Il giudice statunitense respinge l’offerta del principe Andréj di archiviare il caso di abuso sessuale | Notizie di aggressioni sessuali


La decisione apre la strada alla causa di Virginia Giuffre contro il duca di York per rimanere sulla buona strada per un processo che potrebbe iniziare alla fine di quest’anno.

Un giudice degli Stati Uniti ha respinto l’offerta del principe Andréj del Regno Unito di respingere la causa di Virginia Giuffre che accusa il duca di York di aver abusato sessualmente di lei quando aveva 17 anni e di essere stata trafficata dal defunto finanziere Jeffrey Epstein.

In una decisione resa pubblica mercoledì, il giudice di New York Lewis Kaplan ha affermato nella sua sentenza che la mozione del reale britannico di respingere la denuncia è stata “negata sotto tutti gli aspetti”.

Kaplan a Manhattan ha detto che era prematuro considerare gli sforzi del principe per mettere in dubbio le accuse di Giuffre, di averla picchiata e causato intenzionalmente il suo disagio emotivo, anche se gli sarebbe stato permesso di farlo in un processo.

Gli avvocati di Andrew e Giuffre così come Buckingham Palace non hanno immediatamente risposto alle richieste di commento.

Andrew ha negato le accuse di Giuffre di averla costretta a fare sesso più di due decenni fa nella casa londinese dell’ex socio di Epstein Ghislaine Maxwell e di aver abusato di lei in altre due proprietà di Epstein.

La decisione apre la strada al caso di Giuffre contro Andrew per rimanere sulla buona strada per un processo che secondo Kaplan potrebbe iniziare alla fine di quest’anno.

Sebbene il principe non sia accusato di illeciti criminali, i suoi legami con Epstein hanno danneggiato la sua reputazione e gli sono costati molti doveri reali.

Gli avvocati del principe Andrea avevano affermato che la causa mancava di specificità ed era stata squalificata da un accordo che aveva raggiunto nel 2009 con gli avvocati di Jeffrey Epstein.

L’accordo di una causa è stato raggiunto un decennio prima che Epstein si uccidesse in un carcere di Manhattan mentre aspettava un processo per traffico sessuale.

Ma Kaplan ha detto che il linguaggio “confuso” nell’accordo di Giuffre ed Epstein del 2009 suggerisce che potrebbero essere arrivati ​​a “qualcosa di una via di mezzo” sul fatto che Andrew o altri in posizioni simili sarebbero stati protetti da future cause legali.

Tali accordi possono impedire ai ricorrenti di perseguire ulteriori contenziosi, anche nei confronti di terzi.

“Non sappiamo cosa, se non altro, è passato per la mente delle parti”, ha scritto Kaplan. “Le parti hanno articolato almeno due interpretazioni ragionevoli del linguaggio critico. L’accordo, quindi, è ambiguo”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.