Aumentano le richieste di dimissioni del primo ministro britannico per le “parti” di blocco | Notizia


Il personale della residenza ufficiale del Primo Ministro britannico ha tenuto i “venerdì dell’ora del vino” durante il blocco del coronavirus, secondo nuove rivelazioni.

Stanno crescendo le richieste per il primo ministro britannico Boris Johnson di dimettersi dopo che sono emerse ulteriori rivelazioni sui partiti regolari organizzati a Downing Street che hanno infranto le regole di blocco del COVID-19, con il leader del partito laburista Keir Starmer che ha affermato che Johnson non era “in grado di guidare”.

Il primo ministro del Regno Unito ha assistito a sessioni di bevute settimanali del “venerdì dell’ora del vino” del suo staff durante la pandemia di coronavirus, per le quali hanno installato un frigorifero per il vino appositamente acquistato, secondo un nuovo rapporto del quotidiano Daily Mirror.

Il rapporto del quotidiano britannico chiude una settimana torrida di rivelazioni sulle violazioni del blocco a Downing Street che hanno visto l’ufficio di Johnson costretto venerdì a scusarsi con la regina Elisabetta II.

Mercoledì Johnson si è scusato con il parlamento per aver partecipato a quello che ha definito un “evento di lavoro”, in un momento in cui la mescolanza sociale era vietata.

Il drip feed minaccia di mettere in ombra i piani segnalati da Johnson per rilanciare la sua premiership merlata, a partire da un allentamento delle continue restrizioni sulla pandemia nel corso del mese.

Se Johnson e il suo staff abbiano consapevolmente violato la legge durante i precedenti blocchi è la questione centrale affrontata in un’indagine da parte dell’alto funzionario pubblico Sue Gray, che potrebbe riferire la prossima settimana.

Si dice che Gray sia stato “completamente preso alla sprovvista” dalle ultime rivelazioni, ha riferito il quotidiano Times.

‘Venerdì all’ora del vino’

Il Daily Mirror ha pubblicato una fotografia della cantinetta che veniva consegnata a una porta sul retro a Downing Street nel dicembre 2020 e ha detto che il personale lo riforniva regolarmente con valigie cariche di alcol.

I “venerdì dell’ora del vino” sono stati programmati nei calendari elettronici di circa 50 dipendenti al numero 10, in apparente violazione del divieto di socializzazione al chiuso durante la pandemia, ha riferito.

Johnson passava spesso per una chiacchierata alla fine della giornata lavorativa, ha detto il giornale, citando una fonte che diceva: “L’idea che non sapesse che c’erano bevande è una totale sciocchezza.

“Se il PM ti dice di ‘sfogarti’, in pratica sta dicendo che va bene”, ha aggiunto la fonte.

Testimoni hanno detto al quotidiano Telegraph che si consumava alcol e gli ospiti ballavano al ritmo della musica, con una persona mandata in un negozio locale con una valigia per comprare del vino.

In risposta, una portavoce di Downing Street ha affermato che il governo era in attesa dell’indagine di Gray “per stabilire i fatti sulla natura degli incontri” durante la pandemia. “I risultati saranno resi pubblici a tempo debito”, ha aggiunto.

Nadim Baba di Al Jazeera, riportando da Downing Street, ha affermato che molti cittadini stavano ridicolizzando il primo ministro a causa delle scuse addotte per organizzare le feste.

“C’è una furia proveniente dal grande pubblico diretta al Partito conservatore”, ha detto.

“Stiamo sentendo che membri conservatori sempre più fedeli hanno inviato e-mail arrabbiate ai parlamentari, con alcuni che hanno persino cancellato la loro iscrizione al partito”, ha detto Baba.

“Un sondaggio di opinione pubblicato venerdì ha messo il principale partito laburista di opposizione al 42%, 10 punti in più rispetto al Partito conservatore”.

Protesta a Downing Street

Venerdì, persone che indossavano maschere Johnson hanno ballato a Downing Street, chiedendo al primo ministro di dimettersi.

Nell’aprile 2021 si sono tenute due feste mentre la regina si preparava a seppellire il principe Filippo, suo marito da 73 anni. Downing Street ha inviato le sue scuse a Buckingham Palace, definendole “profondamente deplorevoli”.

Almeno cinque parlamentari del Partito conservatore affermano di aver depositato lettere per chiedere un voto di sfiducia a Johnson, ma ha in programma di lanciare “Operazione Save Big Dog” per salvare la sua leadership, secondo i rapporti.

Gli alleati di Johnson hanno propagandato i suoi successi in carica, inclusa la consegna del ritiro della Gran Bretagna dalla Brexit dall’Unione Europea. Il quotidiano indipendente ha detto che supervisionerà la sgombero del personale di vertice.

Ma il partito laburista dell’opposizione, che è cresciuto nei sondaggi da quando le rivelazioni del “partygate” hanno iniziato a emergere il mese scorso, ha affermato che Johnson non era idoneo a ricoprire una carica.

Il leader laburista Keir Starmer ha affermato che il paese stava assistendo allo spettacolo infranto di un primo ministro impantanato nell’inganno e nell’inganno, aggiungendo che Johnson era “incapace di guidare”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.