, ho già speso $ 80 su un supporto, $ 46 su un pacco batteria e $ 25 su un adattatore HDMI. Sono $ 151 che ho investito nel tentativo di trasformare a buon mercato la mia DSLR in una webcam ad alta potenza. Per lo stesso prezzo, avrei potuto prendere una webcam da Newegg o Micro Center ed evitare la vergogna del W.

E dopo aver speso tutti quei soldi cercando di avere la migliore fedeltà della webcam, è stato allora che Opal ha lanciato l’Opal C1 da $ 300. I miei colleghi lo adorano, probabilmente perché fa tutto ciò per cui avevo speso $ 151, ma in un piccolo pacchetto che non richiede anche l’investimento in una costosa fotocamera. Cerco di essere un acquirente di tecnologia abbastanza esperto da pentirmi raramente degli acquisti, ma leggere la recensione di Cameron Faulkner sul C1 mentre la mia webcam costosa e poco affidabile incombeva letteralmente sulla mia testa mi ha fatto provare un forte rimpianto.

L’Opal C1, che mi prende in giro silenziosamente.
Foto di Cameron Faulkner / The Verge

Subito dopo, ho modificato il pezzo di Allison Johnson sul rifiuto di preoccuparsi della sua webcam perché non ha alcun interesse ad armeggiare con quella parte della sua configurazione di lavoro. Non sono assolutamente d’accordo con lei (va bene! Le piacciono anche i telefoni Android!) – una delle ragioni principali per cui ho passato così tanto tempo a cercare di perfezionare questa configurazione era perché era qualcosa con cui volevo armeggiare. Volevo essere schizzinoso e modificare le cose e produrre la migliore immagine possibile anche se fosse visibile solo a Nilay, Dieter e Andru durante un Vergecast registrazione su Zoom.

Probabilmente non otterrò l’Opal C1 o anche solo una webcam economica al Micro Center. probabilmente io volere continua ad aggiornare la pagina della webcam Sony Imaging Edge sperando in un aggiornamento migliore, acquistando e restituendo decine di adattatori per batterie fittizi USB mentre cerco uno che non esacerba il noto problema di riscaldamento della Sony A7 III. Continuerò ad armeggiare anche se l’occhio di Dieter si contrae e inevitabilmente vengo arrostito su Twitter.

Cercare di trasformare una vera fotocamera in una webcam non varrà i soldi o il tempo che ho speso finora e probabilmente continuerò a spendere. Ma un giorno avrò quella qualità video perfetta e una grande soddisfazione per tutto lo sforzo che ho messo in questo compito relativamente inutile. Nessuno riconoscerà la mia webcam e proverò un immenso orgoglio.

E poi probabilmente inizierò a lavorare sul mio sfondo Zoom.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.