Palestinesi convocano l’inviato olandese per il taglio degli aiuti delle ONG | Notizie sul conflitto israelo-palestinese


L’Autorità Palestinese afferma che la decisione olandese di tagliare i finanziamenti all’Unione dei comitati per il lavoro agricolo è stata “ingiusta e parziale”.

L’Autorità Palestinese (AP) ha convocato il rappresentante olandese per opporsi alla decisione dei Paesi Bassi di sospendere i finanziamenti a un gruppo della società civile palestinese che Israele ha bandito come “gruppo terroristico” nell’ottobre 2021.

In una dichiarazione di lunedì, l’AP ha respinto la decisione “ingiusta e parziale” di tagliare i finanziamenti all’Unione dei comitati per il lavoro agricolo (UAWC), uno dei sei gruppi che Israele ha messo fuori legge l’anno scorso in quello che i critici hanno affermato essere un assalto ai civili palestinesi società.

Il divieto era con il pretesto di essere affiliati al Fronte popolare di sinistra per la liberazione della Palestina (FPLP), che ha un partito politico, oltre a enti di beneficenza e un’ala armata.

L’Autorità Palestinese, che amministra parti della Cisgiordania occupata e coordina la sicurezza con Israele, ha affermato che l’UAWC fornisce aiuti vitali agli agricoltori palestinesi che lottano per rimanere nelle loro terre di fronte all’espansione degli insediamenti israeliani.

Il governo olandese ha basato la sua decisione su un audit indipendente dell’UAWC che non ha trovato prove che l’organizzazione fosse coinvolta nel terrorismo. Ha affermato che l’audit ha tuttavia riscontrato che un numero “preoccupante” di membri del consiglio dell’UAWC era collegato al PFLP. Due ex dipendenti dell’UAWC sono stati arrestati in relazione a un attentato che ha ucciso un adolescente israeliano in Cisgiordania nel 2019.

L’UAWC ha respinto i risultati, dicendo che non si preoccupa delle attività politiche private dei suoi membri del consiglio o dipendenti.

Il braccio armato è stato attivo come organismo organizzato nella seconda Intifada – o rivolta – quando ha effettuato attacchi contro obiettivi civili e militari israeliani.

Israele ha affermato che i sei gruppi sono fronti del FPLP, ma ha fornito poche prove a sostegno delle accuse. La designazione ha aperto la strada all’esercito israeliano per chiudere i gruppi e arrestarne i membri, ma non è ancora stato fatto.

I gruppi per i diritti umani hanno negato le accuse israeliane, che secondo loro mirano a soffocare la società civile e fare pressioni sui donatori occidentali affinché taglino i finanziamenti.

I sei gruppi della società civile hanno sede nella Cisgiordania occupata, che Israele catturò nella guerra del 1967.

I leader palestinesi vogliono che la Cisgiordania costituisca la parte principale del loro futuro stato.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.