20 anni dopo, Biden deve chiudere Guantánamo una volta per tutte | Opinioni


In una recente manifestazione davanti alla Casa Bianca per chiedere la chiusura della prigione militare statunitense presso la base navale di Guantánamo Bay, sull’isola di Cuba, un adolescente si è avvicinato a un collega per chiedergli di cosa si trattasse. Le disse che non aveva mai sentito parlare della struttura di detenzione.

Sono trascorsi 20 anni e quattro amministrazioni presidenziali dall’apertura di Guantánamo, ma per i nati da allora, le sue storie terrificanti sembrano più la trama di un film horror fittizio che la realtà. È un’eredità vergognosa che semplicemente non possiamo trasmettere alle generazioni future.

Aperta in risposta agli attacchi dell’11 settembre, Guantánamo ha tenuto quasi 780 uomini e ragazzi musulmani. Prima di essere detenuti, molti sono stati rapiti, scomparsi e brutalmente torturati nelle prigioni segrete gestite dagli Stati Uniti o dai cosiddetti alleati nella “guerra al terrore”. A Guantánamo sono stati torturati, pochissimi sono stati accusati di crimini e nessuno ha ricevuto un processo equo. Le commissioni militari kafkiane istituite per processarli si sono rivelate inefficaci e ingiuste, negando agli imputati un arbitro imparziale e l’accesso a prove critiche. Nel frattempo, le famiglie delle vittime dell’11 settembre hanno atteso invano giustizia.

Amnesty International e molti altri in tutto il mondo hanno ostinatamente fatto una campagna per chiudere la prigione sin dal suo inizio. Il presidente Joe Biden, come il presidente Barack Obama prima di lui, ha promesso di chiuderlo, ma finora non è riuscito a farlo.

L’amministrazione Biden ha trasferito un detenuto fuori dalla struttura a luglio, ma non ha ancora ristabilito l’ufficio di inviato speciale presso il Dipartimento di Stato dedicato alla chiusura del carcere. Al contrario, l’amministrazione ha recentemente annunciato l’intenzione di costruire una nuova aula di tribunale a Guantánamo per continuare il lavoro delle commissioni militari, esattamente l’opposto di un progetto per chiudere il luogo.

Non si tratta solo di chiudere Guantánamo. Si tratta anche di fornire responsabilità per le violazioni commesse all’interno del suo contesto. L’anno scorso sono state rese pubbliche le testimonianze di un certo numero di ex detenuti, tra cui Majid Khan, Abu Zubayda e Mohamedou Ould Slahi, che descrivevano i loro abusi nei “siti neri” gestiti dagli Stati Uniti all’estero ea Guantanamo. La storia di Abu Zubaydah è stata raccontata in un documentario della PBS intitolato The Forever Prisoner, la tortura inflitta a Slahi, che ora è un autore di bestseller e difensore dei diritti umani, è stata ritratta nel film The Mauritanian, mentre Khan ha raccontato a una giuria di condanna di sopportare lo stress posizioni, percosse, alimentazione forzata con tubi conditi con salsa piccante e sodomia con un tubo da giardino.

La Corte europea dei diritti dell’uomo si è pronunciata in cause civili contro Italia, Lituania, Macedonia, Polonia e Romania per la loro complicità nella tortura e nella sparizione forzata di persone nell’ambito dei programmi statunitensi di consegna e detenzione segreta, ma non c’è mai stato alcun responsabilità significativa per gli Stati Uniti. Da chi ha autorizzato la tortura ai massimi livelli del governo a chi ha praticato le illegali “tecniche di interrogatorio potenziato”, nessuno è mai stato ritenuto responsabile dei crimini commessi. Ciò dovrebbe iniziare con la declassificazione e il rilascio completo del rapporto del comitato ristretto dell’intelligence del Senato degli Stati Uniti sulla tortura della CIA.

Trentanove uomini rimangono a Guantánamo. Tredici sono ancora in detenzione a tempo indeterminato, nonostante sia stato approvato per il trasferimento, alcuni più di un decennio fa. Dodici sono accusate nelle commissioni militari, mentre gli altri 14 vivono in un limbo infernale: non ancora abilitati al trasferimento, ma mai accusati di reato. La loro situazione è una reliquia dei principi fondamentali che hanno prevalso a Guantánamo sin dal suo inizio: crudeltà e arbitrarietà.

Il governo degli Stati Uniti deve intraprendere un’azione rapida per correggere questo torto. Deve impegnarsi a risolvere il caso di ciascun detenuto attraverso il loro trasferimento e rilascio senza ulteriore ritardo e in conformità con il diritto internazionale. Oppure, se vi sono prove sufficienti e ammissibili per perseguire reati riconoscibili a livello internazionale, ciò deve essere fatto attraverso un’equa risoluzione giudiziaria davanti a un tribunale federale regolarmente costituito senza ricorrere alla pena di morte.

Guantánamo rimane una macchia indelebile nella storia degli Stati Uniti, un capitolo che il governo degli Stati Uniti deve ora chiudere e non ripetere mai. Il presidente Biden deve a tutti noi – coloro che hanno vissuto o guardato Guantánamo con orrore nel corso degli anni, e le nuove e future generazioni che lo stanno imparando proprio ora – di chiuderlo una volta per tutte.

Le opinioni espresse in questo articolo sono proprie dell’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.