Microsoft commissiona la revisione di terze parti delle sue politiche di molestie e discriminazione

Il consiglio di amministrazione di Microsoft sta assumendo uno studio legale per rivedere le politiche dell’azienda in materia di molestie sessuali e discriminazione dopo anni di denunce di illeciti in azienda. La recensione, che sarà condotto dallo studio legale Arent Fox, includerà un rapporto pubblico sulla trasparenza “che valuta l’efficacia delle politiche aziendali in materia di molestie sessuali e discriminazione di genere sul posto di lavoro, formazione e politiche correlate”.

Includerà anche una valutazione della precedente indagine di Microsoft sulle accuse contro il co-fondatore della società ed ex CEO Bill Gates. GeekWire rapporti che questa recensione non indagherà nuovamente sulla relazione di Gates con un dipendente dell’azienda nell’anno 2000. Bill Gates si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Microsoft nel marzo 2020 e, secondo quanto riferito, se ne è andato prima che Microsoft avesse completato le sue indagini.

Il rapporto del consiglio esaminerà anche molteplici accuse di discriminazione e molestie emerse in una catena di posta elettronica interna di Microsoft nel 2019. Accuse di molestie sessuali, storie di comportamenti umilianti e commenti sessisti sono stati tutti evidenziati nella catena di posta elettronica in cui i dipendenti Microsoft si sono lamentati dell’azienda non ha intrapreso alcuna azione in molti casi.

Microsoft è stata anche oggetto di una causa quinquennale per retribuzione equa che è stata originariamente intentata nel 2015. La causa, intentata dall’ex dipendente Microsoft Katie Moussouris, ha affermato che la società ha discriminato ingiustamente le dipendenti donne a causa del loro genere. Moussouris ha abbandonato il suo caso nel 2020, ma sta ancora lottando per una retribuzione equa nel settore tecnologico.

“Ci impegniamo non solo a rivedere il report, ma ad imparare dalla valutazione in modo da poter continuare a migliorare le esperienze dei nostri dipendenti”, afferma Satya Nadella, CEO di Microsoft, in una dichiarazione che accompagna il annuncio della revisione. “Abbraccio questa recensione completa come un’opportunità per continuare a migliorare”.

Ecco cosa Microsoft dice che la sua revisione affronterà:

  • “Ciò porterà al rilascio pubblico di un rapporto sulla trasparenza che valuterà l’efficacia delle politiche aziendali in materia di molestie sessuali e discriminazione di genere sul posto di lavoro, formazione e politiche correlate. Ciò includerà una revisione delle preoccupazioni sollevate dai dipendenti nel 2019 nel thread di posta elettronica “Ha bisogno di assistenza”, le misure che l’azienda ha adottato per rispondere a queste preoccupazioni e ulteriori misure che potrebbero rafforzare ulteriormente queste salvaguardie. La revisione includerà anche un’analisi delle politiche, delle pratiche e degli impegni per creare un ambiente di lavoro sicuro e inclusivo”.
  • “Il rapporto riassumerà i risultati di qualsiasi indagine sulle molestie sessuali durante questo stesso periodo di tempo contro i membri del Consiglio di amministrazione e il Senior Leadership Team dell’azienda, comprese le accuse su cui un comitato del consiglio ha indagato a partire dal 2019 coinvolgendo Bill Gates”.
  • “Valuterà le misure che sono state adottate per ritenere i dipendenti, compresi i dirigenti, responsabili di molestie sessuali o discriminazione di genere”.
  • “Il rapporto includerà dati sul numero di casi di molestie sessuali indagati e sulla loro risoluzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.