La rivoluzione sessuale dell’archeologia | Archeologia


ioAll’inizio dell’estate del 2009, un team di archeologi è arrivato in un cantiere edile in un quartiere residenziale di Modena, in Italia. Erano iniziati gli scavi per un nuovo edificio e durante il processo gli operai hanno portato alla luce un cimitero, risalente a 1.500 anni fa. C’erano 11 tombe, ma divenne subito chiaro che una di esse non era come le altre. Invece di un unico scheletro, la tomba 16 ne conteneva due e si tenevano per mano.

“Ecco la dimostrazione di come l’amore tra un uomo e una donna possa essere davvero eterno”, ha scritto Gazzetta di Modena della coppia, subito soprannominata “gli amanti”. Tuttavia, secondo la relazione antropologica originale, il sesso degli Amanti non era evidente solo dalle ossa. Ad un certo punto qualcuno ha provato ad analizzare il loro DNA, ma “i dati erano così pessimi”, dice Federico Lugli dell’Università di Bologna, che sembrava “solo un rumore casuale”.

Per un decennio, l’ipotesi sul sesso degli Amanti è rimasta incontrastata. Poi, nel 2019, Lugli e i suoi colleghi hanno deciso di provare a nuova tecnica disponibile per determinare il sesso dei resti umani utilizzando le proteine ​​nello smalto dei denti. Con loro sorpresa, gli Amanti erano entrambi maschi. La coppia divenne improvvisamente una potenziale prova di una relazione omosessuale del quinto secolo.

I resti scheletrici degli Amanti di Modena.  I ricercatori hanno determinato che entrambe le figure sono maschi
I resti scheletrici degli Amanti di Modena. I ricercatori hanno determinato che entrambe le figure sono maschi Fotografia: Dispensa/EPA dell’Università di Bologna

La storia degli amanti fa parte di una rivoluzione sessuale in corso nell’archeologia. Per decenni, gli archeologi hanno dovuto fare affidamento sui corredi funerari e sulla forma delle ossa per dire loro se uno scheletro apparteneva a un uomo o una donna, ma negli ultimi cinque anni l’uso di metodi nuovi e sofisticati ha portato a una serie di scheletri aventi il ​​loro presunto sesso capovolto. Le sfide che ne sono derivate alle nostre idee su sesso, genere e amore nelle società passate non sono state prive di controversie.

Il più ampio dibattito sul sesso nell’archeologia è decollato sul serio con l’ormai famoso articolo del 2017 su un guerriero vichingo, trovato in una tomba piena di armi a Birka, in Svezia. La tomba era nota dalla fine del XIX secolo e si presumeva contenesse un uomo, ma è stato solo quando Charlotte Hedenstierna-Jonson dell’Università di Uppsala, in Svezia, e il suo team hanno testato un campione di DNA di cui chiunque poteva esserne sicuro.

Tradizionalmente con l’analisi del DNA, si cerca un gene legato a un cromosoma sessuale, come il gene AMELX sul cromosoma X e la sua controparte AMELY sul cromosoma Y. Poiché le femmine di solito hanno cromosomi XX e i maschi di solito XY, la logica è che se è presente AMELY significativo nel campione, appartiene a un maschio. Al giorno d’oggi, l’analisi prende in considerazione molto di più il genoma, ma il principio rimane sostanzialmente lo stesso. E il DNA della Birka Viking era chiaramente femminile.

Ma l’idea di una donna guerriera non si adattava alle idee esistenti sui Vichinghi. Secondo la convenzione, le armi, in particolare le spade, appartenevano agli uomini e i gioielli alle donne. Se questo scheletro fosse una donna, alcuni sostenevano, le armi e lo status di guerriero dovrebbero essere rivalutati. Hedenstierna-Jonson ha trovato questo sconcertante, perché tutti erano d’accordo con l’interpretazione del guerriero quando si pensava che lo scheletro fosse un uomo, dice. “Questo non può cambiare solo perché scopriamo che è una donna”.

Leszek Gardeła, archeologo del Museo Nazionale di Danimarca e autore del libro Donne e armi nel mondo vichingo, non vuole prendere una posizione in nessun modo. “Penso che avrebbe potuto essere una guerriera”, dice, ma sottolinea che il 90% delle tombe con armi contengono individui biologicamente maschi. Anche le armi nelle tombe delle donne non garantiscono che fossero guerriere; un’ascia, ad esempio, potrebbe essere usata per molte cose, inclusi vari rituali magici norreni spesso associati alle donne. “C’era spazio nell’universo mentale dei Vichinghi per le donne guerriere”, dice, “[but] Non credo fosse la norma”.

In ogni caso, la maggior parte concorda sul fatto che le vecchie idee sui corredi funerari “maschili” e “femminili” producono interpretazioni che sono nel migliore dei casi convenzionali e nel peggiore dei casi distorte. Ciò è particolarmente evidente quando entrambi sono presenti nella stessa tomba, come la tomba vichinga scoperta nel 1867 a Santon Downham nel Norfolk. “La maggior parte della letteratura dice che si tratta di una doppia tomba”, afferma Gareth Williams, curatore del British Museum, “ma non ci sono prove a sostegno di ciò”. Inizialmente è stato segnalato solo uno scheletro, da quando è stato perso. Piuttosto che una doppia tomba, la spiegazione più ovvia potrebbe essere una singola tomba di una persona che non si è rigorosamente conforme alle norme di genere. Williams pensa che la tomba contenesse probabilmente una donna armata di spada perché “c’erano severi tabù contro l’indossare qualsiasi cosa potesse essere considerata effeminata” per gli uomini vichinghi.

Una ricostruzione facciale del cranio della donna vichinga trovata a Birka, in Norvegia.
Una ricostruzione facciale del cranio della donna vichinga trovata a Birka, in Svezia. Fotografia: National Geographic

Senza lo scheletro scomparso, la verità rimarrà sconosciuta, ma altri stanno affrontando casi simili con i nuovi metodi. Lo scorso agosto, Ulla Moilanen dell’Università di Turku, in Finlandia, ha condotto la rivalutazione di una proposta di sepoltura “doppia” dalla Finlandia altomedievale, che conteneva un unico scheletro in abito femminile con spade. L’analisi del DNA ha rivelato che la tomba apparteneva a una persona con cromosomi XXY, o sindrome di Klinefelter, che probabilmente non sembrava diverso da un maschio XY. Questo è ciò che rende questa tomba così interessante, sostiene Moilanen, “perché un individuo dall’aspetto maschile era vestito con abiti e dotato di gioielli solitamente associati alle donne”.

La domanda ovvia da porsi è: quale analisi di vecchia data sarà la prossima a cadere? Dopo il giornale Lovers of Modena, racconta Lugli, il team ha pensato di testare altri “lovers” sepolti in tutta Italia. Tra i contendenti c’erano gli Amanti di Valdaro, custoditi presso il Museo Archeologico Nazionale di Mantova, a solo un’ora di macchina da Modena. La coppia di 6.000 anni è stata sepolta naso a naso e con le braccia premute tra il petto.

Quando sono stati trovati per la prima volta, gli amanti sono stati sessuati dall’osteologia, un esame visivo delle ossa che è ancora il modo più comune per identificare i resti sessuali. Tuttavia, la tecnica è tutt’altro che perfetta. Alcune ossa differiscono tra maschi e femmine, ma questi cambiamenti sono guidati dagli ormoni, afferma Rebecca Gowland, bioarcheologa della Durham University. Gli scheletri “devono aver attraversato la pubertà”, dice, quindi gli adolescenti possono essere ambigui. Inoltre, gli scheletri sono raramente completi e senza ossa chiave, come il bacino, l’osteologia diventa molto meno affidabile, anche per gli adulti.

Gli Amanti di Valdaro erano adolescenti quando sono morti, uno forse di appena 16 anni, quindi l’esame osteologico che li ha dichiarati “femmine” e “probabilmente maschi” potrebbe avvalersi di un supporto moderno – ed è in arrivo. Nel nuovo anno, un progetto DNA con sede presso l’Università Tor Vergata di Roma svelerà i suoi risultati sul sesso degli Amanti e sulle potenziali relazioni familiari.

Oltre alle coppie Lover, di cui ce ne sono solo una manciata in tutto il mondo, altri due gruppi probabilmente vedranno più “svelazioni sessuali” in futuro. Uno sono gli ominidi, il gruppo di scimmie viventi ed estinte a cui appartengono gli umani. “[With] ominidi, hai scheletri mal conservati di una specie in cui non sai quale sia la gamma del dimorfismo sessuale, perché potresti averne solo una parte o due”, spiega Gowland. Un ominide molto famoso noto come Lucy, ad esempio, è stato sessuato da mezzo bacino. “E se Lucy fosse Larry?”

Sebbene l’analisi del DNA degli ominidi sia possibile, può essere complicata poiché il DNA può degradarsi al punto in cui rimane poco da analizzare. È qui che lo smalto dei denti entra in gioco. “Rispetto al DNA, [enamel] sopravvive davvero bene”, afferma Gowland, che faceva parte del team che ha sviluppato la tecnica.

Uno schizzo della tomba del guerriero vichingo a Birka, Svezia, di Hjalmar Stolpe, c1889.
Uno schizzo della tomba del guerriero vichingo a Birka, Svezia, di Hjalmar Stolpe, c1889. Fotografia: wikipedia

L’analisi dello smalto dei denti sfrutta la stessa differenza genetica dell’approccio tradizionale del DNA. I geni AMELX e AMELY producono una proteina chiamata amelogenina, un componente dello smalto dei denti. Parti della proteina, note come peptidi, possono essere sollevate dal dente utilizzando un acido delicato e la loro composizione chimica, anch’essa dipendente dal sesso, viene rilevata. “Sta rivoluzionando la bioantropologia”, afferma Lugli, “perché ora disponiamo di uno strumento per determinare in modo rapido ed economico il sesso degli esseri umani”.

L’altro gruppo che probabilmente vedrà un aumento delle determinazioni del sesso sono i bambini, perché altrimenti sono così difficili da fare sesso in modo affidabile. Lo scorso dicembre, un team guidato da ricercatori dell’Università del Colorado Denver stabilito il sesso di una bambina di 10.000 anni dal suo smalto dei denti. Era stata trovata in una ricca tomba piena di perline di conchiglie e ciondoli di pietra, a dimostrazione non solo che i bambini erano molto apprezzati nel Mesolitico, ma in particolare che lo erano anche le ragazze.

Allora, gli Amanti di Modena sono la prova di una relazione omosessuale di 1.500 anni fa? Simile a come le credenziali di guerriera della Birka Viking sono diventate oggetto di controversia quando il suo sesso è stato pubblicato, l’amore degli Amanti è ora messo in discussione. Potrebbero essere fratelli, cosa che, a causa della fallita analisi del DNA, non può essere esclusa. Gli stessi autori dello studio del 2019 propongono che potrebbero essere stati compagni d’armi. Tuttavia, precedente lavoro dei colleghi di Lugli respinse l’idea che fossero sepolti in un cimitero militare. I morti non mostravano segni di ripetuti combattimenti, c’erano sia uomini che donne e un bambino di sei anni. Allora perché rilanciare l’ipotesi del soldato?

Lugli dice che alcune cose sono cambiate: c’è stata un’analisi approfondita delle ferite e uno scheletro che pensavano fosse una giovane donna in realtà era un uomo. Ma, dice, “la nostra interpretazione è stata principalmente da una prospettiva storica”. Pensa che sia improbabile che i loro genitori tengano la coppia mano nella mano per mostrare il loro amore, in quel momento. “Ma tutto è possibile.”

In altre parole, i morti non si seppelliscono. Ma chiaramente non scavano nemmeno loro stessi. “C’è una vera mancanza di creatività su come le altre persone hanno vissuto la loro vita”, dice Pamela L Geller, bioarcheologa specializzata in studi queer e femministi presso l’Università di Miami, “perché siamo così legati alle categorie che abbiamo in atto ora .”

Allo stesso tempo, sebbene i metodi scientifici possano eliminare alcune congetture, “ci sono solo alcune cose che non sapremo del passato”, dice Geller. Chi ha amato chi è una di quelle cose, così come il senso di identità delle persone. Gli archeologi possono solo provare, nel miglior modo possibile, a ricostruire la vita delle persone del passato sulla base dei dati disponibili. Gardeła dice che è una questione di rispetto per le persone del passato. “Ogni tomba racconta una storia diversa”, dice, “perché erano tutti veri umani. Avevano le loro vite uniche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.