Francia: Sospetto arrestato nel 2012 per omicidio di una famiglia britannica e di un ciclista francese



Saad al-Hilli, sua moglie, Ikbal al-Hilli, e sua suocera di 74 anni sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco alla periferia di Chevaline, vicino al lago di Annecy, il 5 settembre 2012. I due di al-Hillis le giovani figlie sono sopravvissute alle sparatorie, una con ferite da percosse e uno sparo.

Nello stesso momento è stato ucciso a colpi di arma da fuoco anche un ciclista francese, Sylvain Mollier.

“Una persona è stata arrestata il 12 gennaio 2022 alle 8:05 (locali) dall’unità investigativa di Chambéry in relazione all’omicidio della famiglia Al Hili e Sylvain Mollier, soprannominato il ‘caso Chevaline'”, si legge nella dichiarazione disse.

L’arresto è stato effettuato per verificare il programma del sospetto, secondo la dichiarazione.

L’uomo senza nome, che viveva con il suo partner, è stato arrestato su ordine del giudice inquirente incaricato del caso, secondo BFMTV, affiliata della CNN. In precedenza è stato ascoltato come testimone in questo caso.

Anche la sua casa è stata perquisita mercoledì mattina.

Non è la prima volta che qualcuno viene messo in custodia dalla squadra investigativa. Nessuno degli arresti precedenti ha portato a una svolta o a un’accusa.

Lo scorso settembre, secondo BFMTV, è stata effettuata una ricostruzione del crimine nel villaggio di Chevaline alla presenza di molti testimoni. Gli investigatori stavano tentando di ripercorrere il percorso dell’assassino e di cronometrare le loro azioni.

Le ragioni dell’attacco rimangono un mistero.

Nato a Baghdad, in Iraq, nel 1962, Saad al-Hilli era un cittadino britannico naturalizzato che viveva nel Regno Unito da decenni. Era un ingegnere che lavorava presso la Surrey Satellite Technology, una società high-tech di proprietà di EADS, una società aerospaziale che costruisce satelliti.

Viveva con la moglie nella città di Claygate, nella contea del Surrey, nel sud dell’Inghilterra. La figlia maggiore della coppia, che all’epoca aveva sette anni, è stata trovata gravemente ferita da un ciclista britannico che è stato il primo a imbattersi nella scena della sparatoria. La seconda figlia, di quattro anni, è stata scoperta solo poche ore dopo nascosta nel retro dell’auto sotto le gambe della madre morta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.