Novak Djokovic è detenuto in attesa di udienza sul visto australiano


Novak Djokovic è stato arrestato sabato da funzionari dell’immigrazione mentre combatteva gli sforzi del governo australiano per espellerlo.

Atti del tribunale depositato dai suoi avvocati ha confermato che alle 9:19 a Melbourne era trattenuto in detenzione per immigrati poiché un tribunale decide se può essere espulso dopo essere entrato in Australia senza essere vaccinato.

Un giudice aveva stabilito che Djokovic sarebbe stato autorizzato a rimanere nella sua residenza fino a un incontro di sabato mattina con i funzionari dell’immigrazione, dopodiché è stato arrestato e scortato nell’ufficio dei suoi avvocati. Non era chiaro dove fosse trattenuto dopo.

Gli agenti di frontiera dovrebbero scortarlo di nuovo negli uffici del suo avvocato domenica mattina per l’udienza in cui entrambe le parti esporranno il loro caso.

Il giudice ha stabilito che Djokovic non può essere espulso fino alla conclusione dell’appello del tribunale. Non è chiaro se lascerà volontariamente il Paese. I suoi avvocati non hanno restituito e-mail in cerca di commenti sabato.

Gli avvocati di Djokovic, preoccupati per la tempesta mediatica attorno al suo caso, hanno cercato di mantenere segreta la sua posizione. Un giudice ha stabilito che sia gli avvocati di Djokovic che il dipartimento dell’immigrazione dovevano concordare dove si trovasse.

Venerdì, gli avvocati di Djokovic hanno sostenuto senza successo che dovrebbe essere tenuto fuori dalla detenzione per immigrati per tutta la durata del ricorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *