USA: il fondatore di Oath Keepers di estrema destra si dichiara non colpevole di sedizione | Notizie di politica


Stewart Rhodes è accusato di cospirazione sediziosa in relazione all’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio dello scorso anno.

Il fondatore della milizia di estrema destra Oath Keepers si è dichiarato non colpevole di accuse di cospirazione sediziosa per il suo presunto ruolo nell’attacco mortale al Campidoglio degli Stati Uniti lo scorso anno.

Indossando manette e ferri per le gambe, Stewart Rhodes ha fatto una breve prima apparizione alla corte federale di Plano, in Texas, venerdì sotto la custodia degli US Marshal.

Rhodes, 56 anni, è l’imputato di più alto profilo di oltre 725 accusati finora per presunta partecipazione all’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio a Washington, DC.

Una folla di sostenitori di Donald Trump ha preso d’assalto il Campidoglio quel giorno poco dopo che l’ex presidente repubblicano ha pronunciato un discorso incendiario in cui ha ripetuto le sue false affermazioni secondo cui le elezioni statunitensi del 2020 erano state segnate da frodi diffuse.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti chiederà che Rhodes sia trattenuto in attesa del processo, ha detto un pubblico ministero all’udienza di venerdì.

James Lee Bright, un avvocato di Rhodes, ha detto ai giornalisti che il suo cliente intende combattere le accuse.

“Crede che sarà dichiarato non colpevole”, ha detto Bright, aggiungendo che Rhodes si opporrà alla richiesta del governo di custodia cautelare. “Non ha motivo di fuggire. Non ha passaporto. Non ha nessun posto dove andare”, ha detto Bright.

Rhodes è stato accusato all’inizio di questa settimana insieme a più di una dozzina di altri membri e associati degli Oath Keepers, che secondo le autorità sono venuti a Washington, DC, con l’intento di fermare la certificazione della vittoria elettorale del presidente Joe Biden.

L’accusa ha ritratto Rhodes come un capobanda che ha avvertito i suoi membri di prepararsi per una “lotta sanguinosa e disperata” per impedire a Biden di diventare presidente.

I pubblici ministeri hanno affermato che a partire dalla fine di dicembre 2020, Rhodes ha utilizzato comunicazioni crittografate private per pianificare un viaggio nella capitale degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021. Lui e altri avevano pianificato di portare armi nell’area per aiutare a sostenere l’operazione, hanno affermato.

“Mentre alcuni membri e affiliati di Oath Keepers hanno violato i terreni e l’edificio del Campidoglio, altri sono rimasti di stanza appena fuori città in squadre di Quick Reaction Force (QRF)”, ha affermato giovedì il Dipartimento di Giustizia in una dichiarazione.

“Secondo l’accusa, le squadre della QRF erano preparate a trasportare rapidamente armi da fuoco e altre armi a Washington, DC, a sostegno delle operazioni volte all’uso della forza per fermare il legittimo trasferimento del potere presidenziale”.

L’accusa afferma anche che Rhodes ha speso migliaia di dollari per accumulare attrezzature e armi, tra cui un fucile AR-15, occhiali per la visione notturna e munizioni.

Gli Oath Keepers si concentrano sul reclutamento di polizia, servizi di emergenza e militari attuali ed ex. Il gruppo di estrema destra crede che il governo federale stia violando i suoi diritti.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *