Sirhan, l’assassino di Robert F. Kennedy, ha negato la libertà condizionale in California | Notizie sul crimine


Il governatore della California Gavin Newsom afferma che l’assassino condannato non ha sviluppato “responsabilità e intuizione” necessarie per il suo rilascio.

Il governatore della California Gavin Newsom ha negato la libertà condizionale a Sirhan Sirhan, il rifugiato palestinese condannato all’ergastolo per aver assassinato il candidato presidenziale americano Robert F Kennedy nel 1968.

Newsom ha fatto l’annuncio giovedì dopo che un comitato di revisione della California ad agosto aveva raccomandato il rilascio di Sirhan dalla prigione, soggetto a revisione da parte dello staff legale del consiglio e dallo stesso governatore. In precedenza gli era stata negata la libertà condizionale 15 volte.

Delineando la sua decisione in un articolo di opinione sul Los Angeles Times, Newsom ha affermato di non essere d’accordo con la decisione del Board of Parole Hearings che il 77enne era idoneo alla libertà condizionale.

“Dopo aver esaminato attentamente il caso, compresi i documenti negli Archivi di Stato della California, ho stabilito che Sirhan non ha sviluppato la responsabilità e l’intuizione necessarie per supportare il suo rilascio sicuro nella comunità”, ha scritto Newsom.

L’avvocato di Sirhan, Angela Berry, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. In precedenza ha affermato che Sirhan non è mai stato accusato di una grave violazione della prigione e che i funzionari della prigione lo hanno ritenuto a basso rischio.

Sirhan è stato condannato per aver ucciso Kennedy, 42 anni, nella dispensa della cucina dell’Ambassador Hotel a Los Angeles il 5 giugno 1968.

La sparatoria è avvenuta pochi minuti dopo che il senatore degli Stati Uniti ed ex procuratore generale degli Stati Uniti ha pronunciato il suo discorso di vittoria dopo aver vinto le primarie democratiche della California. Kennedy morì il giorno successivo. Il fratello maggiore di Kennedy, il presidente John F. Kennedy, fu assassinato a Dallas nel 1963.

Sirhan ha detto di non ricordare l’uccisione di Robert Kennedy, anche se ha anche detto di aver sparato a Kennedy perché era infuriato per il suo sostegno a Israele.

Dopo che il consiglio per la libertà vigilata ha emesso la sua raccomandazione, la vedova di Kennedy, Ethel, 93 anni, ha espresso la sua opposizione al rilascio di Sirhan, dicendo che “la nostra famiglia e il nostro paese hanno subito una perdita indicibile a causa della disumanità di un uomo”.

Newsom ha indicato quella che ha definito la “narrativa mutevole” di Sirhan sull’omicidio e il suo rifiuto di assumersene la responsabilità come prova che non era idoneo per il rilascio.

Newsom ha aggiunto che l’assassinio è stato “tra i crimini più noti nella storia americana”.

Sirhan è stato condannato a morte nel 1969, ma la sua condanna è stata commutata in ergastolo dopo che la California ha vietato la pena di morte.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.